Cerca:
Home «Confidi Systema! può contare su Varese». Ora al lavoro più vicini all’economia reale

«Confidi Systema! può contare su Varese». Ora al lavoro più vicini all’economia reale

varese - convegno confartigianato ubi banca 19-6-2019«Auguri al nuovo presidente: nel corso del suo mandato potrà sempre contare sull’esperienza e sulla collaborazione di Varese per rafforzare il polo del credito e avvicinarlo sempre di più all’economia reale rappresentata da migliaia di piccole e medie imprese intenzionate a crescere e ad agganciare l’innovazione e l’internazionalizzazione».

A ridosso del rinnovo delle cariche sociali 2019-2021 di Confidi Systema!, interviene il direttore generale di Confartigianato Varese Mauro Colombo per sottolineare ruolo e importanza del territorio nel board della società nata il primo gennaio 2016, dove due sono i rappresentanti della provincia di Varese: il presidente uscente, e attuale vicepresidente, Lorenzo Mezzalira – esponente della giunta esecutiva dell’associazione di viale Milano – e il numero uno stesso di Confartigianato Varese, Davide Galli, componente del consiglio di amministrazione della società.

«Una garanzia di esperienza ma anche di attenzione nei confronti di un territorio dove da sempre è più che significativa l’operatività di Confidi Systema!, soprattutto a beneficio delle piccole e medie imprese» prosegue Colombo.

alessandro-spada10Non a caso, quindi, accanto al neoeletto imprenditore milanese Alessandro Spada, 53 anni, vicepresidente vicario di Assolombarda, resterà l’uscente Mezzalira, confermato nel Consiglio di amministrazione con l’incarico di vicepresidente e membro del Comitato Esecutivo. «Sono contento di inserirmi nella squadra che ha amministrato il Confidi in questi anni e conto di poter proseguire nell’importante progetto di Confidi Systema! che ha confermato nel tempo il proprio ruolo di partner delle imprese impegnate in percorsi di crescita e sviluppo delle attività aziendali» le parole di Spada.

I dati di chiusura del triennio 2016-2018 premiamo il percorso intrapreso dalla Società, l’affidabilità, la solidità e la capacità di imprimere un segno positivo sul territorio a beneficio dell’economia reale.

Davide GalliQualche numero per comprendere il valore di un colosso maturato dalla fusione per incorporazione in ArtigianFidi Lombardia di Confidi Lombardia, Confidi Province Lombarde, Co.f.a.l. (Consorzio fidi agricoltori lombardi) e Federfidi Lombarda: il Bilancio 2018 di Confidi Systema si è chiuso nel segno della continuità rispetto all’intero triennio con un utile di esercizio di poco inferiore ai 2,3 milioni di euro.

Sul piano gestionale, è proseguita la crescita del flusso di garanzie prestate, attestatosi a 293 milioni di euro contro i 286 milioni erogati nell’anno precedente (+2,5%), con una quota significativa a sostegno dei programmi di investimento (16,5%), a testimonianza di una imprenditoria che, pur in un quadro generale sfidante, lavora per la ripresa del territorio.

Nel triennio che si è concluso, il flusso di nuove garanzie ha toccato gli 834 milioni di euro, circa 100 milioni in più rispetto al triennio 2013-2015, e ha posto Confidi Systema fin dal 2017 al primo posto in Italia per operatività. Nello stesso periodo sono stati prodotti utili per circa 7,7 milioni di euro contro perdite cumulate nel periodo 2013/15 pari a 21 milioni di euro.

mezzalira-al-vertice-di-artigianfidi_db136784-e500-11e3-add3-de5ea5e00665_cougar_imageVia libera anche all’investimento in MiniBond con la costruzione di uno stock di oltre 26 milioni di emissioni comprate quale primo step di un percorso di avvicinamento del risparmio all’economia reale.

«Il Piano Industriale 2019-2021, su cui già si sta lavorando, si muove nella direzione del consolidamento di questo patrimonio di servizio alle imprese, avvicinando il risparmio all’economia reale e contribuendo a creare un sistema d’offerta che integri quella bancaria, nella prospettiva di un servizio sempre più efficiente ed efficace mescolando il valore di persone, territori, tecnologia e mercati finanziari» continua il neopresidente.

Il consiglio di amministrazione che affianca Spada, oltre che dal vicepresidente Lorenzo Mezzalira e dal presidente di Confartigianato Imprese Varese, Davide Galli, è composto da Marilena Bolli, Lorenzo Capelli, Marco Galimberti, Claudio Gervasoni, Matteo Lasagna, Eugenio Massetti, Antonello Regazzoni, Rodolfo Stropeni. Il collegio sindacale della Società è invece composto ora dal presidente Alessandro Tonolini affiancato da Cosimo Cafagna e Gilberto Gelosa.

TORNA SU