Cerca:
Home Le imprese e l’innovazione: il modello da seguire

Le imprese e l’innovazione: il modello da seguire

gt2logoConfartigianato Imprese Varese è la prima associazione di categoria, a livello nazionale, ad utilizzare le neuroscienze per poter meglio conoscere la propensione all’innovazione delle imprese associate.

Come funziona
50 concetti legati al tema della tradizione e dell’innovazione vengono sottoposti ad un campione di imprenditori di Confartigianato mentre sono monitorati con elettroencefalogramma (EEG-Biofeedback). L’EEG consente di rilevare le reazioni cognitive dei soggetti di fronte agli stimoli, in particolare la coerenza e l’accettabilità dei concetti rispetto al modello di innovazione proposto da Confartigianato Imprese Varese. Un Survey somministrato allo stesso campione, integra le informazioni derivanti dal test neuroscientifico con le dichiarazioni verbali degli associati rispetto al tema dell’Innovazione e tecniche digitali utilizzate.
La sperimentazione con EEG-Biofeedback, mira a definire cluster di propensione all’innovazione in relazione alle risposte emozionali ricevute dai soggetti sottoposti al test descrivendone le caratteristiche e gli algoritmi di inclusione/esclusione per ciascun gruppo, al fine di costruire servizi di formazione e progetti operativi ad hoc coerentemente con gli stili percettivi rilevati.

A cosa serve
Una novità assoluta, questa, che pone l’Associazione varesina in un ambito di sperimentazione particolarmente elevata. La ricerca, che nasce dalla partnership con la Fondazione GTechnology, si pone come obiettivi:

  • Posizionare Confartigianato Imprese Varese come organizzazione di punta nella promozione e nella gestione dell’innovazione con l’utilizzo di metodologie e tecnologie neuroscientifiche.
  • Individuare le leve operative per aumentare il livello di sensibilità all’innovazione e per incentivare e sviluppare le attività future di Confartigianato Imprese Varese.
  • Assistere le imprese, anche attraverso un’attività di consulenza, nel loro percorso di innovazione.
  • Migliorare e aumentare la capacità di analisi dei bisogni delle proprie imprese.
  • Sviluppare nuovi prodotti, frutto della maggior conoscenza delle esigenze dei clienti e del mercato.
  • Utilizzare la metodologia anche per altre aree come la comunicazione e la formazione.
  • Indirizzare al meglio le azioni di rappresentanza e di promozione dell’innovazione di Confartigianato Imprese Varese utilizzando nuovi tipi di informazioni.
  • Portare all’utilizzo di strumenti conoscitivi evoluti.

Il modello
L’importanza del modello sta nella sua replicabilità, perché è semplice dal punto di vista organizzativo e gestionale. Infatti, dopo una prima fase di sperimentazione e trasferimento delle conoscenze tecniche, il modello può passare ad una autogestione.

TORNA SU