Cerca:
Home Amianto, arriva il bando che finanzia i lavori di rimozione da edifici privati

Amianto, arriva il bando che finanzia i lavori di rimozione da edifici privati

amianto_720Rimuovere le coperture e i manufatti in cemento amianto dagli edifici privati diventa più semplice ed economico. Regione Lombardia, infatti, ha pubblicato un bando per l’assegnazione di incentivi ai cittadini che interverranno sulle proprie abitazioni: il fondo stanziato per il 2019 raggiunge la cifra di un milione di euro.

Ogni singolo contributo sarà a fondo perduto fino al 50% dell’importo della spesa ammissibile e potrà raggiungere un massimo di 15mila euro. Il bando è consultabile sul sito internet della Regione, mentre le domande dovranno essere presentate online dall’8 luglio al 9 settembre 2019 (entro le ore 16.00). 

Potranno partecipare privati cittadini (persone fisiche, anche associate nel “condominio”) che siano proprietari di immobili a uso prevalentemente residenziale e situati in Lombardia.

Ammesse a contributo sono le spese relative ai  lavori di rimozione del cemento-amianto, ai costi di trasporto e di smaltimento dei rifiuti e i relativi oneri della sicurezza.

I manufatti oggetto dei lavori devono essere stati denunciati all’ATS competente prima della data di presentazione della domanda di finanziamento.

Alla chiusura del bando verrà redatta una graduatoria delle domande ritenute ammissibili. Quest’ultima terrà conto del quantitativo di amianto da rimuovere, dell’indice di degrado delle coperture, dell’eventuale inserimento di pannelli fotovoltaici o solari-termici e della possibilità di ricostruire il manufatto rimosso con un altro in differenti materiali. Per i soggetti ammessi in graduatoria, l’erogazione del contributo avverrà alla fine dei lavori, una volta acquisita tutta la documentazione necessaria che attesti la regolare esecuzione degli interventi di rimozione e di smaltimento.

Scheda tecnica del bando “Rimozione amianto privati” (PDF)

Per la predisposizione e l’invio online della domanda i cittadini interessati possono rivolgersi a
Micaela Cattaneo – micaela.cattaneo@asarva.org – tel. 0332 256203

TORNA SU