Cerca:
Home Dove sta andando la provincia di Varese? Ne parliamo oggi alle Ville Ponti

Dove sta andando la provincia di Varese? Ne parliamo oggi alle Ville Ponti

ambrosettiqsala-napoleonicaLa provincia di Varese si muove, ma non sempre lo fa bene. Oggi pomeriggio, dalle ore 17 nella Sala Napoleonica di Ville Ponti, Confartigianato Imprese Varese presenterà lo studio commissionato a Teh – The European House Ambrosetti. Il titolo dice già tutto: “La provincia di Varese, scenari di futuro. Azioni strategiche vincenti per lo sviluppo del territorio”. Un’analisi corposa che ha esaminato le dinamiche socio-economiche della Provincia negli ultimi 25 anni e analizzato i bilanci di oltre 1.500 aziende manifatturiere del territorio. Per individuare i 10 punti di forza sui quali il territorio può contare e sui quali poggiano le fondamenta per lo sviluppo futuro.

In questi ultimi anni tanto si è parlato, e si parla tutt’ora, di quanto l’attrattività di un territorio sia un valore aggiunto non solo per la salute della sua economia ma anche per il benessere dei suoi cittadini. Essere attrattivi significa generare e garantire condizioni di vita, e per l’imprenditorialità, più vantaggiose di quanto se ne possano trovare altrove. Significa anche prendere atto delle proprie debolezze (per risolverle) e valorizzare, invece, le proprie eccellenze.

La provincia di Varese, per esempio, ha lo slancio della gazzella per quanto riguarda la densità di imprese manifatturiere (7,2 per km2) e PMI (17,6 per km2), ma è anche tra i territori che hanno sofferto maggiormente la crisi, rientrando nel gruppo dei quattro territori lombardi che hanno impiegato più tempo per recuperare i livelli pre-crisi (8 anni).

Corre all’impazzata, questa provincia, nell’export, nel benessere diffuso, nel patrimonio artistico e paesaggistico (prima provincia lombarda per numero di siti Unesco) ma si arresta di fronte a dinamiche demografiche che si stanno deteriorando (una popolazione in media più vecchia di quella lombarda e di quella nazionale) e alla disparità di ricchezza all’interno del territorio. Inoltre, sconta una bassa risonanza mediatica sul web.

Deve fare i conti, questa provincia, con l’area pedemontana della Lombardia e la macro-area del Nord-Ovest, per creare le condizioni che potranno rafforzare le relazioni con il sistema-Lombardia e le Province limitrofe. Una partita aperta, o che si dovrà aprire velocemente, che coinvolge tutti gli attori del territorio. Oggi parliamo di questo con l’intenzione e l’obiettivo, però, che il confronto porti ad azioni concrete e realistiche.

TORNA SU