Cerca:
Home Start up lombarde: arriva il bando che sostiene le nuove imprese

Start up lombarde: arriva il bando che sostiene le nuove imprese

start-up-3_720bnv

Per partire, o per accelerare. Il bando di Regione Lombardia “Nuove MPMI – Sostegno alle Start up lombarde in fase di avviamento e consolidamento”, punta a favorire e stimolare l’imprenditorialità lombarda per aumentarne la sopravvivenza nel breve e medio termine. La dotazione finanziaria iniziale è di 16 milioni di euro.

La pubblicazione del bando è prevista per le prossime settimane, ma Confartigianato Imprese Artser ne anticipa i contenuti principali per permettere alle imprese di verificare per tempo i requisiti e presentare le domande appena possibile (i fondi si esauriscono velocemente).  

Interventi previsti

  • Misura A: si rivolge alle micro, piccole e medie imprese e ai liberi professionisti (singoli o studi associati) che abbaino avviato attività da massimo due anni. Per loro ci sono 6 milioni di euro volti a sostenere progetti per l’avvio di attività di nuova o recente costituzione e per le fasi di prima operatività.
    I contributi sono pari al 40% delle spese ammissibili per un importo minimo dell’investimento di 30mila euro. Il tetto massimo è fissato a 50mila euro.
  • Misura B: gli interessati sono gli stessi della Misura A, ma l’attività deve essere avviata da più di due anni e fino a 4 anni. A disposizione ci sono 10 milioni di euro volti a sostenere progetti di consolidamento ed espansione delle attività di impresa.
    I contributi sono pari al 50% delle spese ammissibili per un importo minimo dell’investimento di 40mila euro. Il tetto massimo è fissato a 75mila euro.

Spese ammissibili

Per quanto riguarda la Misura A, si va dall’acquisto di macchinari e attrezzature (compresi hardware e software) all’adeguamento di impianti e ristrutturazione locali, dalle spese di noleggio e locazione per attrezzature tecnico-specialistiche all’acquisto di licenze (anche per lo sviluppo del sito web) e servizi di consulenza.

Tra le spese inserite nella Misura B si va dall’acquisizione di sedi produttive, logistiche e commerciali all’interno del territorio regionale all’acquisto di brevetti e licenze d’uso, dalle spese per la certificazione di qualità ai servizi di consulenza esterna specialistica, dalle spese per il personale alle spese di adeguamento degli impianti e per la ristrutturazione funzionale dei locali.

Sono considerate ammissibili le spese con decorrenza dalla data di pubblicazione sul BURL della DGR di approvazione dei criteri attuativi della misura.

Verifica subito con noi se puoi ottenere i contributi.
Contatta i nostri consulenti o compila il modulo per essere richiamato.

Sede di Varese –  Paola Campiglio, paola.campiglio@asarva.org, tel. 0332.256723
Sede di Gallarate e Saronno – Laura Turconi, laura.turconi@asarva.org, tel. 0332.256601
Sede di Busto Arsizio –  Elena Saltini, elena.saltini@asarva.org, tel. 0332.256520
Sede di Tradate e Luino – Micaela Cattaneo, micaela.cattaneo@asarva.org, tel. 0332.256203
Sede di Vigevano – Enrico Bindolini, enrico.bindolini@asarva.org, tel. 0381.907706
Sede di Mortara – Enrica Portalupi, enrica.portalupi@asarva.org, tel. 0381.907611



taglia_i_costi_news_520Affidaci la tua contabilità!
Penseremo noi, senza costi aggiunti, alla predisposizione della domanda di contributo. Scopri di più >>


TORNA SU