Cerca:
Home Sfalci e potature da aree verdi torneranno ad essere rifiuti

Sfalci e potature da aree verdi torneranno ad essere rifiuti

sfalci_potatureIl Ministero Ambiente, con la nota prot. n. 3983 del 15 marzo 2018, comunica che con la legge europea 2018 gli sfalci e potature di giardini e parchi torneranno ad essere rifiuti.

Nell’attuale normativa italiana, sfalci e potature non pericolosi se destinati alle normali pratiche agricole e zootecniche o utilizzati in agricoltura, nella silvicoltura o per la produzione di energia da tale biomassa, anche al di fuori del luogo di produzione ovvero con cessione a terzi, mediante processi o metodi che non danneggiano l’ambiente né mettono in pericolo la salute umana, posso non essere considerati rifiuti. Naturalmente sta al produttore l’onere di dimostrare che queste condizioni siano rispettate.

Ma questa disposizione non è in linea con le disposizioni europee. La Commissione Europea ha sollevato questa problematica e quindi la questione è tutt’altro che risolta.

Il Ministero concorda sull’opportunità di una modifica normativa per  evitare un aggravamento del caso e l’apertura di una procedura d’infrazione per non corretto recepimento della direttiva e dichiara che sfalci e potature da aree verdi torneranno ad essere rifiuti, pertanto conferma l’intenzione di proporre l’inserimento delle disposizioni abrogative nel disegno di legge europea 2018.

TORNA SU