Cerca:
Home I bonus del 2017: si risparmia con energia, ristrutturazioni e innovazione

I bonus del 2017: si risparmia con energia, ristrutturazioni e innovazione

Nella legge di bilancio torna il “pacchetto-bonus”, ovvero l’insieme di detrazioni e deduzioni che puntano dritte a un obiettivo: migliorare imprese (e case) sia dal punto di vista energetico (con annessi risparmi in bolletta), che strutturale. Favorendo, al contempo, l’acquisizione di apparecchiature nuove, competitive e, spesso, altamente tecnologiche. Chiude il cerchio la possibilità di risistemare, con mobili o grossi elettrodomestici ecofriendly, gli stabili rimessi a nuovo.

Un poker che eredita, con positive integrazioni, analoghi interventi varati dalle precedenti legge di Stabilità ma, poiché sui conti dello Stato gravano sempre rischiosi chiari di luna, val la pena metter mano alla calcolatrice per fare due conti, al netto di investimenti e sgravi.

Ecobonus

L’ecobonus, la detrazione per la riqualificazione energetica, si conferma pari al 65% e rimarrà valido fino 31 dicembre 2017 per interventi effettuati su singole unità immobiliari.
Per gli interventi di riqualificazione energetica che riguardano le parti comuni degli edifici condominiali, la detrazione è estesa al 31 dicembre 2021, e potrà salire al 70% se l’intervento interessa almeno il 25% dell’involucro edilizio e al 75% se l’intervento è destinato a migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva delle parti comuni condominiali.

Focus

Si ricorda che, per gli interventi che consentono la detrazione nella misura maggiorata, in alternativa alla detrazione, i beneficiari possono optare per la cessione del corrispondente credito ai fornitori che hanno effettuato gli interventi o ad altri soggetti privati (no banche e intermediari finanziari)

Bonus ristrutturazioni

Prorogata fino al 31 dicembre 2017 la detrazione maggiorata Irpef del 50%, con una spesa massima di 96mila euro, per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio.
Si ricorda che è in vigore anche il cosiddetto “sisma-bonus”: la detrazione, da ripartire in 5 quote annuali, sarà pari al 50%, con il limite di spesa di 96mila euro, e potrà essere fruita per la messa in sicurezza statica di edifici adibiti ad abitazione e attività produttive, ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3. Il bonus sarà elevato al 70% o all’80% in caso di miglioramento di una o due classi di rischio. Per i condomìni, la percentuale di detrazione aumenterà rispettivamente al 75% e 85%.

Bonus mobili

Resta in vigore fino al 31 dicembre 2017 il bonus mobili, la detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e grossi elettrodomestici ad elevato tasso di efficienza energetica destinati ad arredare l’immobile oggetto di ristrutturazione (vedi bonus ristrutturazioni). Nel 2017, tuttavia, sarà possibile beneficiare del bonus solo in relazione a lavori di recupero del patrimonio edilizio iniziati a partire dal 1° gennaio 2016.

Maggiorazione della deduzione degli ammortamenti
Super e Iper ammortamento/bonus innovazione

Super ammortamento al 140 per cento e iper ammortamento al 250 per cento per gli investimenti digitali sono due tra i capitoli più rilevanti della Legge di Bilancio 2017.  Prorogato il super ammortamento al 140 per cento anche per il periodo d’imposta 2017, con qualche taglio: per le auto aziendali, infatti, varrà solo se l’uso aziendale è esclusivo.
Entra in vigore, invece, il cosiddetto iper ammortamento al 250 per cento per gli investimenti in ricerca, sviluppo e innovazione (il cosiddetto bonus innovazione). L’agevolazione è legata all’acquisto di beni che “favoriscono i processi di trasformazione tecnologica e/o digitale in chiave Industria 4.0” e consente di beneficiare del super ammortamento al 140 per i software, precedentemente esclusi dall’agevolazione in quanto beni immateriali.
L’iper ammortamento al 250 per cento può avere ad oggetto circa 50 categorie diverse di beni e si rivolge alle imprese di meccatronica, robotica, big data, sicurezza informatica, nanotecnologie, sviluppo di materiale intelligente, stampa 3D e internet.

2017

Legge di Bilancio/Le altre news in breve

– Auto per agenti: Il limite annuo della deducibilità dei costi di locazione e noleggio  per i mezzi di trasporto utilizzati da agenti e rappresentanti di commercio sale da 3.615,20 a 5.164,57 euro

– Rideterminazione del valore di terreni e partecipazioni: Si riapre la possibilità di rideterminare il valore di acquisto di partecipazioni non negoziate in mercati regolamentati oltre che dei terreni edificabili o con destinazione agricola posseduti, non in regime di impresa, entro il 1 gennaio 2017. La relazione di stima e il versamento della rata unica (o della prima rata dell’imposta sostitutiva, pari all’8%) andranno effettuati entro il 30 giugno

Rivalutazione dei beni d’impresa: E’ possibile la rivalutazione dei beni d’impresa e delle partecipazioni che risultano dal bilancio dell’esercizio in corso al 31 dicembre 2015, con il pagamento di un’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi, dell’Irap e di eventuali addizionali. L’aliquota è confermata al 16% per i beni ammortizzabili e al 12 per i beni non ammortizzabili. Anche il saldo attivo di rivalutazione può essere affrancato in tutto in parte con il pagamento di un’imposta sostitutiva del 10%. Il versamento delle imposte andrà fatto in un’unica soluzione, entro il termine di versamento del saldo delle imposte sui redditi dovute per il periodo di imposta con riferimento al quale la rivalutazione è eseguita, di norma il 16 giugno 2017.

Cessione agevolata di beni ai soci ed estromissione immobili dell’impresa individuale: Riaperti fino al 30 settembre 2017 i termini per l’assegnazione o cessione dei beni ai soci e per l’estromissione dei beni immobili dal patrimonio dell’impresa anche da parte dell’imprenditore individuale. La Legge di Bilancio 2017, in pratica, estende l’applicazione delle disposizioni in tema di regime agevolato per cessioni e assegnazioni di beni ai soci, previste dalla legge di stabilità 2016 (articolo 1, commi da 115 a 120, legge n. 208 del 2015) anche alle assegnazioni, trasformazioni e cessioni effettuate al 30 settembre 2016.
I due versamenti rateali dell’imposta sostitutiva dovranno essere effettuati entro il 30 novembre 2017 ed entro il 16 giugno 2018. In particolare, le aliquote dell’imposta sostituiva dell’assegnazione agevolata dei beni ai soci saranno pari all’8% nella generalità dei casi; del 10,5 % per le società non operative o in perdita in due su tre esercizi precedenti; del 13% per le riserve in sospensione d’imposta.

Canone Rai: Si ricorda che l’importo del canone Rai ammonta a 90 euro


TORNA SU