Cerca:
Home “il Giorno” porta Varese nel mondo

“il Giorno” porta Varese nel mondo

Giorno export 2

Sessant’anni e non sentirli. Il quotidiano “Il Giorno” che a Varese vanta una delle sue prime redazioni, ha festeggiato il suo compleanno oggi, 28 aprile, al Salone Estense di Villa Recalcati con una tavola rotonda dal titolo “Varese nel mondo: i mercati esteri via maestra per lo sviluppo”. Tra i relatori anche Davide Galli, presidente di Confartigianato Imprese Varese, associazione partner dei tanti eventi che il quotidiano ha organizzato per il suo compleanno
Intervistato dal vicedirettore de “Il Giorno” Sandro Neri, Galli ha sottolineato la vocazione all’export delle piccole imprese e i numeri importanti che la nostra Associazione ha realizzato con la figura dell’export manager: 390 consulenze e incontri di accompagnamento verso i mercati esteri, 146 imprenditori a missioni e fiere, 324 aziende a seminari e business meeting. Con il progetto “Expo-RT”, organizzato a Milano in occasione di Expo 2015, ci sono stati 28 incontri con 470 buyer e 120 visite in azienda da parte di acquirenti esteri.

Questa è la prova che anche per le piccole imprese vale lo slogan “no export, no business”. Il Presidente Galli lo ha ribadito più volte: “A volte sono gli stessi imprenditori a porsi dei blocchi perché pensano che le barriere imposte dal commercio internazionale siano invalicabili. Alcuni imprenditori non valutano i vantaggi legati all’internazionalizzazione perché sono preoccupati dalla scelta del mercato più adatto al loro prodotto, dagli aspetti pratici sui pagamenti, dalla riscossione dei crediti, dalle restituzioni da parte dei clienti, dalle procedure doganali e documentali. Insomma, a loro manca quella parte di know-how che è prezioso tanto per cominciare un percorso export quanto per mantenerlo”.

export2700

 

Scopri il nostro servizio Export, clicca qui

 

Le imprese, però, hanno capito che l’estero è fondamentale per la loro stabilità e che prima di muoversi in qualunque direzione bisogna conoscere i mercati. Da qui l’importanza dell’export manager, capace di dare informazioni strategiche, di formare le imprese, di essere interfaccia tra gli obiettivi dell’azienda e le reali prospettive offerte dall’estero. Piccole imprese poco predisposte all’internazionalizzazione? I fatti dimostrano il contrario.

TORNA SU