Cerca:
Home La Provincia di Varese, punti deboli e punti di forza su cui costruire i progetti del futuro. LO STUDIO

La Provincia di Varese, punti deboli e punti di forza su cui costruire i progetti del futuro. LO STUDIO

varese - convegno confartigianato studio ambrosetti 13-3-2019 --La Provincia di Varese: territorio in movimento”: si può riassumere così la visione per il futuro del territorio della Provincia messa a punto nello studio realizzato da The European House – Ambrosetti per Confartigianato Imprese Varese e sulla base di un diffuso ascolto del territorio attraverso oltre 30 incontri con personalità del mondo istituzionale, della business community e della società. Sette sono le linee di indirizzo/proposte su cui si basa:

  1. Mettere a valore gli asset e le competenze presenti, promuovendo strategie di co-sviluppo economico-industriale e relazionandosi proattivamente con gli altri territori limitrofi.
  2. Rafforzare i settori strategici, ad alta produttività e resilienza già presenti sul territorio, puntando a una leadership nella manifattura ad elevata specializzazione (aerospazio, chimico-farmaceutico, gomma-plastica, macchinari e meccanica, ecc.).
  3. Sostenere il rafforzamento dimensionale delle tante realtà industriali di piccole dimensioni.
  4. Diventare un hub per la mobilità avanzata e valorizzare la qualità ambientale e le filiere industriali legate alla sostenibilità in una logica attrattiva e distintiva, affermandosi come una Provincia di riferimento per le tecnologie verdi e la circular economy. Si propone di:
    1. lanciare un incubatore di start-up focalizzato su ambiti tecnologici specifici;
    2. sviluppare una filiera industriale di soluzioni tecnologiche da integrare in progetti di mobilità pubblica e privata.
  5. Sviluppare un posizionamento distintivo in chiave industriale e di servizio sulla filiera dello sport e della natura per diventare uno dei primi territori di riferimento a livello nazionale. Ad esempio, si propone di:
  6. candidare Varese a Capitale Europea dello Sport;
  7. organizzare, nell’ottobre 2020 di un’edizione speciale per i 100 anni della gara ciclistica delle Tre Valli Varesine.
  8. Associare il territorio ad una immagine forte e attrattiva, basata sul suo DNA manifatturiero e anche in collegamento con i valori legati ad una vita “attiva”, salutare e attenta alla sostenibilità.
  9. Lanciare un’iniziativa iconica capace di catalizzare l’interesse internazionale sul territorio realizzando, ad esempio:
  10. un percorso, ispirato alle 14 tappe del Sacro Monte di Varese, che richiami le eccellenze nel Nord e nel Sud della Provincia;
  11. opere architettoniche di design che possano diventare landmark iconici e/o manifestazioni ad alta capacità attrattiva.

varese - convegno confartigianato studio ambrosetti 13-3-2019 --

La missione dell’iniziativa “La Provincia di Varese: Scenari di futuro” è concretizzare una visione unificante per l’eccellenza dello sviluppo del territorio della Provincia di Varese nel più ampio contesto dell’area pedemontana, della Lombardia e della macro-area del Nord-Ovest, individuando le azioni e le direttrici portanti per la crescita economico-sociale e creando le condizioni per rafforzare le relazioni con il sistema-Lombardia e le Province limitrofe.

Lo studio, che ha esaminato le dinamiche socio-economiche della Provincia negli ultimi 25 anni e analizzato i bilanci di oltre 1.500 aziende manifatturiere del territorio, ha individuato 10 punti di forza su cui il territorio può contare e sui quali poggiano le fondamenta per lo sviluppo futuro. La Provincia di Varese ha una forte specializzazione industriale nella progettazione, produzione e ricerca in settori manifatturieri rilevanti e ad alta produttività: macchinari e lavorazione del metallo (1/3 dell’export provinciale del 2017), chimico-farmaceutico (4° Provincia italiana per numero di addetti e 6° per numero di unità locali), plastica (3° Provincia lombarda per export) e produzione di velivoli (1° Provincia lombarda per export di prodotti aerospaziali). Inoltre, il territorio si posiziona al di sopra della media italiana ed è 3° in Lombardia per densità di imprese manifatturiere (7,2 per km2) e PMI (17,6 per km2). Anche le esportazioni costituiscono un punto di forza della Provincia che, dopo Brescia e Bergamo, è uno dei “pilastri portanti” dell’export lombardo, con una bilancia commerciale costantemente in attivo dal 1991. Questo anche grazie alla dotazione di collegamenti infrastrutturali che innervano il territorio: solo per citarne alcuni, l’aeroporto internazionale di Malpensa (2° in Italia per traffico passeggeri e 1° per traffico merci), l’inserimento della rete ferroviaria lungo il corridoio ferroviario TEN-T Reno-Alpi e il terminal intermodale di Busto Arsizio (uno dei più importanti dell’Europa meridionale).

Benessere diffuso (escludendo le città metropolitane di Milano e Torino, Varese è la 1° Provincia italiana per numero di Comuni nei primi 100 per più alto reddito per contribuente), sviluppo sostenibile (3° Provincia italiana per quota di imprese che investono nel green e per quota di raccolta differenziata di rifiuti urbani sul totale, pari al 75,2%), patrimonio artistico e paesaggistico (1° Provincia lombarda per numero di siti UNESCO e 3° per ettari di patrimonio naturale protetto per abitante), ed elevata vocazione sportiva (2° Provincia lombarda per indice di sportività nel volley, nuoto, tennis e sport d’acqua) costituiscono altri fattori di eccellenza del territorio.

varese - convegno confartigianato studio ambrosetti 13-3-2019 -

Sono diverse, tuttavia, le criticità da affrontare: la Provincia soffre di dinamiche demografiche in deterioramento, posizionandosi al di sotto della Lombardia e dell’Italia per tasso di natalità ogni 1.000 abitanti (7,5 vs. 7,9 della Lombardia e 7,6 italiano), età media (45,5 vs. 45,0 lombardo e 44,9 nazionale), indice di dipendenza strutturale (58,7 vs. 56,8 lombardo e 55,8 nazionale) e quota di popolazione in età lavorativa, che tra il 2005 e il 2018 si è ridotta più velocemente (da 67,1% a 63,0%) rispetto all’Italia (da 66,3% a 64,1%). In aggiunta, Varese è tra le Province che hanno sofferto maggiormente la crisi, rientrando nel gruppo dei 4 territori lombardi che hanno impiegato più tempo per recuperare i livelli pre-crisi (8 anni). Applicando lo stesso tasso di crescita annua registrato in Lombardia tra il 2008 e il 2017, la Provincia di Varese avrebbe superato il livello del 2008 in soli 3 anni e avrebbe un valore aggiunto superiore a quello attuale di quasi 2 miliardi di euro. La manifattura varesina ha sofferto in misura marcata, segnando una crescita solo del 4,5% rispetto ai livelli dell’anno 2000, rispetto al +55,2% della manifattura lombarda e al +44,4% di quella italiana. La vitalità imprenditoriale rispetto alle altre Province lombarde posiziona Varese al penultimo posto per densità di start-up innovative (3,3%). La disparità di ricchezza all’interno del territorio (131,3% tra primi 5 e ultimi 5 Comuni della Provincia) è seconda solo a quella della Provincia di Como (165,3%). Il differenziale di ricchezza tra primo e ultimo Comune più ricco (204%) risulta circa il doppio di quello esistente tra Lombardia e Calabria (135%) ed è tre volte superiore di quello tra Germania e Grecia. Infine, la Provincia di Varese sconta una bassa risonanza mediatica sul web, e con il 3,7% di visibilità si posiziona al quartultimo posto tra le Province lombarde.

La visione strategica “La Provincia di Varese: territorio in movimento” sottende diverse azioni per la sua implementazione che riguardano l’evoluzione del sistema delle imprese, così come l’organizzazione dell’offerta dei servizi e l’immagine del territorio sui mercati internazionali.

«Per dare concretezza al percorso di sviluppo strategico della Provincia di Varese – afferma Valerio De Molli (Managing Partner & CEO, The European House – Ambrosetti) – proponiamo anche di costituire un Think Tank permanente e multi-stakeholder come strumento di indirizzo e governo del cambiamento del territorio, con l’obiettivo di:

  • Validare in dettaglio l’analisi esposta e approvare le priorità strategiche di sviluppo.
  • Individuare e attivare gli investimenti necessari.
  • Mantenere viva l’attenzione e la “pressione” sugli aspetti di implementazione.
  • Realizzare un momento ricorrente su base annuale (gli «Stati Generali del territorio»), dando continuità all’evento di presentazione dell’iniziativa».

«Lo studio, e le persone presenti all’incontro, dimostrano che in questo territorio si stanno delineando cambiamenti interessanti ed esperienze in grado di anticipare il futuro – analizza il presidente di Confartigianato imprese Varese, Davide Galli – Nostro compito, da questo momento in poi, sarà collegare queste esperienze e questi cambiamenti, portarli alla luce e trasformarli in esempi di eccellenza aprendo il più possibile al confronto, offrendo spazi e modalità di incontro e di condivisione di idee. Lavoreremo in questa direzione e lo faremo sia al di fuori degli spazi istituzionali che portando le istituzioni dentro la realtà di un territorio che è già in movimento».

«Confartigianato Imprese Varese crede in questo studio nella convinzione che possa essere un contributo utile ad arrestare il rallentamento della provincia di Varese – prosegue Galli – È questo il momento di svoltare, tutti insieme, e di farlo unendo le spinte economiche, culturali e sociali: dobbiamo operare in sinergia se vogliamo arrivare al punto di svolta. Non dimentichiamo che dalla volontà di invertire una tendenza negativa è nato il progetto di legge Aree di Confine, attorno al quale si sono aggregate forze e voci tali da trasformare quella iniziativa in proposta di legge che ora speriamo di veder tradotta in qualcosa di davvero concreto».

Sono intervenuti, insieme a Davide Galli e Valerio De Molli, anche i rappresentanti delle istituzioni nazionali, regionale e provinciali: Dario Galli (Viceministro allo Sviluppo Economico), Attilio Fontana (Presidente della Regione Lombardia) ed Emanuele Antonelli (Presidente della Provincia di Varese).

IL TABLEAU DE BORD

GUARDA LA FOTOGALLERY

PER CONSULTARE LO STUDIO LASCIACI LA TUA MAIL


TORNA SU