Cerca:
Home Inail: con il nuovo modello OT24 cambia tutto

Inail: con il nuovo modello OT24 cambia tutto

inail4

Come accade ogni anno, le imprese che vogliono ridurre i costi dei premi assicurativi migliorando le loro prestazioni nella sicurezza e salute del lavoro, devono utilizzare il modello OT24. Ricordiamo che lo sconto per le imprese artigiane fino a 10 dipendenti è pari al 30%.

L’Inail, in anticipo sui tempi, ha pubblicato il modello per il 2015: per le imprese cambia tutto, o quasi, perché le regole sono nuove e le modalità con le quali si possono collezionare i punti per la riduzione del premio si complicano.

Avere a disposizione il modello qualche mese prima della scadenza della presentazione della domanda fissata a febbraio 2015 – per interventi nella sicurezza realizzati entro il 31 dicembre 2014 – permette però alle imprese non solo di verificare le attività in corso ma anche di correggerle o implementarle.

Cosa è cambiato con il nuovo modello:

  • Le sezioni sono solo 4
  • I 100 punti si possono collezionare con misure relative anche la stessa sezione
  • E’ stato modificato l’elenco degli interventi: alcuni sono invariati, alcuni sono stati cancellati e altri sono vecchi ma revisionati. L’Inail, con il nuovo modello, ha tagliato alcuni interventi “facili” degli anni scorsi e ha deciso di premiare quelli significativi per il miglioramento della sicurezza e della igiene sui luoghi di lavoro.
  • I punteggi dei singoli interventi sono più bassi rispetto a quelli dell’anno passato e più articolati.
  • Con il nuovo modello, attività e struttura sono stare ripensate e per capire cosa fare è meglio muoversi subito.

Confartigianato Imprese aveva espresso da subito la sua contrarietà al nuovo modello OT24 ed è intervenuta immediatamente per evitare che le micro, piccole e medie imprese venissero escluse dalla scontistica. Le proposte di modifica, alcune accettate, si sono concentrate su:

  • la totale, o quasi, cancellazione dei criteri utili alle micro e piccole-medie imprese e la riformulazione degli stessi criteri a vantaggio unicamente delle grandi imprese,
  • l’esteso ricorso ad ambiti d’intervento non attinenti alla sicurezza sul lavoro,
  • la differenziazione dei punteggi in base al settore merceologico.

Insomma, il percorso non è semplice e richiede chiarimenti: è per questo che invitiamo le imprese a rivolgersi ai professionisti di Confartigianato Varese per risolvere qualsiasi dubbio riguardante il nuovo modello.

Le imprese interessate alla domanda possono contattare
Servizio Ambiente, Sicurezza, Mdl  
ambiente@asarva.org
tel. 0332 256252 – 249 – 339 – 357

TORNA SU