Cerca:
Home Cromatura Cassanese: contro la crisi, meno pessimismo e più idee

Cromatura Cassanese: contro la crisi, meno pessimismo e più idee

Paolo Rolandi

Paolo Rolandi

Il settore oggi: ancora crisi?
Più che di crisi, si dovrebbe parlare di sofferenza. Sembrava che nel 2011 ci si potesse lasciare alle spalle parte delle preoccupazioni, invece si è ripresentata la stessa situazione del 2009. E nel 2012 prosegue il calo delle commesse. Il settore è combattivo e tenta di reagire, però gli imprenditori dovrebbero essere dotati di strumenti che permettano loro di superare questa situazione senza ostacoli.

Quali strumenti?
Nel 2011, il comparto lombardo della meccanica di produzione ha incrementato i propri occupati di più di 4000 unità rispetto il 2009. Nonostante il numero delle imprese sia calato in questi ultimi tre anni (da 31.900 nel 2009 a 30.900 nel 2011) le assunzioni aumentano.

Cosa chiedono le imprese del settore?

Di poter lavorare, anche se gli ordini ce li hai il lunedì, poi il giovedì niente e cerchi i clienti. Due giorni dopo non sai come fare perché le commesse arrivano e con la crisi si vuole “tutto e subito”. Flessibilità è la parola del cambiamento. Un’azienda “multiperiodale” e con elasticità di orario può mantenere l’occupazione e ridurre il peso sociale sulla Cassa Integrazione in Deroga. Cig che ci auguriamo sia rinnovata anche per le microimprese: è uno strumento che aiuta, a trattenere in azienda le professionalità dei collaboratori. In un momento in cui gli insoluti stanno arrivando anche da clienti “insospettabili”, è importante.

E il costo del lavoro?
Deve essere abbattuto perchè è insopportabile. La tassazione, per una microimpresa, ha ormai superato il 60%; si lavora sei mesi all’anno solo per lo Stato. Poi, ci sono la burocrazia e l’energia, i tempi della giustizia, il credito. In tutto questo, ci potrebbe dare una mano un corretto utilizzo dell’apprendistato (il 70% degli apprendisti sono assunti con contratto a tempo indeterminato nelle piccole imprese) e il contratto di rete: strumento innovativo per chi “va male” e per chi “va bene”.

L’esperienza in provincia di Varese è Mech-Net? (*)

Un’esperienza sulla quale stanno insistendo le imprese della meccanica che ne fanno parte. Il contratto di rete è uno strumento elastico anche se limitato dall’impossibilità di avere personalità giuridica. Però permette di affrontare le difficoltà economiche con prospettive diverse perché le si condivide con altri colleghi del settore. Mechnet ha acquisito i primi ordini: ora si tratta di farsi conoscere per le proprie capacità produttive lavorando sull’aspetto commerciale e di marketing delle imprese.

(*) Mech-Net il progetto di aggregazione tra imprese del settore voluto nel 2011 da Confartigianato Varese con la Camera di Commercio.

E la galvanica?
Il fatturato è diminuito, ma teniamo. Altri hanno già chiuso: per problemi di commesse ma anche per problemi legati all’aspetto ambientale. Non esistono ricette contro la crisi, ma solo scelte: per esempio quella di ottenere la certificazione ambientale, un plusvalore per l’impresa e i suoi clienti.

Quanto è cambiato il lavoro in questi anni?

Il cervello di un imprenditore è sempre acceso, e diversificare l’offerta è fondamentale. Anche nella mia impresa, l’offerta di lavorazioni è aumentata per soddisfare tutte le richieste e per stare al passo con i tempi: materiali nuovi, applicazioni diverse. L’effervescenza nel mercato esiste, quindi il piccolo imprenditore inventa e sperimenta: magari facendo rete e puntando alla nicchia.

Si può parlare di futuro?
Si deve! Le imprese non si arrendono e sperano che il Ministro dell’Economia Vittorio Grilli abbia ragione quando parla di una ripresa nel 2013. I sacrifici non sono finiti, lo sappiamo, ma è ora di poter raccogliere i primi risultati di questa resistenza.

Lo scorso 25 ottobre a Roma, in occasione dell’Assemblea elettiva di categoria è avvenuta l’elezione di Paolo Rolandi quale presidente nazionale di Confartigianato Meccanica. Il Nuovo presidente oltre a ringraziare per la fiducia il Consiglio Direttivo che lo affiancherà durante il mandato, ha comunicato il suo impegno nel promuovere le attività della categoria nella massima collaborazione tra i territori su alcuni temi prioritari: la promozione della formazione continua e lo sviluppo delle reti di impresa.

CROMATURA CASSANESE SNC
di Claudio, Piero, Mario e Paolo Rolandi
Cassano Magnago
www.cromaturacassanese.it

TORNA SU