Cerca:
Home A Busto Arsizio, un primo colpo alla burocrazia

A Busto Arsizio, un primo colpo alla burocrazia

aprire attività agenzia impreseNel giugno 2014 la prima notizia: Confartigianato era “stata accreditata per l’esercizio definitivo dell’attività di Agenzie per le imprese” di cui al punto 4 lettera a dell’allegato al decreto del Presidente della Repubblica 9 luglio 1010, n. 159.

Per l’apertura di una nuova impresa, tutto si semplifica: il neo-imprenditore non si rivolge più al Comune ma direttamente a Confartigianato per richiedere e ottenere tutte quelle autorizzazioni che servono per l’apertura o per la gestione quotidiana dell’azienda.

E’ di pochi giorni fa un’altra, buona, notizia: nel comune di Busto Arsizio, è stata rilasciata la prima attestazione per l’apertura di un’attività di acconciatura in linea con gli obiettivi di snellimento e semplificazione burocratica.

Si tratta della prima attestazione nell’intera provincia di Varese da parte di un’Agenzia per le Imprese.

L’imprenditore si è rivolto a Confartigianato Imprese Varese per assolvere a tutti gli obblighi del caso: l’Associazione si è attivata da subito con i suoi professionisti per verificare i requisiti urbanistici e igienico-sanitari dell’attività e per un confronto con i tecnici del comune di Busto Arsizio. Con l’Agenzia delle Imprese, nel giro di qualche giorno, dopo una valutazione anche a livello regionale e nazionale, è stata terminata l’istruttoria e rilasciata l’attestazione dando all’impresa la sicurezza di poter operare da subito.

Ricordiamo che con l’Agenzia per le Imprese, il Ministero dello Sviluppo economico ha accreditato il sistema Confartigianato a sostituire l’amministrazione comunale nel rapporto con l’impresa per la dichiarazione e la certificazione dei procedimenti amministrativi. L’Agenzia, quindi, diventa strumento che agevola l’avvio, la modifica, il trasferimento delle attività delle imprese affiancando gli imprenditori nella fase di start-up della loro azienda e di quelle successive.

Questo primo risultato, inoltre, rafforza la collaborazione tra Comuni e Confartigianato Imprese Varese. Infatti, in prima battuta è proprio la pubblica amministrazione ad avvantaggiarsi di questo strumento: nel momento in cui sottoscrive la convenzione con Confartigianato Varese, il Comune sa di poter lavorare con un partner con competenze specifiche in tema imprenditoriale e in quello dell’interpretazione normativa. Quindi in grado di tutelare sia il Comune e sia l’impresa ottimizzando risorse economiche e di tempo.

“In questo momento economico, l’Agenzia delle Imprese garantisce ai Comuni un alleggerimento dei costi, e agli imprenditori quella serenità che viene a mancare quando ci si deve mettere in coda per prendere appuntamenti, firmare dichiarazioni e richiedere sopralluoghi – dichiara Davide Galli, presidente di Confartigianato Varese. Un primo passo è stato fatto in linea con quel principio di sussidiarietà che la nostra Associazione ha sempre condiviso e sostenuto. Ricordiamo, infatti, che alleggerire l’impresa dagli innumerevoli passaggi di carte e timbri è – insieme alla diminuzione della tasse – una fra le leve che più possono rafforzare la competitività aziendale”.

TORNA SU