Cerca:
Home Z-Zuliefermesse, atto primo. Nove aziende del Made In Italy nella capitale degli affari

Z-Zuliefermesse, atto primo. Nove aziende del Made In Italy nella capitale degli affari

Primo giorno di fiera e primo bilancio già positivo per la partecipazione targata Confartigianato Varese Artser/AreaBusiness alla Z-Zuliefermesse, la fiera della subfornitura industriale che si è aperta questa mattina (martedì 5 febbraio) a Lipsia e che per quattro giorni offrirà alle aziende del territorio la possibilità di interagire con i principali attori di un settore in forte espansione. Produttori di parti, componenti, moduli e tecnologie dei comparti automotive, costruzione di macchine e impianti si ritroveranno fino a venerdì non solo per conoscersi ma anche per cogliere le prospettive di sviluppo future.

Un modo per essere, come si dice, dentro la Storia. O, com’è più consono per la circostanza, “dentro il business”. Nove in tutto le imprese che hanno scelto di essere alla Z-Zuliefermesse entrando a far parte del catalogo attraverso il quale Confartigianato Artser/AreaBusiness presenterà il meglio del “Made In”. Si tratta delle “Officine Meccaniche Mario Bazzigaluppi” (Vigevano), Bertolina Forge Srl (Castronno), CLV Oleodinamica Srl (Cavaria con Premezzo), Cosmel di La Cognata Trasparano&C Snc (Lonate Pozzolo), Doncoc (Momo), Costruzioni lavorazioni meccaniche di precisione Erresse Srl (Cairate), Fonderia Malandra (Vigevano), Stampi Engineering Srl (Gornate Olona), e Teknoadamar (Caronno Pertusella).

Una sorta di vetrina virtuale alla quale, grazie al supporto di Matteo Campari (servizio Estero Confartigianato Varese Artser/AreaBusiness), è stata affiancata una vetrina espositiva per le campionature aziendali e, in tre casi, la presenza dell’imprenditore all’evento. Tra i partecipanti anche il digital innovation hub Faberlab.

«Siamo partiti con la consapevolezza di avere una grande opportunità» conferma Campari, che nei giorni da qui a venerdì raccoglierà contatti, manifestazioni di interesse e precise indicazioni in merito allo sviluppo di un settore che fino all’8 febbraio si radunerà nella capitale della subfornitura industriale per scegliere il meglio. E, possibilmente, il meglio del Made in Italy.

 

 

 

TORNA SU