Cerca:
Home L’ingegnere-social della Mtm a lezione di marketing digitale: o cresci in Rete o sei fuori

L’ingegnere-social della Mtm a lezione di marketing digitale: o cresci in Rete o sei fuori

michele-torretta

Cosa ci fa un imprenditore che lavora nell’ambito del risparmio energetico, progettando e installando impianti di cogenerazione e trigenerazione ad alto rendimento, a un corso sul digital marketing? La domanda giunge spontanea ma, parlando con Michele Torretta (uno dei due soci della Mtm Energia di Magnago, provincia di Milano), la domanda non la si dovrebbe fare. Torretta ha trentadue anni, ha rilevato anni fa un ramo di un’azienda artigiana di impianti, e nel 2010 ha fondato la Mtm. Dove, oggi, lavorano otto persone.

Laureato in Ingegneria meccanica, Michele fa parte di quella generazione di imprenditori che alle nuove tecnologie si affezionano velocemente. Come dice lui, «ai social e a tutto il resto sono predisposto anagraficamente». E al corso sul digital marketing che sta per riprendere a Versione Beta, la scuola di formazione di Confartigianato Imprese Varese, Torretta ha trovato un mondo nuovo. E una risposta a quello che pensa: «Se di lavoro fai l’imprenditore, non puoi ignorare quello che ti accade intorno. Il corso mi è servito, e tanto, per trovare una mia direzione, identificare le priorità nel mondo dei social e del web e a dare una direzione alle mie attività quotidiane».

Questo imprenditore di Magnago è una persona operativa, è poco avvezzo all’informatica, non conosce gli algoritmi social ma sa che una volta acquisite le informazioni necessarie per sviluppare una linea strategica sul digital marketing, dovrà assumere una risorsa interamente dedicata a questo.

«Sarà una scelta meditata ma giusta. Alla Mtm usiamo già i social, da due anni stiamo lavorando al nuovo sito – www.mtmenergia.com – usiamo regolarmente le newsletter e l’e-mail marketing, vogliamo scommettere e lavorare sul personal branding. I contenuti del corso sul digital marketing erano centrati rispetto a quello che stavo cercando: vogliamo farci conoscere ancora di più, e il modo migliore per farlo è quello di usare gli strumenti digitali. Le informazioni e i consigli acquisiti durante il corso li condividerò con tutti i miei collaboratori, perché le nuove conoscenze presuppongo una strategia e perché quello che abbiamo appreso a Versione Beta non deve essere vanificato».

I primi risultati li si porta così. E questo vale anche per la generazione della quale fa parte Michele, quella della prima metà degli anni Ottanta, che guarda con occhi diversi Pc e Internet. Anche se Torretta, i social li usa ma in azienda non li gestisce: «Sono strumenti importanti che devono veicolare contenuti importanti: è per questo che ci vuole una figura dedicata. Il primo obiettivo, comunque, sarà quello di rafforzare il brand della Mtm». E di mirare meglio la comunicazione in un settore che lavora con il B2B e che è così tecnico da risultare complicato anche ai tecnici.

Michele sorride, ma social e digital marketing li prende seriamente e li considera possibili strumenti di svolta per la sua attività: «I social non spiegano il prodotto, ed è per questo che è importante creare un brand solido (perché parlare di brand può voler dire tutto o niente) e coltivare contatti sempre nuovi. Quindi al corso ho trovato una risposta a questa domanda: come utilizzare ogni singolo social per non usarlo in modo controproducente?».

Competenza, professionalità ma anche consapevolezza in quello che deve essere fatto: «In questo campo bisogna partire con il piede giusto: perché i social funzionino bisogna investire, e la definizione del budget da dedicare è cosa delicata. Ci vogliono ore, risorse umane, piani di sviluppo. Se ti avvicini in modo sbagliato a questi strumenti, rischi di buttare tutto al vento».

PER ULTERIORI INFORMAZIONI E ISCRIZIONI ALLA NUOVA EDIZIONE DEL CORSO 

TORNA SU