Cerca:
Home Sospensione lavorativa: firmato l’accordo per l’accesso all’indennità Aspi

Sospensione lavorativa: firmato l’accordo per l’accesso all’indennità Aspi

elba_persone_aiutoL’Ente Lombardo Bilaterale dell’Artigianato (Elba) e l’Inps della Lombardia hanno sottoscritto un accordo che regola l’accesso all’indennità Aspi per i lavoratori sospesi dall’attività lavorativa. Le parti sociali hanno poi definito i termini per l’attuazione.

Chi può richiederla

Nei casi previsti (crisi temporanea di mercato, mancanza di lavoro…), questo ammortizzatore può essere richiesto per tutti i lavoratori, compresi gli apprendisti, sospesi da aziende aderenti all’Elba e in regola con i versamenti.

I lavoratori devono essere in possesso dei requisiti per accedere ad Aspi (essere trascorsi due anni dal versamento del primo contributo contro la disoccupazione e avere almeno un anno di contribuzione contro la disoccupazione nel biennio precedente l’inizio della sospensione).

Sono escluse

  • le imprese che possono percepire la Cassa Integrazione Ordinaria e Straordinaria
  • le imprese coinvolte in crisi aziendali con previsione di cessazione dell’attività (pertanto le aziende non possono cessare l’attività subito dopo il periodo di sospensione)
  • le imprese edili, di trasporto e agricole in quanto non tenute all’iscrizione all’Elba.

Cosa prevede

Il lavoratore sospeso percepirà l’indennità di disoccupazione Aspi per un massimo di 90 giornate fino al 31 dicembre 2015.

L’indennità è pari circa all’80% della retribuzione e sarà erogata direttamente e interamente dall’Inps. L’indennità è comprensiva dell’integrazione da parte dell’Elba pari circa al 20%.

Questo ammortizzatore può essere utilizzato in particolare da quelle aziende che hanno esaurito la possibilità di utilizzo della Cassa integrazione in deroga per il 2015 (5 mesi).

L’erogazione da parte dell’Inps dell’indennità di disoccupazione Aspi è soggetta alle disponibilità del budget, fissato dalla legislazione nazionale nel limite massimo di 20 milioni di euro a livello nazionale.

Le imprese interessate possono rivolgersi ai consulenti paghe presso le sedi di Confartigianato Varese o compilare il modulo qui sotto per essere ricontattate.

TORNA SU