Cerca:
Home Piccole imprese, grandi storie: Roberta, parrucchiera-scrittrice contro la violenza

Piccole imprese, grandi storie: Roberta, parrucchiera-scrittrice contro la violenza

roberta_4
Un libro per solidarietà. Che parla di gelati, di amore, di formule di bellezza. Ma parla soprattutto di donne. E le ritrae in 75 scatti per sensibilizzare chiunque sul tema della violenza – casalinga e non – e per donare fondi alla Cooperativa Sociale Onlus Kore Centro Antiviolenza di Vigevano. Obiettivo centrato: dal mese di gennaio a fine febbraio 2018, all’associazione sono arrivate trenta richieste di aiuto. Roberta Colli (del salone di acconciatura “Sestosenso Capelli e Charme” di Cilavegna in provincia di Pavia) e Massimiliano Scotti (della gelateria “VeroLatte” di Vigevano e campione europeo al Gelato Festival 2017), autori del libro “Un gelato per amore”, sono due piccoli imprenditori capaci di fare cose grandi.

A dimostrarlo non c’è solo questo volume ma l’interesse e la condivisione che ha generato sul territorio della Lomellina e oltre: una mostra fotografica nelle Prigioni del Castello Sforzesco di Vigevano (le immagini sono di Paola Rizzi), una rappresentazione scenica (a cura di Silvia Capiluppi), un progetto di «sorellanza» con un lenzuolo firmato da più di ottanta donne di tempi e spazi diversi (al Fuorisalone di Milano), la richiesta di portarlo in Veneto e Sardegna. Per ora. Presentato alla Libreria Feltrinelli di Vigevano l’8 marzo 2018, il libro contiene ricette di dolci e gelati ma anche di tanti «rimedi naturali di una volta».

Con due punti di contatto tra Roberta e Massimiliano: «La sensibilità su temi difficili e l’uso di alcuni ingredienti: lui usa il timo e il rosmarino (sono solo esempi) e io gli olii essenziali che si ricavano da quelle erbe», ci dice l’imprenditrice. Ricette da mangiare e da applicare: in entrambi i casi, fanno bene al corpo e all’anima. Sempre nel segno delle donne. Dice ancora Roberta: «Solo loro, unendosi, potranno cambiare questa drammatica situazione di violenza».

gelato_1

ARTIGIANO IMPRENDITORE
Donne al centro, nel lavoro di tutti i giorni. E’ anche per questo che Roberta è «pronta a crescere, perché oggi l’artigiano deve essere sempre più imprenditore: il “tutto per tutti” non esiste più, quindi bisogna specializzarsi per puntare ad una clientela che è sempre più di nicchia e più fidelizzata». Il come è subito detto: alleati di punta della manualità sono gli eventi, il co-marketing (per farsi conoscere), la comunicazione che passa dal racconto di quello che si fa, i social e le pubbliche relazioni. Roberta condensa tutto in uno slogan: «Meno pieghe e più contatti».

E non ha paura di perdere un cliente se le chiede un trattamento che, secondo lei, potrebbe causare danni: «Al “Sestosenso Capelli e Charme” il percorso è «curativo» e si usano solo coloranti naturali senza ammoniaca».

LE CURE ONCOLOGICHE E IL DOPO
Ma si va oltre, perché l’imprenditrice sa che si può dare sempre di più. Da qui le sue molteplici iniziative legate all’autostima, a chi è sottoposto a cure oncologiche, alle scuole materne dove organizza laboratori-gioco dedicati ai mestieri artigianali e ai giovani che si vogliono mettere in gioco. I consigli non mancano: «Chi vuole fare l’imprenditore non deve porsi il problema di quanto guadagna per le ore che fa – conclude Roberta – perché non si paga il tempo ma il risultato. Quanto io riesco a realizzare è una autorealizzazione». Però non conviene fare un salto nel buio: «Prima di aprire un’attività propria bisogna farsi le competenze giuste, raccogliere un bel po’ di esperienze e soprattutto formarsi».

TORNA SU