Cerca:
Home “Capannoni tassati come case di lusso”

“Capannoni tassati come case di lusso”

80-euro-tasse-670x274

Nel 2014, tra Imu e Tasi, gli italiani hanno versato allo Stato 24,7 miliardi di euro. Tra il 2011 e lo scorso anno il prelievo fiscale sugli immobili è aumentato di 14,8 miliardi. I più tartassati sono i piccoli imprenditori che sugli immobili produttivi (capannoni, laboratori, strumenti di lavoro) pagano, in media, a testa 3.357 euro l’anno.

E’ la denuncia di Confartigianato rilanciata oggi dal ‘Corriere della Sera’ (clicca qui per leggere l’articolo)
«Sui nostri laboratori, macchinari, capannoni – sottolinea Giorgio Merletti, Presidente di Confartigianato – si concentra un prelievo fiscale sempre più forte, aggravato dalle complicazioni derivanti dalla giungla di aliquote diverse. E, oltre ad essere tassati con un’aliquota prossima a quella delle seconde case, a causa della parziale deducibilità dell’IMU dal reddito d’impresa e della totale indeducibilità dalla base imponibile IRAP, sui nostri immobili produttivi grava un’altra tassa occulta pari a circa 1,4 miliardi di euro».

TORNA SU