Cerca:
Home Arredamenti Riva: «Con il Bando Dat diamo una spinta al web»

Arredamenti Riva: «Con il Bando Dat diamo una spinta al web»

testata_LEGNO_ARREDO_649x142

Non c’è miglior bando di quello che funziona. Il Comune di Saronno, con il Bando Dat (Distretto dell’Attrattività) pensato per sostenere, da un lato, le imprese che vivono un rapporto stretto con il territorio e dall’altro dare nuova visibilità al centro storico dei comuni coinvolti (Caronno Pertusella, Cislago, Gerenzano, Origgio e Uboldo) ha riscosso un certo successo. E ha fatto fare bingo a tutte quelle imprese – il 40% delle domande presentate è di aziende associate a Confartigianato Varese – che nel bando ci hanno visto tante, buone opportunità.

E’ il caso della Arredamenti Riva, che a Saronno rappresenta la storia, il vissuto imprenditoriale, il cambiamento e lo sviluppo del territorio. Giunta alla terza generazione di imprenditori, la Riva si è mossa da subito perché il bando, in un certo qual modo, punta alla semplificazione.

«I documenti da produrre non erano tantissimi – fanno sapere dall’azienda di via M. Bossi – e tutto è sembrato abbastanza semplice. Così alla fine di luglio, grazie ad una comunicazione di Confartigianato Varese, abbiamo saputo delle occasioni offerte dal Bando Dat e prima delle ferie di agosto avevamo già inviato quello che serviva al Comune di Saronno».

La velocità, per le imprese, è tutto ma anche l’attenzione che riservono al territorio è un punto che le distingue: «Da qualche anno Saronno si è impoverita, tante aziende hanno chiuso, la città si vive poco ma crediamo in questo territorio – dicono alla Riva –  e cerchiamo di partecipare attivamente alla vita della comunità. Non si spiegherebbe altrimenti questo nostro impegno per cercare di dare ancora più visibilità all’attività di famiglia».

Arredamenti Riva, con le agevolazioni del Bando, ha scommesso sull’ecologia e sul digitale: «Da un lato abbiamo installato nuove luci a led per il risparmio energetico e dare una nuova veste luminosa alle nostre vetrine arredandole con nuove cornici, dall’altro abbiamo puntato sull’aggiornamento del sito e sulla pubblicità on line. All’e-commerce ci penseremo in un prossimo futuro».

Tutto era già in programma, ma con il Dat l’Arredamenti Riva si è trovata tra le mani un “tesoretto” che altre aziende sono pronte ad utilizzare: le richieste dei soci di Confartigianato Varese sono state ammesse e finanziate per quasi l’80% del totale.

TORNA SU