Cerca:
Home Al matching dell’alternanza, il futuro è nelle mani. Di imprese e giovani

Al matching dell’alternanza, il futuro è nelle mani. Di imprese e giovani

foto_matching_alternanza_2018Imprenditori e giovani non sempre si conoscono, ma entrambi si stanno avvicinando – anche grazie alle iniziative di Confartigianato Imprese Varese e al Tavolo unico provinciale scuola, formazione e lavoro – per capire come mettere a sistema le loro reciproche esperienze, entusiasmo e curiosità.

Le occasioni di incontro non mancano: giovedì 25 e venerdì 26 ottobre, nella Sala Campiotti della Camera di Commercio di Varese, si terrà l’evento dal titolo “Matching alternanza scuola-lavoro”. Un evento che si fa forte del know how di Confartigianato Varese e delle altre associazioni sul fronte dell’alternanza, e della presenza di più di venti istituti scolastici pronti a mettere sul piatto:

  • i profili professionali/formativi attivabili;
  • le modalità di organizzazione dell’alternanza;
  • gli schemi di convenzione;
  • gli esempi di precedenti esperienze di tirocinio in azienda (con il coinvolgimento degli studenti che ne sono stati interessati).

UN PONTE TRA LE IMPRESE E LE NUOVE GENERAZIONI
L’obiettivo della manifestazione è quello di fare incontrare domanda e offerta nei percorsi di alternanza. Un “contatto” che Confartigianato Imprese Varese coltiva da anni creando un ponte tra le imprese (alla ricerca di giovani motivati da formare) e le nuove generazioni (che hanno voglia di mettersi in gioco) anche attraverso il progetto Ife (Imprese formative d’eccellenza) con il quale si dà invece una formazione mirata agli imprenditori che vogliono ospitare gli studenti in alternanza.
Per le imprese che decideranno di partecipare, c’è un’altra novità: nei due giorni sarà organizzata una breve sessione formativa di circa venti minuti (alle ore 14 e poi alle 15, alle 16 e alle 17) riguardante i bandi di incentivo in tema di alternanza. Per loro ci saranno anche informazioni relative al Rasl (Registro nazionale alternanza scuola-lavoro).

IL VOUCHER PER L’ALTERNANZA
Interessa le micro, piccole e medie imprese con sede legale e/o unità locale in provincia di Varese iscritte al Rasl, disposte a dare il via a percorsi di alternanza nella forma del tirocinio nell’anno scolastico 2018/2019. Gli studenti coinvolti devono essere almeno due. Le risorse a disposizione sono di 110.400 euro, suddivisi in due diverse misure:

  • Misura A: 88.400 euro per percorsi di alternanza scuola-lavoro di studenti delle scuole secondarie di secondo grado della provincia di Varese,
  • Misura B: 22.000 euro per percorsi di alternanza scuola-lavoro di studenti dei CFP della provincia di Varese.

Il contributo della Camera di Commercio di Varese è a fondo perduto modulato come segue:

  • 800 euro per la realizzazione di almeno 2 percorsi individuali di alternanza scuola-lavoro, ciascuno di almeno 60 ore;
  • se l’impresa ha già beneficiato del voucher a valere sulla prima edizione del Bando, il contributo viene dimezzato, a meno che la stessa impresa non si impegni ad attivare almeno 4 percorsi individuali di alternanza scuola-lavoro;
  • 200 euro ulteriori, nel caso di inserimento in azienda di studente/i diversamente abile/i .

Le aziende potranno presentare la domanda per il voucher dal 5 al 15 novembre 2018.

Versione Beta, la scuola di formazione di Confartigianato Varese, assiste le imprese che ospitano i ragazzi e vogliono ottenere il contributo. 
Per informazioni: info@vbeta.it – tel. 0332 256.201

Per iscriversi all’evento del 25 ottobre, basta entrare nel sito della Camera di Commercio e selezionare il pulsante blu “Iscrizione” in alto a destra. Le imprese verranno contattate per sapere se interessate alla visita libera, oppure per fissare un appuntamento con una o più scuole d’interesse.
COME PARTECIPARE
Nei pomeriggi della due giorni, dalle 14.30 alle 18, ci sarà anche la visita libera (o su appuntamento) agli stand delle scuole e all’area istituzionale del Tavolo unico provinciale scuola, formazione e lavoro. Confartigianato Imprese Varese sarà presente per agevolare il contatto tra studenti e imprese. Perché sono quest’ultime a poter formare i giovani sul campo promuovendo la propria realtà, e realizzando attività di valore, per innovare i propri processi.

TORNA SU