Cerca:
Home Arduino e FaberLab: la rivoluzione a portata di mano

Arduino e FaberLab: la rivoluzione a portata di mano

Mirco-Piccin1-560x373Un chip sotto pelle per aprire una porta senza chiavi. Parte da qui l’innamoramento di Mirco Piccin, il docente presente il 22 e il 23 marzo al FaberLab a Tradate, per il corso “Arduino beginners: a scuola di makers”. “Sono sempre stato appassionato di tecnologie open source. Poi un giorno, nel 2009, leggo una notizia su un quotidiano economico: un signore americano si era impiantato un RFID (sistema di tracciabilità) sottopelle, per poter aprire la porta di casa sua senza chiavi”, dice Piccin.

Arduino permette di fare anche questo?
La scheda Arduino ha le dimensioni di una carta di credito ed è come un piccolo computer. Tutto quello che serve per assemblare la scheda è on line: tecnologia open source che tutti noi possiamo utilizzare e migliorare. Per creare giocattoli, prodotti biomedicali, monitorare l’ambiente (temperatura, umidità, livello di inquinamento di una città), controllare l’azienda da remoto per spegnere le luci o le macchine quando sei lontano. Progetti importanti per uso abitativo o aziendale, anche con scopi sociali ed etici.

Come funziona?
Arduino è semplice, perché programmazione e linguaggi sono semplificati. E’ una vera rivoluzione tecnologica che vede le persone non solo come fruitori ma anche come creatori. Poi entri a far parte di una comunità che gioca e lavora con queste tecnologie e tutti inventano e trasformano.

Quali sono i vantaggi per gli imprenditori?
Si ha a propria disposizione una tecnologia vantaggiosa, ma a bassi costi, che taglia i tempi di realizzazione dei prodotti e fa spendere meno all’imprenditore. Il vantaggio sta nel fatto che Arduino è open source e chiunque se la può permettere. Inoltre, i prodotti possono essere personalizzati perché le regole per sviluppare un progetto le fai tu in base alle tue esigenze e a quello che serve al cliente.

Perché ci si dovrebbe iscrivere al corso Arduino al FaberLab di Tradate?
Innanzitutto, perché la scheda Arduino ha cambiato la vita a molte persone proprio per la possibilità di accedere a tecnologie innovative spendendo poco. E’ uno strumento che può fare del bene a noi e agli altri ed è quasi del tutto Made in Italy. Poi, perché le tecnologie open source sono un continuo stimo alla collaborazione. Infine, ci sono io….

Il progetto sviluppato con Arduino che ti è piaciuto di più?
Sono tanti; forse troppi. Il progetto che più mi piace è lo stesso Arduino, perché con questo si possono fare mille cose diverse.

TORNA SU