Cerca:
Home Agevolazioni, incentivi e finanziamenti: si può fare. E vi spieghiamo come

Agevolazioni, incentivi e finanziamenti: si può fare. E vi spieghiamo come


Andare a caccia di nuovi clienti, coccolare quelli che già ci sono, convincere le banche dei propri progetti, trasferire ai fornitori le tue esigenze, stare in coda per l’ennesima autorizzazione, pensare ad un piano Welfare per i collaboratori, far fronte al picco delle commesse, sostituire i macchinari (perché c’è anche Industria 4.0, ma non sai ancora cos’è), le tasse che sono sempre troppe.

Poi accade che arrivi un Bando, magari anche più di uno, che fa al caso tuo. Chiedi, ti informi, ti convinci che quello è lo strumento che ti potrebbe dare una marcia in più. Ma non sai come fare: tempo, risorse, competenze sono i plus che fanno la differenza nella corsa verso i finanziamenti. E tu sai che non puoi perderli. La domanda è complicata, i fogli da compilare non sono molti ma i concetti sono articolarti, per le scadenze da mettere in fila non basta un foglio in Excel. C’è da impazzire.

Ma il 20 settembre, dalle 17.30 nella sede di Gallarate di Confartigianato Imprese Varese, agevolazioni, finanziamenti, incentivi e bandi non saranno più un mistero. E diremo alle imprese come “dare valore ai loro investimenti”. Senza perdere tempo.

SABATINI TER
Parliamo della Sabatini Ter. Adatta a tutte le tipologie di imprese (manifatturiere ma anche dell’autotrasporto o agricole), questa agevolazione richiede una programmazione al secondo. Solo nel primo anno, gli step da seguire sono almeno tredici: il macchinario da acquistare deve essere nuovo, deve essere abbinato alla richiesta di finanziamento o leasing, le banche alle quali chiedere le risorse devono essere convenzionate, l’invio della domanda è solo l’inizio.

Ci vuole un professionista che faccia “rete” tra l’imprenditore interessato, gli istituti di credito, i fornitori. E che, soprattutto, sappia intervenire al momento giusto: raccogliere la documentazione, inviarla, sollecitare, richiamare, tenere sotto controllo quanto è stato fatto e quanto si deve fare. Telefonare e spedire mail. Controllare che tutti i passaggi siano stati fatti nei tempi richiesti, incastrando le esigenze del sistema con quelle dell’impresa.

La buona riuscita della domanda della Sabatini, così come accade per altre forme di agevolazioni, dipende soprattutto da questa organizzazione che corre sul filo. Mai come in questo caso, il tempo fa la differenza. Seguire da soli l’intero iter è pressoché impossibile ed è inutile rischiare: inviare in ritardo un documento o saltare un passaggio, significherebbe vanificare tutti gli sforzi. E perdere il finanziamento. Prima ci si muove e meglio è: la logica dei bandi fa leva sul “chi arriva primo meglio si accomoda”.

Per informazioni
Martina Fusetti
AreaImpresa
telefono 0332/256242
martina.fusetti@asarva.org

TORNA SU