Cerca:
Home Essere protagonisti dei cambiamenti del territorio è una scelta di responsabilità

Essere protagonisti dei cambiamenti del territorio è una scelta di responsabilità

davide-galli-presidentePubblichiamo le conclusioni del presidente di Confartigianato Imprese Varese, Davide Galli, a proposito del progetto Territori In Tour, realizzato dalla nostra associazione in collaborazione con VareseNews. Per consultare l’intero percorso compiuto in provincia (città di Varese, Luino, Gallarate, Busto Arsizio e Saronno) cliccate QUI.

Una provincia “nuova” alla quale restituire una nuova visione e, soprattutto, nuove politiche di sviluppo industriale. Abbiamo scelto di dedicare i primi sette mesi del 2019 alla scoperta, alla conoscenza, all’analisi e all’ascolto del territorio per scrutare con i numeri e ascoltare dalla voce della quotidianità i cambiamenti in atto. Tanti, forse troppi per far rientrare negli attuali confini le trasformazioni e il rafforzamento di città che, con le loro strade, i loro obiettivi, il loro circondario di riferimento e caratteristiche sempre più peculiari, fanno di Varese una terra fortemente policentrica.

L’evidenza, l’ennesima, è maturata nel corso dalle cinque settimane di Territori in Tour, un progetto di cammino avviato con VareseNews per toccare con mano le città di Luino, Varese, Gallarate, Busto Arsizio e Saronno. Venti giorni di incontri con persone e realtà differenti e affascinanti: Pmi, industrie, startup, ferrovie, strade, associazioni del terzo settore, istituzioni, uomini di chiesa, esponenti del mondo della formazione, dell’università e della “società civile”.

Decine e decine di occasioni utili a combinare al quadro realista restituito dall’analisi “La Provincia di Varese – Scenari di futuro” di TEH Ambrosetti la visione iperrealista di ciascuna singola identità mico-territoriale: dal Luinese, sempre più proteso verso la Svizzera e il turismo, a Varese, capitale dei servizi e della cultura; da Gallarate, un po’ delusa da Malpensa e un po’ centro di riferimento della logistica fino a Busto Arsizio, che alla forza della formazione ha saputo combinare investimenti in produttività. E a Saronno, sempre più periferia dove tutto sa di interconnessione, vivacità e meneghinità.

territori-in-tour_2019_330x120Queste ultime, tra l’altro, strette nell’abbraccio solido della città metropolitana di Milano, che con il biglietto integrato ha reso più vicino il suo centro a due delle sue “periferie” più strategiche.

Strade e direttrici: duemila e duecento chilometri di asfalto e 225 chilometri di ferrovia (+ 80 oggi dismessi) che portano il Luinese sempre più vicino alla Svizzera, che impongono a Varese di confrontarsi con il Nord Europa e Malpensa attraverso la linea Arcisate-Stabio (trasporto passeggeri), che spingono Gallarate a dialogare sull’asse Nord Europa-Genova per il trasferimento merci via ferro e con il resto del mondo tramite Cargo City. E fanno di Busto Arsizio e, ancora di più, di Saronno, centri di interconnessione fondamentali per quanti cercano la città metropolitana anche fuori dalle mura del suo centro.

È questo il territorio che oggi ci stimola a guardarne le interconnessioni, rompendo le certezze del confine politico e identificando nuove frontiere dell’economia e della società. Serviranno, per questi “territori”, politiche differenziate e mirate, uno sviluppo infrastrutturale in grado di assecondare le spinte centrifughe e centripete. Occorreranno interventi per accompagnare i cambiamenti sociali attraverso l’innesto del welfare aziendale e il rafforzamento di politiche di formazione e riqualificazione adeguate alle nuove direttrici di sviluppo. Sarà utile insistere affinché progetti come “Aree di Confine” superino lo scoglio parlamentare e vincano le perplessità del territorio (o di una sua parte). E bisognerà, di nuovo, investire su piani industriali innovativi, in grado di riassumere le identità in una vocazione forte. In grado di supportare le micro-identità e di dare loro ancora maggior valore.

È una sfida impegnativa. Irrinunciabile e non rinviabile.

Questo editoriale è consultabile anche sul nuovo magazine di Confartigianato Imprese Varese, Imprese e Territorio

bottone-200x200-consulta-il-magazine

 

TORNA SU