Cerca:
Home Bilancio Sociale 2017:
Un anno di valore per imprese e territori

Bilancio Sociale 2017:
Un anno di valore per imprese e territori

foto_cover_bilancio_sociale_2017Pubblicato il documento annuale che vuole essere un contributo di chiarezza e trasparenza per gli stakeholder. Il presidente Davide Galli: “Raccontiamo la nostra volontà di cambiamento”. Il dg Mauro Colombo: pronti a nuove sfide con nudge unit, rafforzamento del welfare aziendale e digitalizzazione. Fondamentale la sinergia tra associazione e contesto territoriale: nel 2017 il totale della remunerazione alla collettività è stata pari al 45% del totale delle risorse generate da Confartigianato Varese.

«Non solo “fare”, ma “generare valore” e distribuirlo alla comunità». È per illustrare, materializzare e rendere evidente il “valore” sintetizzato nelle parole del direttore generale Mauro Colombo, che Confartigianato Imprese Varese ha scelto, anche quest’anno, di redigere il Bilancio Sociale. «Un contributo di chiarezza e trasparenza, la trasposizione di un impegno finalizzato al cambiamento, alla crescita e alla condivisione di risultati» evidenzia il presidente Davide Galli.
Nelle 68 pagine del documento non c’è solo “un anno di valore”, il 2017, con le sue scelte, le attività svolte, gli impegni presi e mantenuti, i cambiamenti fatti, i servizi offerti alle imprese. Nel bilancio sociale ci sono le basi per i nuovi impegni, le scelte future, le prossime attività, i cambiamenti da far maturare, i nuovi servizi da predisporre.

UNA SCELTA E UNA TESTIMONIANZA
Il bilancio sociale è una scelta e una testimonianza.
«Con il bilancio sociale – conferma Colombo – portiamo all’attenzione degli stakeholder quanto realizzato, confrontandolo con le aspettative e le esigenze delle imprese. E rendendo chiaro a tutti, con la forza delle cifre e dei fatti, che il nostro scopo non è solo realizzare valore materiale (servizi, consulenze e prodotti specifici per le aziende) ma anche fornire, dove possibile, un valore aggiunto per la comunità. Perché imprese sane, attrezzate, competenti e capaci di pianificare una strategia di sviluppo producono valore per il territorio, generano ricchezza e creano posti di lavoro».
Imprese e territorio, binomio di un’economia sinergica, reattiva e proattiva anche per chi, «come noi che siamo parte di Confartigianato Varese, attraverso il bilancio sociale ha l’occasione per riflettere e migliorare qualità ed efficacia dei servizi, della rappresentanza e del rapporto con le imprese».

IL 45% DEL TOTALE DELLE RISORSE
Nel 2017 la remunerazione della collettività è stata pari al 45% del totale delle risorse generate da Confartigianato Varese.  «Stendere e analizzare un bilancio sociale non è esercizio di memoria fine a sé stesso – aggiunge il presidente Galli – E’ piuttosto delineare ciò che viene messo a valore per le imprese, gli imprenditori e i loro collaboratori, i dipendenti del sistema Confartigianato Varese, il territorio nel quale vivono, la società e l’ambiente ed è la sintesi dello sforzo di qualità, efficacia e propensione al cambiamento al quale mirano le oltre duecento persone che operano nella nostra organizzazione».
A 72 anni dalla fondazione, Confartigianato Varese – con le sue undici sedi sul territorio, le quasi ottomila imprese associate, le numerose nuove professionalità inserite nel corso dell’anno (perlopiù giovani o donne), è un valore e dà valore.

LA MISURABILITA’ DELLE AZIONI E DEI FATTI
Formazione, welfare, internazionalizzazione, innovazione, sicurezza, tutela ambientale, aggregazione, informazione, rappresentanza, credito, consulenze, medicina del lavoro e sicurezza sono le attività misurate e misurabili attraverso questo documento nella loro efficacia per le imprese e il territorio. «Nella speranza che quanti hanno il compito di guidare e gestire partite politiche e istituzionali faccia altrettanto, dimostrando – con fatti e azioni misurabili e tangibili – l’impegno a favore dell’economia e delle piccole e medie imprese» conclude Galli.

LA NUDGE UNIT, IL WELFARE AZIENDALE E NON SOLO: PRONTI AL 2018
Un impegno che Confartigianato Varese ha già messo in cantiere nel 2018 con l’avvio di attività nuove e sperimentali come la “Nudge Unit” interna alla quale verrà affidata la missione di finalizzare la cosiddetta “spinta gentile” introdotta da Cass Sunstein e Richard Thaler (premio Nobel per l’economia nel 2017) al miglioramento di processi, servizi, attività e comportamenti, sia interni che esterni. Primi obiettivi, da attuare grazie alla sinergia con l’economista Luciano Canova, incentivare la digitalizzazione del business, incrementare la produttività, incoraggiare stili di vita sani e aumentare l’efficienza energetica.
L’altro fonte è quello del sistema welfare aziendale che in Confartigianato Varese vanta una esperienza e diffusione ormai ventennale per tutti i propri collaboratori e che – dopo l’attivazione di una inedita partnership tra Confartigianato Varese e Ubi Banca – è stato potenziato con ulteriore forme di servizi welfare. E sempre di più punta a diventare elemento per la creazione di benessere reale all’interno delle imprese e nei territori di riferimento.

DIGITALIZZAZIONE DEI PROCESSI E DIGITALIZZARE LE IMPRESE
Non meno importanti sono gli investimenti e i potenziamenti che verranno realizzati nel 2018 nella  digitalizzazione dei processi di realizzazione nei servizi e nell’organizzazione interna, per rendere più rapide ed efficaci le risposte alle imprese. Ma anche per diventare, attraverso FaberLab, Versione Beta e i servizi di consulenza ed assistenza di Artser sempre più punto di riferimento per tutti i processi di trasformazione tecnologica delle aziende sia manifatturiere che dei servizi.
Per quanto riguarda l’attività associativa e di rappresentanza, il 2018 proseguirà nel solco tracciato nel 2017 con approfondimenti, analisi di scenario e inchieste attraverso le quali si cercherà di comprendere come le nuove grandi opere infrastrutturali, i cambiamenti economici e istituzionali, le nuove capacità attrattive espresse dalle aree metropolitane potranno influire sull’attività delle piccole e medie imprese industriali e istituzionali.

 

CONSULTA IL BILANCIO SOCIALE

TORNA SU