Cerca:
Home Legge di stabilità e fisco: le principali norme in vigore

Legge di stabilità e fisco: le principali norme in vigore

Proroga conguaglio Imu 2013 abitazione principale 

E’ prevista la proroga al  24 gennaio 2014 dell termine per il versamento del conguaglio Imu 2013 relativamente agli immobili per i quali è stata disposta l’abolizione parziale dal versamento della seconda rata Imu 2013 qualora il Comune abbia deliberato un incremento dell’aliquota Imu 2013 rispetto a quella base (4‰ per l’abitazione principale, ecc.) con conseguente obbligo del contribuente di versare il 40% di tale differenza.

Pagamento canoni locazioni immobili abitativi 

E’ stato introdotto l’obbligo di effettuare il pagamento dei canoni di locazione di immobili abitativi, a prescindere dal relativo ammontare, con mezzi di pagamento diversi dal contante (ad esempio, bonifico bancario, assegno, ecc.) in grado di assicurare la tracciabilità. L’obbligo non opera, in particolare, per le locazioni di immobili strumentali.

Rivalutazione terreni e partecipazioni 

E’ prevista  la riapertura della possibilità di rideterminare il costo di acquisto di:

  • terreni edificabili e agricoli posseduti
  • partecipazioni non quotate in mercati regolamentati, possedute

alla data dell’1 gennaio 2014, non in regime di impresa, da parte di persone fisiche, società semplici

Entro il 30 giugno 2014 si dovrà provvedere:

  • alla redazione ed all’asseverazione della perizia di stima;
  • al versamento dell’imposta sostitutiva calcolata applicando al valore del terreno /

partecipazione risultante dalla perizia, le seguenti aliquote:

  • 2% per le partecipazioni non qualificate;
  • 4% per le partecipazioni qualificate e per i terreni.

Compensazione crediti d’imposta superiori a 15.000 euro 

L’utilizzo in compensazione nel mod. F24 dei crediti Irpef, Ires, Irap, ritenute alla fonte, imposte sostitutive per importi superiori a 15.000 euro annui richiede l’apposizione del visto di conformità alla relativa dichiarazione, come già avviene per l’iva. La nuova disposizione è applicabile già ai crediti 2013, utilizzabili nel 2014.

Riordino oneri detraibili

Se entro il 31 gennaio 2014 non verranno adottati specifici Provvedimenti finalizzati alla razionalizzazione degli oneri detraibili ai fini Irpef,  la detrazione IRPEF (19%) ad esempio per  interessi passivi prima casa, spese mediche, spese funebri, premi assicurazione rischio morte, ecc. si ridurrà al 18% per il 2013 e al 17% per il 2014.

Contributo di solidarietà

Prorogata  al triennio 2014-2016 del contributo di solidarietà del 3% applicato sul reddito complessivo eccedente i 300.000 euro.

Contrasto rimborsi indebiti Mod. 730 

Nel caso di presentazione del Mod. 730, entro 6 mesi dalla scadenza del termine di trasmissione dei modelli l’Agenzia delle Entrate procede alla verifica della spettanza delle detrazioni per carichi di famiglia in presenza di un rimborso superiore a  4.000 euro, anche determinato da eccedenze Irpef di anni precedenti.
La nuova disposizione è applicabile alle dichiarazioni presentate a partire da quella relativa ai redditi 2013.

Definizione agevolata somme iscritte a ruolo 

Si potrà versare integralmente entro il 28 febbraio 14 , senza  interessi, il debito risultante dalle cartelle esattoriali per  ruoli emessi dagli Agenti della riscossione entro il 31 ottobre 2013.
La definizione agevolata è riconosciuta anche per gli avvisi di accertamento esecutivi emessi dalle Agenzie fiscali e affidati in riscossione fino al 31 ottobre 2013.
Entro il 30 giugno 2014 il contribuente che usufruirà della definizione agevolata, verrà  informato dell’avvenuta estinzione del debito.
La riscossione delle somme iscritte a ruolo rimane sospesa fino al 15 marzo 2014; la sospensione opera anche relativamente ai termini di prescrizione.

Nuova Imposta unica comunale (Iuc) 

La nuova Imposta unica comunale (Iuc), è suddivisa nelle seguenti 2 componenti:

  • l’Imu, di natura patrimoniale, dovuta dal possessore degli immobili, esclusa l’abitazione principale;
  • la parte riferita ai servizi comunali, a sua volta articolata:
    • nella Tasi (Tributo per i servizi indivisibili), a fronte della copertura dei costi relativi ai servizi indivisibili del Comune;
    • nella Tari (Tassa sui rifiuti), per la copertura dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani (è abrogata la Tares).

Ogni Comune dovrà adottare il regolamento contenente la disciplina in materia di IUC, con riferimento alle singole componenti (Tari e Tasi).
In capo ai soggetti passivi è prevista la presentazione della dichiarazione Iuc, utilizzando un apposito modello, entro il 30 giugno dell’anno successivo alla data di inizio possesso o detenzione dei locali e/o delle aree assoggettabili alla nuova imposta.
Tale dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi; tuttavia, qualora intervengano variazioni dei dati cui sia collegato un diverso ammontare dell’imposta, è richiesta la presentazione di una nuova dichiarazione entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui è intervenuta la variazione.

Il versamento della Tasi e della Tari va effettuato tramite il Mod. F24 ovvero con apposito bollettino di c/c/p o altri mezzi (servizi elettronici di incasso e di pagamento interbancario e postale).
Spetta al Comune individuare il numero delle rate (prevedendone almeno 2, a scadenza semestrale) ed i relativi termini, anche differenziati relativamente alla Tasi e alla Tari. È comunque consentito il pagamento in unica soluzione entro il 16 giugno di ogni anno.

Insufficiente versamento II rata IMU 2013 – Non verranno applicate  sanzioni in caso di insufficiente versamento della seconda rata Imu 2013 qualora la differenza sia versata entro il termine di versamento della prima rata dell’Imu dovuta per il 2014 (16 giugno 2014).

Tassazione immobili abitativi non locati 

Il reddito degli immobili ad uso abitativo non affittati che sono situati  nello stesso Comune nel quale si trova l’abitazione principale torna dal 2013 ad essere soggetto ad Irpef e relative addizionale nella misura del 50%.

Somministrazione alimenti e bevande tramite distributori automatici 

È disposto che i prezzi delle somministrazioni di alimenti e bevande tramite distributori automatici, effettuate in attuazione di contratti stipulati entro il 4 agosto 2013, possono essere rideterminati in aumento al solo fine di adeguarli all’incremento dell’aliquota Iva dal 4% al 10% decorrente dall’1 gennaio 2014.

Imposta di bollo comunicazioni prodotti finanziari

Dal 2014 la misura dell’imposta di bollo da applicare alle comunicazioni periodiche relative ai prodotti finanziari aumenta dal 1,5‰ al 2‰.
È inoltre abrogata la soglia minima di imposta di  34,20 euro ed è aumentata da 4.500 a 14.000 euro la misura massima dell’imposta per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

Ivafe

Dal 2014 la misura dell’Imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all’estero passa dal 1,5‰ al 2‰.

Incremento delle detrazioni Irpef per lavoro dipendente 

Sono state apportate delle modifiche all’art. 13 del TUIR (Testo unico sulle imposte sul reddito)  introducendo un nuovo sistema di calcolo a partire dal 1 gennaio 2014. La detrazione dall’Irpef per i redditi di lavoro dipendente passa a:

  • 1.880 euro (da 1.840) se il reddito complessivo non supera 8.000 euro;
  • 978 euro, aumentata del prodotto tra 902 euro e l’importo corrispondente al rapporto tra 28.000 euro, diminuito del reddito complessivo, e 20.000 euro, se l’ammontare del reddito complessivo è superiore a 8.000 euro ma non a 28.000 euro;
  • 978 euro, se il reddito complessivo è superiore a 28.000 euro ma non a 55.000 euro; la detrazione spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l’importo di 55.000 euro, diminuito del reddito complessivo, e l’importo di 27.000 euro. In tale ultimo caso, sono abrogati gli aumenti della detrazione a scaglioni previsti in presenza di un reddito da 23.000 a 28.000 euro.

Riduzione Irap in relazione al costo del lavoro per i nuovi assunti 

Dal periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2014, per chi incrementa l’occupazione a tempo indeterminato, la misura prevede la deduzione, sino a 15.000 euro, del costo dalla base imponibile Irap per ciascun nuovo dipendente in eccesso rispetto alla base occupazionale.

Rafforzamento dell’Ace (Aiuto alla Crescita Economica)

Viene incrementato il coefficiente relativo alla resa del capitale dall’attuale 3% al 4% nel 2014, 4,5% nel 2015 e 4,75% nel 2016, con un conseguente aumento dell’ammontare escluso dalla base imponibile Irpef/Ires. La misura comporta agevolazioni per le imprese che incrementano il proprio patrimonio

Proroga interventi di riqualificazione energetica e ristrutturazione edilizia

  • Gli interventi di riqualificazione energetica restano detraibili al 65% per tutto il 2014, la detrazione scende al 50% per il 2015 e dal 2016 entra a regime il 36%.
  • Gli interventi di ristrutturazione edilizia restano detraibili al 50% per tutto il 2014, la detrazione scende al 40% per il 2015 e dal 2016 entra a regime il 36%.
  • Il bonus mobili è prorogato a tutto il 2014 nella misura del 50% della spesa con un tetto massimo pari a 10.000 euro ed entro il limite di spesa relativo alla ristrutturazione effettuata.

Rivalutazione dei beni d’impresa

Viene riproposta la possibilità di rivalutare i beni di impresa e le partecipazioni in controllate e collegate, consentendo di affrancare gli eventuali plusvalori relativi ai beni iscritti nel bilancio dell’esercizio in corso al 31 dicembre 2012 mediante il pagamento di una imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell’Irap e di eventuali addizionali in misura pari a:

  • 16% per i beni ammortizzabili
  • 12% per i beni non ammortizzabili.

Il saldo attivo di rivalutazione risultante può essere affrancato mediante pagamento di una imposta sostitutiva del 10%.

Modifica alla durata fiscale dei contratti di leasing

Viene ridotta la durata fiscale dei contratti di leasing il cui rispetto è elemento indispensabile per la deducibilità del costo. Per i beni mobili la durata precedente era pari ai 2/3 del periodo d’ammortamento e per gli immobili a 18 anni. Ora la durata scende per i beni mobili alla metà del periodo d’ammortamento e per gli immobili a 12 anni.
per le autovetture la deduzione fiscale è rimasta invariata e risulta pari alla durata dell’ammortamento.

Rappresentanza e assistenza dei contribuenti 

Viene modificato il regime di rappresentanza e assistenza dei contribuenti nei confronti dell’Agenzia delle entrate. In primo luogo l’elenco dei soggetti che possono autenticare la sottoscrizione della procura speciale è esteso a soggetti iscritti al 30 settembre 1993 nei ruoli dei periti ed esperti tenuti dalle camere di commercio per la sub-categoria tributi; inoltre si prevede che qualora la procura sia rilasciata ad un funzionario del Caf o di una società di servizi, essa deve essere autenticata dal responsabile dell’assistenza fiscale o dal legale rappresentante della predetta società di servizi..

Fondo taglia tasse 

E’ stata prevista la creazione di un fondo alimentato dai risparmi derivanti dalla spending review e dagli introiti dell’evasione nella misura in cui risultino superiori a quanto previsto dalla legislazione vigente e, per quanto riguarda le risorse da spending review da quelle “da destinare a programmi finalizzati al conseguimento di esigenze prioritarie di equità sociale e di impegni inderogabili”. Il fondo sarà destinato per il:

  • 50% ai lavoratori dipendenti e pensionati: incremento delle detrazioni per lavoro dipendente e pensione,
  • 50% alle imprese: incremento delle deduzioni Irap per il costo del lavoro, incremento della franchigia Irap e incremento della detrazione Irpef per i soggetti in contabilità semplificata.

Razionalizzazione di alcuni crediti di imposta 

Le disposizioni sono finalizzate ad una razionalizzazione della spesa per i crediti d’imposta. In particolare, la norma agisce sulla fruizione di alcuni crediti d’imposta e comporta una riduzione dello stanziamento. Per l’anno 2014 l’agevolazione sul gasolio per autotrazione non è soggetta alla limitazione.

Deducibilità dalle imposte dirette dell’Imu pagata relativa agli immobili strumentali

Viene prevista a regime una deducibilità, dal reddito d’impresa, dell’Imu concernente gli immobili strumentali delle imprese in misura pari al 20%. Nessuna deducibilità, invece, ai fini Irap. Solo per il 2013 la deducibilità ai fini delle imposte dirette è elevata al 30%.

Le principali norme in vigore sul lavoro >
Le principali norme in vigore sulle politiche economiche >

TORNA SU