Cerca:
Home Assunzioni giovani, ecobonus “a obiettivo” e formazione per I4.0: le rivoluzioni del 2018

Assunzioni giovani, ecobonus “a obiettivo” e formazione per I4.0: le rivoluzioni del 2018

MILANO 13-2-09 PIL 2008 IN CALO - SOLDI E BANCONOTE (Agenzia: EMMEVI) (NomeArchivio: EURO_9ge.JPG)

Prima il decreto fiscale, ora la Legge di Bilancio: si fanno sempre più chiari i connotati della manovra 2018 per la quale, dal 20 ottobre, inizierà dal Senato l’iter parlamentare. Il Consiglio dei Ministri, nel pomeriggio di oggi – lunedì 16 ottobre – ha infatti approvato l’architrave del documento di programmazione economica e finanziaria, nella quale sono confermati gli incentivi destinati all’occupazione giovanile, da giorni al centro degli spoiler politici e di stampa.

Secondo quanto comunicato dal premier, per l’assunzione dei giovani, la manovra introdurrà una decontribuzione strutturale del 50% degli oneri previdenziali per tre anni. Per il primo anno, il 2018, la soglia per le assunzioni incentivate sarà ampliata al 100% per i giovani fino a 35 anni.

Per quanto riguarda, invece, il sostegno alle imprese, il documento del Cdm prevede la conferma dei superammortamenti, anche se con una soglia ribassata al 130 per cento. Confermato, invece, l’iperammortamento al 250 per cento. In arrivo, invece, un nuovo credito d’imposta al 50% per le spese in formazione digitale 4.0.

Buone notizie anche per il settore casa, con la stabilizzazione dell’ecobonus a favore dei condomini, confermato anche per il 2018, seppure con uno sconto fiscale del 50 anziché del 65% per le finestre o le caldaie a condensazione, ma con estensione agli incapienti grazie alla possibilità di cessione del credito. Una delle ipotesi allo studio è inoltre quella di legare l’entità dello sconto all’obiettivo di miglioramento energetico raggiunto.

TORNA SU