Cerca:
Home Ho un euro, dove lo metto? Mini guida agli investimenti utili per le Pmi

Ho un euro, dove lo metto? Mini guida agli investimenti utili per le Pmi

Innovazione per le PmiNon tutti i dilemmi sono sfacciatamente amletici. Quello che pone Roberto Filipelli, Cloud &Enterprise partner development director di Microsoft, è più intrigante e di facile risposta per una piccola impresa, quindi con minore disponibilità economiche ma non per questo minori opportunità. «Abbiamo un euro – è la domanda – lo spendiamo per fare lo stesso prodotto a un costo più basso o lo investiamo per un prodotto più innovativo?».

Insomma, prima c’è l’idea, poi il capitale. Le Pmi stanno investendo sempre di più e lo certificano i dati Istat. Il 51% delle piccole imprese con attività innovative sviluppa nuovi prodotti e anche processi, puntando anche su innovazioni organizzative o di marketing: +7,5% nel triennio 2014-2016. Non solo, sempre le piccole attività con taglio innovativo ritagliano un investimento per addetto pari a 8.900 euro.

Le dimensioni insomma non scoraggiano, anzi.  La spesa per innovazione per addetto di una piccola impresa supera del 15,6% quella delle grandi. Soprattutto per macchinari, attrezzature, software e fabbricati finalizzati all’innovazione.

I RISULTATI DEL PIANO NAZIONALE
Filipelli induce però a fare attenzione. E cita anche due recenti articoli del “Corriere Innovazione” che fanno esplodere la contraddizione. Nel primo, emerge la preoccupazione che – dopo l’acquisto delle macchine con Industria 4.0 – si compia un passo indietro, anche per la mancanza di tecnici. Il secondo dà invece una medaglia inattesa all’Italia. Di qui la sintesi di Filipelli: «Da un lato siamo manifattura 3.5, dall’altro ci stupiamo di essere in quinta posizione tra i Paesi Ocse. Quello che appare chiaro è che due anni di investimenti in manifattura 4.0 non sono di fatto correlati ai veri risultati di innovazione che otteniamo in Italia».

Oggi le piccole attività stanno spendendo molto – prosegue – «e vedo cose molto interessanti e tentativi low cost, come se non avessero mai perso la capacità di fare le startup».

Uno specchio dei tempi (innovativi) è il Salone del Mobile di Milano. Gli arredi connessi non sono futuro, bensì presente conclamato, con l’innovazione che fiorisce con il design: «Qui – rileva Filipelli – c’è la voglia di fare. L’ecosistema, proprio sull’esperienza dei distretti, dove ognuno dà il meglio di sé». Così – ricorda – quando il presidente Mattarella ha visitato il Salone, tra gli stand è andato a colpo sicuro in quello di Tecno, che ha due caratteristiche. Da una parte, aver puntato su io.T, un sistema intelligente di arredi connessi ed integrabili a sistemi informativi, device, hub. Questo per offrire informazioni e soluzioni in real time ai proprietari e gestori degli smart building e agli utilizzatori finali.  Dall’altra l’acquisizione di Zanotta, quindi l’ecosistema appunto.

Qualche consiglio, dunque: l’analisi del core business è fondamentale, prima di investire sull’innovazione, come in ogni altra decisione cruciale dell’azienda. Ma non basta.

NON BLOCCHIAMO LE IDEE
Altro requisito speciale? «L’umiltà – assicura Filipelli – A partire da quella di capire che qualcuno anche da fuori può avere un quid in più, quello che ti permette di fare l’investimento giusto». Occhio dunque a un atteggiamento diffuso: faccio tutto io, so già io.

Conseguenza naturale, l’ecosistema di cui già parlava: «Bisogna crearne per poter evolvere insieme».

Piccoli? Nessun problema. Ma isolati, no. E per questa partita non c’entra l’età, ma l’atteggiamento: «Tantissime persone sanno identificare l’attaccante e il difensore in campo. Quante che hanno fatto impresa per molti anni, avrebbero fiuto per capire buone idee e creare associazioni».

Altra avvertenza: non cercare alibi, neanche nella disponibilità economica appunto. «C’è un software che gira il video di una stanza, la mappa nel Cad e io posso trasformare in pezzetti di Lego il mobilio del locale, compresi i colori – racconta – Immaginate che cosa può fare un mobiliere di Lissone con gli occhiali della realtà virtuale. Costo? Duecento euro. Non serve andare nelle banche a prendere cinque milioni… Le idee ci vengono regolarmente, come italiani. Non blocchiamole». Insomma, non bisogna per forza anticipare un capitale pazzesco. Ma avere l’idea per spendere il giusto, programmandolo.

PER ULTERIORI APPROFONDIMENTI CONSULTA QUI IL NOSTRO MAGAZINE

TORNA SU