Cerca:
Home Piccole imprese: in arrivo dal Governo gli sconti sulla bolletta

Piccole imprese: in arrivo dal Governo gli sconti sulla bolletta

contatore energiaIl provvedimento annunciato dal Presidente del Consiglio venerdì scorso, e illustrato pochi giorni fa dal Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi, accoglie le richieste di Confartigianato e va, finalmente, nella direzione giusta per ridurre il costo delle bollette elettriche delle piccole imprese.
Il Ministro Guidi, infatti, ha recepito le nostre proposte di abbassamento della soglia degli utenti elettrici da 55kW a 16,5 kW di potenza per consentire ad oltre 400.000 utenze in più, e all’81% dell’artigianato manifatturiero con dipendenti, di usufruire degli sconti in bolletta.

Risparmi che Confartigianato, con il gruppo di acquisto Cenpi, assicura già alle oltre 8.000 imprese che beneficiano di vantaggi su elettricità e gas.
Grazie alla nostra forza contrattuale, infatti, garantiamo alle aziende il miglior prezzo di energia sul mercato libero. In questi giorni, poi, abbiamo ridotto il costo di un ulteriore 10%.

I provvedimenti annunciati mesi fa dal Governo sul costo delle bollette elettriche, non erano piaciuti a Confartigianato: nel mese di maggio, il presidente nazionale Giorgio Merletti aveva detto chiaramente che quelle scelte avrebbero avuto un “impatto positivo soltanto per meno del 15% delle piccole imprese e degli artigiani”. La soglia di 55kW di potenza individuata per poter beneficiare degli sconti, infatti, escludeva dal risparmio una parte considerevole delle 275.000 imprese che usano media e bassa tensione.

Ora, per la prima volta da molti anni, “si tratta di un intervento rivolto alle piccole imprese con la volontà di tagliare agevolazioni fortemente inique, evitando il cumulo con le agevolazioni precedenti, come quelle dedicate alle imprese energivore – ha detto Giorgio Merletti. Attendiamo, però, anche le ulteriori misure relative alla riduzione dell’interrompibilità e dei sussidi incrociati non contenute nel provvedimento che sono attualmente allo studio dei tecnici ministeriali”.

TORNA SU