Cerca:
Home Dalle Pringles alle mele Rockit: tutti al Faberlab Design

Dalle Pringles alle mele Rockit: tutti al Faberlab Design

Il design può tutto, o quasi. Di certo cambia la percezione del consumatore nei confronti del mercato. E’ per questo che mercoledì 28 marzo, in occasione della presentazione di Faberlab Design, si è parlato anche di prodotti che hanno fatto della forma, del colore e dei materiali un loro punto di forza. Spesso nati da imprese anche a conduzione familiare, e non solo in provincia, che hanno saputo sposare il localismo con la globalizzazione.

ROCKIT: IL CASO DELLA MELA “NANA”
Ha un calibro molto più piccolo rispetto al normale e si gusta anche con gli occhi. La Rockit coltivata in Valtellina da Melavì, è una mela simpatica. Prodotto premium, ha occupato una nicchia di mercato superando la concorrenza di territori votati alla coltivazione di mele dalle dimensioni standard.  Le Rockit si vendono in tubi di plastica ecosostenibili, sono uno spezzafame, si portano in borsa e si consumano ovunque. Un prodotto di design: colorato, in grado di soddisfare i nuovi stili di vita (e per questo intelligente), attento all’ambiente.

LURISIA: L’ACQUA CHE SI FA COMPRARE
L’acqua è acqua, ma non tutte sono uguali. Lurisia, con Bolle e Stille, ha rinnovato il gusto per questo dissetante naturale. Bottiglie di vetro sagomate elegantemente, e tappi di plastica dalla forma ricercata, hanno trasformato un bene comune in prodotto di design. Capace di adattarsi all’eleganza di qualunque ambiente: a casa come negli hotel e nei ristoranti. La trasparenza e l’originalità della forma hanno uno stile inconfondibile e subito riconoscibile. Come nella miglior tradizione del design.

PRINGLES: LA PATATA ALTERNATIVA
Il punto di forza del design è quello di realizzare forme insolite, accattivanti ma funzionali. Le Pringles sono le uniche patate al mondo ad essere contenute in un tubo che garantisce la freschezza del prodotto, ne evita la rottura e permette di ottimizzare lo spazio durante il trasporto. Un’altra idea: le patatine non si pescano dal sacchetto, come da tradizione, ma rovesciandole dalla confezione. Antipatico? No, solo innovativo.

BUOSI (NO): IL CAFFE’ PER OGNI ORA DELLA GIORNATA
Un quadrato di cartone bianco, il logo Buosi posto in modo discreto, un cucchiaino di cioccolato a lato, il bicchiere in plastica trasparente: il Buosino, un misto di caffè e cioccolata creato da Buosi, è ormai un’istituzione. E viene servito così: con un packaging che è espressione di leggerezza ed eleganza. Una prova di design che da un lato rilassa il consumatore (pausa caffè) e dall’altro comunica tutti i valori di un’impresa che, nel food, ricerca l’eleganza e il nuovo. Una coccola pensata per il cliente: anche questo è design.

LEGU’, LA PASTA CHE PENSA A TE
Fa bene, è senza glutine, non contiene alcun tipo di grano perché prodotta solo con farine di legumi: è l’antipasta. Per salutisti, ma non solo. Il suo design attrae subito l’occhio, e interessa tanto le forme curiose del prodotto finito (intrecci, gigli, eliche, sorrisi e chicche) quanto il packaging, che si concentra sui colori, rustici, della terra. Un prodotto diverso al tatto, per consistenza del sacchetto, e bello da vedere.

APOLLO 11: LA LUNA IN UN BICCHIERE
Nel 1969, la missione Apollo 11 arriva sulla Luna. Da lì nasce il famoso l’aperitivo creato dalla famiglia Pirola. La bevanda fa tendenza per il suo colore rosa che “rompe” con i canoni del tempo.  Poi il restyling – anche questo è design – della bottiglia e delle confezioni si fa essenziale e sempre più elegante, con trasparenze e colori grigi a richiamare le pietre lunari. Il prodotto è più volte “denudato” e ripensato per riacquistare creatività e freschezza. Complice il design minimalista che dà la sensazione di gustare un’essenza extraterrestre.

PARASACCHI: LA BOBINA CHE FA STARE COMODI
La Parasacchi Srl è un’impresa leader nella produzione di bobine in plastica per l’avvolgimento di fili. Il design sposa anche l’etica del riciclo e del riuso. Da qui l’idea di trasformare il prodotto originario in sedute e tavolini da snack. Il progetto, sul quale sta lavorando il designer Giorgio Caporaso, è un mix tra la sostenibilità e il prodotto fashion. Le bobine, rivestite di tessuto, diventano moduli di arredo dal gusto vintage ma dotati di finezza. Di colori e dimensioni diversi, i prodotti esprimono infinite potenzialità: sono dotati di robustezza ma si spostano facilmente. E danno un accento di eccentricità all’ambiente inserendosi con gusto in qualsiasi contesto.

TORNA SU