Cerca:
Home Contributi e incentivi per l’autotrasporto merci

Contributi e incentivi per l’autotrasporto merci

Grazie alla firma da parte del Ministro dell’Economia del decreto interministeriale 13 marzo 2013, n. 92 riguardante la ripartizione delle risorse destinate all’autotrasporto è stato firmato tra gli altri anche il decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti prot. n. 118 del 21 marzo 2013, in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, con il quale vengono ripartite le modalità di erogazione delle risorse (24 milioni di euro) destinate agli investimenti a favore delle imprese di autotrasporto di merci regolarmente iscritte al REN ed all’Albo degli Autotrasportatori, come di seguito specificato:

  1. Acquisto, anche mediante locazione finanziaria, di nuovi autoveicoli classe Euro 6, adibiti al trasporto di merci in conto di terzi di massa massima complessiva a pieno carico pari o superiore alle 11,5 ton.; l’incentivo è pari a 7 mila euro
  2. Acquisto, anche mediante locazione finanziaria, di un nuovo rimorchio o semirimorchio con telaio attrezzato per trasporto container o casse mobili, di categoria O4 e dotato di dispositivo di frenata “EBS”, con contestuale rottamazione di un rimorchio o semirimorchio con più di 10 anni di età; l’incentivo è pari al 20% del costo sostenuto, aumentato al 25% nel caso in cui il rimorchio o semirimorchio sia dotato anche di sistema di controllo della stabilità
  3. Acquisto, anche mediante locazione finanziaria, di beni capitali destinati al trasporto intermodale (combinato strada-mare e strada-ferrovia), fra i quali containers, casse mobili, dispositivi di movimentazione e sollevamento delle merci, nonché di nuovi semirimorchi per il trasporto combinato ferroviario; l’incentivo è pari al 20% del costo sostenuto
  4. Realizzazione, anche in forma aggregata, di progetti di investimento per l’ammodernamento tecnologico delle dotazioni aziendali utile per innalzare i livelli di sicurezza, fra i quali meccanismi elettronici che registrano l’attività del veicolo; l’incentivo è pari al 20% del costo sostenuto
  5. Processi di aggregazione tra imprese; finanziamento pari al 50% dei costi ammissibili, relativi a spese amministrative e notarili.

Gli incentivi di cui sopra sono incrementati del 10% in caso di Piccole Medie Imprese che ne facciano espressa richiesta nella domanda.

Gli incentivi valgono per gli acquisti o operazioni fatte a partire dalla data di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto e sino al 31 dicembre 2013; si ritiene che la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale avverrà presumibilmente verso la metà del prossimo mese di maggio.

L’erogazione degli incentivi avviene mediante contributo diretto fino a concorrenza delle risorse stanziate.

Si invitano le imprese che intendono fare interventi di questo tipo a tenere in debita considerazione quanto sopra riportato.

Si fa riserva di ritornare sull’argomento non appena pubblicato il decreto sulla Gazzetta Ufficiale.

TORNA SU