Cerca:
Home Il “sì” della Camera al Dl Semplificazioni. Novità anche per le imprese

Il “sì” della Camera al Dl Semplificazioni. Novità anche per le imprese

foto_dl_semplificazioni#RassegnaStampa

E’ stato approvato alla Camera – con il favore di 310 deputati, 245 contrari e un astenuto – il decreto legge Semplificazioni. Domani, venerdì 8 febbraio, si attende il via libera definitivo di Montecitorio e il testo diventerà legge. Le semplificazioni, come titola Italia Oggi, sono «su tre pilastri: misure in materia di impresa e lavoro; superamento di criticità sociali quali il sovraffollamento delle strutture carcerarie e la carenza di medici di medicina generale e di dirigenti scolastici; modernizzazione dell’azione pubblica e informatizzazione dei rapporti tra cittadini, imprese e Pa». Guardiamo da vicino le misure di maggiore importanza:

FONDO DI GARANZIA PER LE PMI IN DIFFICOLTA’ – Nell’ambito del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, si istituisce una Sezione speciale dedicata a interventi di garanzia in favore delle Pmi che sono in difficoltà nella restituzione delle rate di finanziamenti già contratti con banche e intermediari finanziari, e sono titolari di crediti certificati nei confronti delle pubbliche Amministrazioni.

REGISTRO ELETTRONICO NAZIONALE TRACCIABILITA’ RIFIUTI – Lo spiega bene Il Sole 24 Ore: «C’è da registrare il caso del Sistri (Sistema di tracciabilità dei rifiuti), con le perplessità sollevate dalle piccole imprese per il ritorno del contributo obbligatorio. Dopo l’abolizione contenuta nel testo originario del Dl con decorrenza 1° gennaio 2019, il Senato ha previsto l’introduzione dal 2020 di un nuovo sistema di pagamento per le imprese: un registro nazionale per la tracciabilità dei rifiuti gestito direttamente dal ministero dell’Ambiente». Le regole di funzionamento e di iscrizione dei soggetti obbligati al nuovo registro saranno fissate dallo stesso ministero che determinerà anche l’importo dei contributi annuali e dei diritti di segreteria dovuti dalle imprese per garantire la totale copertura dei costi di funzionamento del sistema.

ROTTAMAZIONE BIS ANCHE PER CHI NON E’ IN REGOLA CON LE RATE – Prevista la riapertura della rottamazione ter anche ai soggetti attualmente esclusi dall’articolo 3, comma 23, del decreto legge n. 119 del 2018. Si tratta dei soggetti che non abbiano provveduto a versare le rate dovute per la precedente definizione agevolata 2017 entro il 7 dicembre 2018 e che, qualora l’emendamento fosse confermato anche dalla Camera, consentirebbe di accedere alla rottamazione ter delle cartelle anche ai soggetti attualmente esclusi.

LIBRO UNICO DEL LAVORO – Abrogata la norma che prevedeva, a decorrere dal 1° gennaio 2019, che il Libro unico del lavoro fosse tenuto in modalità telematica presso il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, e che demandava a un Dm l’individuazione delle modalità operative.

RIFORMA NCC – Si prevede che gli operatori del servizio noleggio con conducente, possano operare in ambito provinciale senza essere obbligati a ritornare in rimessa. Previsto anche il blocco del rilascio di nuove autorizzazioni fino alla piena operatività di un nuovo “archivio informatico pubblico nazionale” che registrerà anche tutte le licenze dei taxi. Un dpcm successivo definirà le regole per le piattaforme digitali come Uber.

E’ LEGGE L’ETICHETTA MADE IN ITALY SUGLI ALIMENTI. MA NOVITA’ ANCHE SUL BURRO…
Diventa legge l’obbligo di indicare in etichetta il luogo di provenienza geografica di tutti gli alimenti per valorizzare la produzione agroalimentare nazionale, e consentire scelte di acquisto consapevoli ai consumatori contro gli inganni dei prodotti stranieri spacciati per Made in Italy. In caso di mancato rispetto delle norme, sono previste sanzioni che vanno da 2mila a 16mila euro, salvo che il fatto costituisca reato. Per i produttori e confezionatori di burro non ci sarà più l’obbligo di tenere il registro di carico e scarico, sul quale devono essere indicate la quantità e la qualità della materia prima impiegata ed i tipi di burro ottenuti. Per i grossisti, stop all’obbligo di tenuta del registro di carico e scarico di alcune sostanze zuccherine.

MINI IRES PER IL TERZO SETTORE – Sospesa l’abrogazione della mini Ires per gli enti che operano in particolari settori di rilevanza sociale come beneficenza, assistenza sociosanitaria, educazione e istruzione. L’abrogazione di questa disposizione è rinviata fino all’adozione, con prossimi interventi legislativi, di apposite misure di favore per gli enti che realizzano finalità sociali con modalità non commerciali che andranno coordinate con la riforma del Terzo settore. La mini Ires scomparirà a partire dal periodo di imposta di prima applicazione di queste nuove misure. Fino ad allora gli enti che rimarranno fuori dal Terzo settore potranno continuare ad applicare la riduzione Ires, con aliquota al 12%; quelli che si iscriveranno al Registro unico del Terzo settore (Runts), invece, una volta intervenuta l’autorizzazione europea perderanno l’agevolazione ma beneficeranno di nuovi regimi fiscali.

TRIVELLE, MORATORIA 18 MESI – Il decreto stabilisce una sospensione di 18 mesi, in attesa della stesura del Piano sulle aree idonee, dei procedimenti di conferimento di nuovi permessi di prospezione e ricerca di idrocarburi. La sospensione vale anche per i permessi vigenti. Le attività di estrazione in essere e i procedimenti di proroga delle concessioni, possono continuare. Previsto anche un aumento dei canoni di concessione pari a 25 volte. L’aumento scatterà dal prossimo primo giugno.

STARTUP E PMI INNOVATIVE – Modificata la disciplina delle start-up, degli incubatori certificati e delle PMI innovative, allo scopo di semplificare gli obblighi informativi a carico di tali categorie di imprese e snellire gli adempimenti richiesti per il mantenimento delle agevolazioni ad essi concesse.

OK A DEFINIZIONE DI BLOCKCHAIN E SMART CONTRACT
Approvate le definizioni delle “tecnologie basate su registri distribuiti” (Blockchain) e Smart Contract e le relative linee guida. L’Agenzia per l’Italia Digitale, individua gli standard tecnici che le tecnologie basate su registri distribuiti debbono possedere ai fini della memorizzazione di un documento informatico che comporta effetti giuridici della validazione temporale elettronica.

DAL 2020 IL PREMIER GUIDA L’AGENDA DIGITALE – Dal 1° gennaio 2020 i poteri e le funzioni del commissario straordinario per l’attuazione dell’Agenda digitale saranno attribuiti al presidente del Consiglio dei ministri.

PRESTITO ALITALIA – Rinvio fino al 30 giugno 2019 della scadenza per la restituzione del “prestito-ponte” ad Alitalia, con la specifica che il rientro del prestito si riferisce all’intero finanziamento, pari a 900 milioni.

AL FONDO IMU-TASI ARRIVANO 300 MILIONI – Nel 2019 torna a 300 milioni il rifinanziamento del fondo Imu-Tasi. Nella legge di Bilancio l’importo era stato ridotto a 190 milioni. L’incremento vale solo per il 2019, poi resterà pari a 190 milioni fino al 2033.

ESONERO E-FATTURA PER PRESTAZIONI SANITARIE – Ampliato l’esonero dall’obbligo di fatturazione elettronica per il periodo d’imposta 2019 per i soggetti che non sono tenuti all’invio dei dati al Sistema tessera sanitaria estendendolo, con riferimento alle fatture relative alle prestazioni sanitarie effettuate nei confronti delle persone fisiche, anche ai soggetti che non sono tenuti all’invio dei dati al Sistema tessera sanitaria ai fini dell’elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata.

REVERSE CHARGE – Introdotta una nuova disciplina per contrastare fenomeni di elusione ed evasione dell’Iva nell’ambito di transazioni commerciali, effettuate tramite piattaforme commerciali online di beni elettronici come cellulari, console da gioco, tablet, Pc e laptop.

TORNA SU