Cerca:
Home Varese al bivio del futuro: il 5 dicembre a Ville Ponti la tappa provinciale di Territori in Tour

Varese al bivio del futuro: il 5 dicembre a Ville Ponti la tappa provinciale di Territori in Tour

Garden with fountain of palace Palazzo EstenseStretta tra la Milano sempre più attrattiva di questi anni e il Canton Ticino con la sua forza di richiamo per la manodopera e per le imprese, la provincia di Varese si trova ad un bivio strategico per il proprio futuro.

Se ne parlerà il 5 dicembre dalle 20.30 a Ville Ponti (piazza Litta, 2 – Varese) per l’ultimo appuntamento con Territori in Tour, il viaggio alla scoperta del cambiamento della provincia di Varese che Confartigianato ha compiuto in compagnia di Varesenews. Una serata conclusiva per tirare le somme e ragionare con le istituzioni e gli stakeholder del territorio su come approcciare i cambiamenti che il territorio del Varesotto sta affrontando.

La sfida principale è quella di riuscire a ritagliarsi uno spazio che sappia massimizzare il proprio ruolo di cerniera tra la nuova Milano e il Nord Europa. In quest’ottica, la presenza sul territorio  dell’aeroporto di Malpensa, secondo scalo internazionale d’Italia ma primo da anni per percentuali di crescita (tanto che Sea stima di poter superare i 30 milioni di passeggeri e toccare il milione di tonnellate di merci trasportate nel giro di pochi anni), ma anche il prossimo completamento del progetto Alptransit al di là del confine, con la provincia di Varese destinata a ospitare uno dei corridoi privilegiati per il transito delle merci dalla Svizzera verso sud, rappresentano per un territorio di frontiera come Varese l’occasione di ritagliarsi un ruolo in grado di generare concrete opportunità di sviluppo.

2160x1080_everbrite_territori-in-tour_varese

ALLA RICERCA DI UNA NUOVA VOCAZIONE
La ricerca di una nuova vocazione, dopo il ridimensionamento inevitabile del manifatturiero diffuso, che ha caratterizzato fin dal dopoguerra il tessuto socio-economico della provincia di Varese, è uno dei must su cui questo territorio dibatte ormai da anni, anche perché da un punto di vista occupazionale il sistema Varese ha risentito degli effetti della crisi del 2008 più di altre realtà lombarde.

Uno dei possibili punti di forza su cui basarsi per affrontare le nuove sfide è la policentricità e la multiformità che caratterizza il territorio della provincia di Varese, un elemento che l’esperienza di Territori in Tour ha chiaramente messo in evidenza. La presenza di due città, Varese e Busto Arsizio, che superano gli 80 mila abitanti, posizionandosi tra i primi dieci centri urbani della Lombardia, e che hanno entrambe una statura da capoluogo di provincia, si unisce alla presenza di altri due centri di medie dimensioni, Gallarate e Saronno, a loro a volta attrattive sul circondario, nonché alla caratteristica conformazione geografica che vede una netta suddivisione tra il Nord della Provincia e la sponda del Lago Maggiore, un territorio a forte impronta naturalistica e dal potenziale turistico-ricettivo, e il Sud e l’Est, un continuum urbano ad alta densità produttiva, con un manifatturiero ancora preponderante accanto a forti propensioni per il terziario e un grande potenziale da esprimere nei settori al servizio di Malpensa, ma anche in un ambito residenziale, nella logica di una sorta di hinterland di qualità per chi è proiettato verso Milano.

TANTE VOCAZIONI, UN PUNTO DI FORZA
Tante specificità su cui concentrarsi per riscoprire un potenziale di sviluppo che, in coerenza con la versatilità e la flessibilità che richiedono i tempi attuali, si rivolgerà su più assi e su più fronti. Una diversificazione di vocazioni che può di per sé rappresentare una garanzia per uno sviluppo non troppo sbilanciato e quindi più facilmente adattabile alle mutevoli condizioni dello scenario globale. Per procedere in questa direzione, emerge sempre più la necessità di fare rete, mettendo in comunicazione i vari attori del territorio e le sue eccellenza e polarizzazioni, per evitare sovrapposizioni e per non correre il rischio che le varie peculiarity, se non adeguatamente valorizzare, possano finire schiacciate dai competitor nei più solidi sistemi di Milano e della vicina Svizzera.

In particolare in settori come il turismo, la cultura, le politiche ambientali, lo sport, Dov’è è importante fare massa critica per poter svettare in un ambito non limitato alla dimensione locale. Alcuni progetti strategici attualmente in fase di gestazione sul territorio rappresentano bene questo tipo di esigenza, dalla sanità, con l’Ospedale del bambino Del Ponte di Varese al nuovo Ospedale Unico di Busto Arsizio Gallarate, alla formazione, con i due poli universitari dell’Insubria e della LIUC e gli istituti tecnici superiori, fino alla progettualità strategica in ambito infrastrutturale, con il Piano Stazioni di Varese, il progetto di recupero di Piazza Repubblica e il piano dell’area delle Nord di Busto Arsizio.

ISCRIVITI ALLA SERATA TERRITORI IN TOUR


TORNA SU