Cerca:
Home «Mi rimetto in gioco a 50 anni e in vetrina metto affari e famiglia»

«Mi rimetto in gioco a 50 anni e in vetrina metto affari e famiglia»

elena-marantelli

Il nuovo numero del bimestrale Imprese e Territorio ci fa scoprire nuove strade e nuove storie. La prima la trovate qui. Per tutte le altre, c’è l’anteprima digitale: buona lettura

Mettersi in proprio attraverso internet, scegliendo questa via come trampolino di lancio nel mondo del lavoro: una scelta solo in apparenza “semplice”, soprattutto quando a farla è una donna, appena oltre i cinquanta, e madre di due adolescenti.

Elena Marantelli sembra il paradigma tutto varesino di un fenomeno osservato anche altrove. Al di là dell’oceano le neo imprese concentrate su moda e bellezza, con un taglio e-commerce, sono un fenomeno tenuto sotto osservazione, che ha in sé un doppio volto e raccontano quello che anche la neo imprenditrice nostrana dice. «Ho voluto mettermi alla prova e accettare una sfida: l’ho fatto con l’e-commerce perché in questo ambito i costi sono minori rispetto a una attività tradizionale, ma anche perché è più semplice gestire la vita di una famiglia». In altre parole l’autoimprenditorialità attraverso internet è un obiettivo più facilmente realizzabile e una nuova via verso la conciliazione.

Vetrina virtuale e…conciliante

La vetrina virtuale che Elena gestisce da casa sua si trova all’indirizzo www.6bellezzanaturale.it: bastano un pc e uno smartphone per tenere alzata la saracinesca praticamente sempre.  Elena ha deciso di portare dentro la sua attività quello che nella sua vita si chiama passione. «Da sempre sono interessata a un approccio che metta al centro il benessere di sé stessi e dell’ambiente che ci circonda». Lo sbocco naturale è stato la vendita on line di prodotti destinati alla cura della persona e al make up pensati e prodotti con ingredienti rispettosi per le persone che li utilizzano.  Sugli scaffali virtuali la scelta è ampia: dai prodotti per il viso a quelli per il corpo, passando anche alla linea per bimbi e alla profumeria botanica. «Si tratta di prodotti che io già conoscevo – racconta – e altri che ho imparato a conoscere in questi mesi in cui la mia attività è partita. Ho conosciuto tante belle realtà imprenditoriali piccole e spesso guidate proprio da donne e questo mi ha dato molta carica rispetto alla sfida che avevo davanti, proprio perché ho conosciuto altre imprenditrici».

L’inizio dell’attività in proprio per Elena è stato un ritorno nel mercato del lavoro dopo anni di inattività, legata alla necessità di stare accanto ai propri figli. «Ho fatto la scelta che mi sembrava più giusta per quella fase della mia vita – racconta Elena – constatando che senza una rete familiare alle spalle per me era impossibile andare avanti a lavorare».

E ora – quando oramai l’età rischiava di essere per lei un ostacolo per rientrare al lavoro, è arrivata tutta l’energia necessaria a rimettersi in gioco. «Rispetto ad una attività tradizionale – racconta Elena – posso gestire i miei tempi in accordo con le esigenze della famiglia: mio marito e i miei figli mi hanno sostenuta molto e io ne sono felice». La conciliazione, insomma, appare nella vita di un’imprenditrice come un esercizio di stile, dove al posto di strumenti legislativi e normativi, si fanno i conti con un equilibrio di tempi e di spazi da gestire al meglio.

Il sogno nel cassetto per il futuro?

Ora che il sito è nato e ha davanti a sé la sfida di essere sempre più conosciuto, per Elena ci sono altri passi da fare per far crescere la sua attività. Un’attività che si situa in una nicchia di mercato considerata promettente: il valore degli acquisti in rete di cosmetici e prodotti di bellezza è cresciuto di 20 punti percentuali all’anno attirando circa 2milioni di acquirenti che sono per lo più donne, per le quali la possibilità di fare acquisti on line diventa spesso ancora una volta una scelta di conciliazione dentro giornate dai ritmi frenetici, ma anche occasione di entrare in contatto con altre donne per scambiare opinioni ed idee. «Per questo mi piacerebbe ampliare l’offerta – conclude Elena – fornendo l’opportunità di creare in città momenti di incontro per parlare dei temi connessi al benessere e alla salute in senso ampio».

TORNA SU