Cerca:
Home Imprese italiane: il Canton Ticino mette una barriera al lavoro

Imprese italiane: il Canton Ticino mette una barriera al lavoro

ValicoIl 1° febbraio 2016 entrerà in vigore la Legge Imprese Artigiane (LIA) con la quale il Consiglio di Stato del Canton Ticino pretende, dalle imprese italiane della filiera Casa (dagli edili agli impiantisti idraulici ed elettrici) che operano o vogliono operare sul territorio ticinese, l’iscrizione all’Albo delle imprese artigianali. Si tratta di un obbligo, che già si aggiunge a quelli esistenti per poter lavorare in Svizzera, che causa serie difficoltà alle circa 5.000 imprese artigiane/micro e piccole imprese e agli oltre 10.000 lavoratori lombardi che varcano il confine per portare professionalità e qualità tutte italiane.

Confartigianato Imprese Varese non nasconde la propria preoccupazione per le imprese associate che già lavorano con imprese e/o privati al di là del confine. Confartigianato, che si è mossa con le autorità ticinesi deputate per poter ottenere il maggior numero di informazioni e dare le prime rassicurazioni alle imprese, è in grado di fornire i primi dettagli tecnici in attesa che, completato il quadro normativo, si possa procedere con un affiancamento il più possibile esaustivo nei confronti delle aziende. Numerose, infatti, sono le complessità legate alla raccolta e alla compilazione della modulistica richiesta dalle autorità d’oltreconfine. Complessità che ha portato Confartigianato a sensibilizzare le istituzioni lombarde nei confronti di un problema che coinvolge buona parte del tessuto imprenditoriale. Per eventuali informazioni, invitiamo le imprese a contattare gli assistenti di impresa di Confartigianato Varese al numero 0332.256111.

“La legge del Consiglio di Stato – dice Mauro Colombo, direttore generale di Confartigianato Imprese Varese – disciplina l’esercizio della professione di imprenditore nel settore artigianale introducendo, però, elementi che ostacolano la circolazione delle imprese estere in Canton Ticino in contrasto con gli accordi bilaterali tra Unione Europea e Svizzera. Inoltre, nella legge viene inserito anche l’obbligo di rispettare, da parte delle imprese, determinati requisiti professionali (l’omologazione dei titoli di specializzazione) che sono demandati all’assoluta discrezionalità di giudizio di una Commissione che, probabilmente, andrà a colpire soprattutto le imprese di più piccole dimensioni. A questo va aggiunta la sperequazione dei costi di iscrizione all’Albo (2.000 franchi svizzeri più 300 franchi svizzeri per ogni specializzazione: per esempio, se sono imbianchino e anche gessatore dovrò versare 600 franchi), la polizza assicurativa richiesta con massimale di 1 milione di franchi, le sanzioni che possono arrivare fino a 50.000 franchi e la raccolta di circa 7 tra certificati e permessi da consegnare, poi, alle autorità ticinesi”.

In tutto questo, però, c’è un punto che alle autorità ticinesi sembra essere sfuggito: “Porre vincoli così severi alle imprese italiane non è vantaggioso neppure per le aziende svizzere – conclude il direttore Colombo – perché i nostri imprenditori sono proprio quelli che garantiscono l’operatività, ventiquattro ore su ventiquattro, degli impianti produttivi delle imprese del Canton Ticino. L’eventuale danneggiamento che deriverà dall’applicazione della LIA, quindi, interesserebbe non solo i nostri professionisti ma anche tutte quelle realtà imprenditoriali d’oltreconfine che fino ad oggi hanno fatto leva sulla preparazione, sulla flessibilità e sulla prontezza delle imprese italiane. Piuttosto che andare verso una restrizione del mercato, in questo caso realizzato attraverso criteri di valutazione che potrebbero risultare iniqui da parte della Commissione, si dovrebbe procedere con un gioco di squadra tra imprese svizzere e italiane per poter sfruttare tutte le opportunità che può offrire un mercato comune”.

TORNA SU