Cerca:
Home Decreto Legge Rilancio, pronto il vademecum dell’Agenzia delle Entrate

Decreto Legge Rilancio, pronto il vademecum dell’Agenzia delle Entrate

senza-titolo-2Il vademecum dell’Agenzia delle Entrate e di Agenzia delle entrate-Riscossione sul Decreto Rilancio. Una serie di slide molto schematiche per illustrare e sintetizzare tutte le novità di carattere fiscale, i bonus e le agevolazioni introdotte dal decreto legge per aiutare famiglie e imprese a fronteggiare i disagi causati dall’emergenza del coronavirus.

Dagli aiuti per l’adeguamento e la sanificazione dei luoghi di lavoro (su cui è previsto un credito d’imposta del 60% delle spese sostenute per sanificare ambienti e strumenti per acquistare dispositivi di protezione individuale) al superbonus del 100% per la casa. Dal bonus affitti per gli immobili ad uso non abitativo (credito d’imposta del 60% su quanto versato tra marzo e maggio) all’azzeramento dell’Iva sulle mascherine. E ancora, i contributi a fondo perduto per le piccole e medie imprese che hanno subito un calo del fatturato nel periodo del lockdown e lo stop ai versamenti del saldo 2019 e dell’acconto 2020 dell’Irap per gli imprenditori e i lavoratori autonomi con ricavi o compensi che non hanno superato i 250 milioni di euro nel periodo d’imposta precedente.

Nel vademecum vengono riepilogate anche le misure in favore dei contribuenti riguardanti l’attività di Agenzia delle entrate – Riscossione. Il decreto, infatti, ha disposto la sospensione fino al 31 agosto dei termini di versamento derivanti da cartelle di pagamento, avvisi di addebito e avvisi di accertamento affidati all’Agente della riscossione. La sospensione riguarda anche la notifica di nuove cartelle e degli altri atti di riscossione. Le rate 2020 della “rottamazione-ter” e del “saldo e stralcio”, se non versate alle relative scadenze, potranno essere pagate entro il 10 dicembre senza perdere le agevolazioni previste e senza oneri aggiuntivi. Scatta anche lo sblocco dei pignoramenti di stipendi e pensioni e arrivano regole più soft per le rateizzazioni in essere o richieste entro il 31 agosto. È inoltre consentita la possibilità di rateizzare i debiti relativi a piani di pagamento della “rottamazioni-ter” o del “saldo e stralcio” decaduti per mancato versamento delle rate scadute nel 2019.

L’Agenzia delle Entrate, infine, chiarisce che pur emettendo entro il 31 dicembre gli atti relativi a controlli in scadenza nel 2020, li notificherà ai contribuenti solo nel 2021, senza l’addebito degli interessi.

CONSULTA QUI IL VADEMECUM DELL’AGENZIA DELLE ENTRATE

TORNA SU