Cerca:
Home Lorenzo Mezzalira – Presidente Artigianfidi Lombardia

Lorenzo Mezzalira – Presidente Artigianfidi Lombardia

Lorenzo_Mezzalira

Lorenzo Mezzalira
Presidente Artigianfidi Lombardia

Quale sarà il futuro dei Confidi?

È una scelta obbligata, una forma di aggregazione che favorirà più competenze (le migliori), più qualità, più solidità patrimoniale e condivisione di tutte le iniziative che possono favorire le imprese nell’accesso al credito. Una scelta, anche, che si deve fare per immettere sul mercato nuove linee di credito, nuovi finanziamenti, nuove consulenze imprenditoriali. L’aggregazione sarà fondamentale per il rilancio dell’economia del territorio.

Le banche si dimostrano più prudenti, perché allora i Confidi lavorano così bene?

I Confidi fanno la differenza. Negli ultimi anni, con le banche sempre più discontinue nell’erogazione del credito, i Confidi si sono dimostrati l’ago della bilancia. Il motivo è semplice: attraverso la loro conoscenza delle imprese, e attraverso la loro fideiussione, sono in grado di garantire le imprese nell’accesso al credito. Le banche si fidano di quei Confidi che hanno un rating ben posizionato, ma soprattutto, si fidano di quei Confidi che, vigilati dalla Banca d’Italia e riconosciuti intermediari finanziari ex 107, operano in modo efficiente nel territorio. Attraverso questi Confidi si ha una fideiussione del 50% e le banche erogano con più fiducia il loro denaro. Però c’è un altro aspetto:: in questi ultimi tempi le banche hanno erogato meno denaro perché hanno dovuto applicare i parametri, molto restrittivi, di Basilea 2 e Basilea 3. E’ anche per questo che è diventato sempre più importante il ruolo dei Confidi e di Artigianfidi Lombardia. Strutture che, durante l’analisi finanziaria delle imprese, tengono in considerazione anche il loro merito creditizio: questo è molto apprezzato dagli istituti di credito. Una volta che Artigianfidi Lombardia lavora su 100 delibere, il 95% di questo ottiene l’erogazione da parte degli istituti di credito.

Una degli aspetti più importanti dei Confidi è il loro aspetto mutualistico, perché?

Le imprese, dunque gli imprenditori, sono socie dei Confidi. I primi a crederci, quindi, sono proprio i soci fondatori, gli imprenditori. Ecco, i Confidi vanno bene perché nascono dalle esigenze di tutti gli imprenditori, creano quel patrimonio importante per riuscire a fare da volano all’economia del territorio; attraverso questi requisiti sempre presenti si riesce a trasferire alle imprese, e alle banche, tutto quello che è e fa un’impresa e un imprenditore. Le loro esigenze si traducono in fatti concreti e in delibere del credito in modo immediato.

Regione Lombardia e Confidi: qualcosa si sta muovendo?

Sì, Regione Lombardia riconosce il ruolo dei Confidi nella distribuzione delle risorse pubbliche sul territorio. Ed è recente il bando ad hoc nel quale la Regione riconoscere quei confidi che sono ben capitalizzati, si sono aggregati (per non disperdere le loro energie), contano un discreto numero di soci, un rating elevato e riescono a distribuire velocemente le risorse pubbliche senza sperperare economie o utilizzarle per appianare le loro eventuali incombenze. Qualcuno è contrario a queste nuove direttive di Regione Lombardia perché in discontinuità col passato, però penso siano corrette e vadano nella giusta direzione per alimentare l’economia del territorio.

TORNA SU