Cerca:
Home Utilizzo della targa Prova su veicoli immatricolati

Utilizzo della targa Prova su veicoli immatricolati

targa-provaCon la nota n. 300/A/2689/18/105/20/3 del 30 marzo 2018 il Ministero dell’Interno aveva fornito alcune precisazioni in merito alla circolazione di veicoli su strada muniti di targa di prova. In particolare aveva chiarito che la targa di prova non consente la circolazione ai veicoli immatricolati e non revisionati, privi di assicurazione RCA.

Quindi le officine di riparazione e di trasformazione possono utilizzare la targa di prova su veicoli immatricolati purché dispongano anche della copertura assicurativa RCA e della revisione. Qualora mancassero questi requisiti ai veicoli “in prova”, in caso di accertamento da parte della polizia stradale, possono scattare le sanzioni previste dal Codice della Strada.

Recentemente, con la Circolare n. 300/A/4341/18/105/20/3 del 30 maggio 2018, il Ministero è tornato sull’argomento ricordando come esista una diversità interpretativa sulla questione rispetto alla visione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che, stando a quanto riportato in quest’ultima circolare, “si è mostrato possibilista nel riconoscere l’utilizzabilità della targa di prova anche su veicoli immatricolati”.

I due Ministeri (Interni e Trasporti) hanno deciso di rivolgersi al Consiglio di Stato affinché si possa avere una chiave interpretativa univoca sulla tematica.

Con la Circolare del 30 maggio 2018 il Ministero dell’Interno ha voluto anche richiamare l’attenzione degli organi di polizia preposti al controllo affinché, per il momentosi mantenga la prassi che prevede l’utilizzo delle targhe di prova anche su veicoli immatricolati ma non assicurati.

Nota del direttore generale della Motorizzazione del 30 maggio 2018 (PDF)

 

TORNA SU