Cerca:
Home Aziende partecipate, quanto ci costate

Aziende partecipate, quanto ci costate

societa-partecipate-679x358L’escalation delle tariffe dei Servizi a regolamentazione locale non si arresta. È quanto dimostrato dall’ultima analisi effettuata dal centro studi di Confartigianato imprese che certifica come nei cinque anni del federalismo fiscale, sono saliti del 21,3%, pari a 13,5 punti percentuali in più rispetto al 7,8% registrato per l’indice generale dei prezzi al consumo. Sempre in 5 anni i prezzi dei Servizi pubblici locali non energetici – Fornitura acqua, Raccolta rifiuti e Trasporto civile su strada – crescono in Italia del 25,9% , pressoché il doppio del 13,3% dell’Area Euro.

Vi sono 7mila società pubbliche locali di troppo; il 39% del totale ha meno di 6 dipendenti, il 62% delle partecipate in energia, gas, acqua e rifiuti ha un valore della produzione inferiore ai 10 milioni, per un totale del 7% della produzione totale; in 2.671 società partecipate da Comuni le persone che siedono nel Consiglio di Amministrazione sono più dei dipendenti, e di cui 1.213 società non hanno dipendenti ma solo consiglieri di amministrazione.

Le partecipate locali intercettano 18 miliardi di euro di trasferimenti pubblici: 2 miliardi per copertura delle perdite, 13 miliardi di trasferimenti per contratti di servizio (di cui 5 miliardi per sussidi a trasporto pubblico locale) e ulteriori 3 miliardi per altri trasferimenti.

La spesa delle imprese pubbliche locali è pari al 4,3% del Pil. In otto anni l’intermediazione delle imprese pubbliche locali aumenta di 1,2 punti di Pil; nel contempo la spesa delle Amministrazioni locali è scesa di mezzo punto di Pil. La maggiore intermediazione delle imprese pubbliche locali con affidamenti protetti dalla concorrenza: nel 36,6% dei casi affidamento diretto in house o a società miste, solo 1,5% con gara. Due terzi (65,5%) delle partecipate locali in settori diversi da quelli caratteristici dell’attività di regioni e comuni (Energia, acqua, rifiuti, trasporti, sanità e assistenza sociale, istruzione e Pubblica amministrazione).

Schermata 2015-03-26 alle 11.53.16

Gestione rifiuti e trasporto pubblico locale. Nel 2013 il 28,1% delle famiglie segnala la presenza del problema della sporcizia nelle strade nella zona in cui vive e in parallelo i costi di spazzamento e lavaggio ammontano a 22,8 euro per abitante. Il paradosso di scarsi risultati del servizio pulizia strade associati ad elevati costi: tra le maggiori regioni si passa dal Veneto con il 17,9% di famiglie che segnala la presenza del problema della sporcizia nelle strade e un costo di spazzamento e lavaggio strade per abitante di 14,4 euro/abitante (il più basso delle 9 maggiori regioni) al Lazio che con il valore più alto in Italia sia della quota di famiglie che rileva il problema della sporcizia delle strade (42,4%) e sia del costo per lavaggio e spazzamento strade (46,3 euro/abitante).

La soddisfazione del trasporto pubblico, l’Italia è al 25° posto in Europa (vedi tabella sotto). Ampie differenze di efficienza nelle imprese di trasporto pubblico locale: il costo medio per km di percorso per il trasporto urbano varia tra il minimo di 1,49 euro/km delle Marche e il massimo dei 7,59 euro/km del Lazio; i km percorsi mediamente in un anno da ciascun addetto alla guida oscilla tra i 45.811 km delle Marche ed i 18.150 km della Toscana. Ampi divari nelle performance delle società nel trasporto pubblico locale: le tre società peggiori hanno una quota di addetti alla guida del 61%, di 22 punti inferiore rispetto alla media delle tre migliori; il costo medio per addetto delle tre peggiori è di 40.850 euro per addetto (+8,8% rispetto alle tre migliori), le ore medie di guida per autista sono di 3,0 ore (-27,5% rispetto alle tre migliori); l’età media dei mezzi è di 14,3 anni (+4,1 anni rispetto tre migliori) e sono 19.750 km percorsi per ciascun mezzo (-54,0% rispetto alle tre migliori).

Schermata 2015-03-26 alle 11.55.43

In Italia, le Amministrazioni locali detengono 35.311 partecipazioni in 7.721 società distinte: tre quarti (74,7%) delle partecipazioni dai Comuni, seguono le Camere di Commercio con l’8,4% e le Province con il 7,8%. Il 47,2% delle società partecipate dalle Amministrazioni locali è in utile, il 18,6% in pareggio e il 34,3% con un risultato di esercizio in perdita. Il risultato di esercizio complessivo pro quota di tutte le Amministrazioni locali è positivo e pari a 500 milioni di euro. La quota di società in perdita passa dal 30,5% del Nord Est e il 31,0% del Nord Ovest, al 36,6% nel Centro per arrivare al 42,3% nel Mezzogiorno, dove supera la quota (37,4%) delle società in utile. Con la partecipazione pubblica al 100% si accentuano i risultati negativi: mentre per il totale delle partecipate locali gli utili sono pari al 2,6% del valore della produzione e il peso del costo del lavoro è pari al 30,3% del totale dei costi, la performance peggiora per le partecipate pubbliche al 100% con perdite dell’1,2% del valore della produzione e una incidenza del costo del personale che sale al 37,2%

TORNA SU