Cerca:
Home Il virus circola; Intesa Sanpaolo corre. E conquista Ubi Banca. Ecco l’Italia nello “stato di emergenza”

Il virus circola; Intesa Sanpaolo corre. E conquista Ubi Banca. Ecco l’Italia nello “stato di emergenza”

foto_conte_proroga_15_ottobrefoto_conte_proroga_15_ottobre
#Rassegnastampa

IL SENATO APPROVA LO STATO DI EMERGENZA FINO AL 15 OTTOBRE
Il virus circola ancora e bisogna tenere «un cauto livello di guardia». Anche se «non c’è alcuna intenzione di drammatizzare né di alimentare paure ingiustificate nella popolazione». Ieri, martedì 28 luglio, il Senato ha approvato lo stato di emergenza da Coronavirus fino al 15 ottobre. Questa sera, invece, si attende il via libera da parte del Consiglio dei Ministri. La proroga è stata definita dal Premier Giuseppe Conte, «inevitabile e legittima». Lo stato di emergenza, pari a 90 giorni, è prorogabile o rinnovabile di regola una sola volta – previa ulteriore deliberazione del Consiglio dei Ministri – di ulteriori sessanta giorni. Ma cosa prevede? Ecco cosa scrive l’Ansa:

  • Smart working. Con il Dpcm del 25 febbraio è stato consentito di adottare lo smart working senza necessità degli accordi individuali previsti dalla legge (81/2017) nelle sei regioni più colpite dal Covid-19. Il Dpcm del 1° marzo ha consentito di adottare la modalità semplificata a tutto il territorio nazionale fino al 31 luglio. La nuova scadenza al 15 ottobre estende ulteriormente questa possibilità. Il decreto Rilancio ha riconosciuto il diritto allo smart working ai lavoratori con figli minori di 14 anni per tutta la durata dello stato d’emergenza.
  • Scuola. Il provvedimento permetterà di acquistare tutto il materiale necessario (mascherine, gel, banchi, distanziatori di plexiglas), saltando alcuni passaggi per l’affidamento degli appalti che seguono percorsi agevolati.
  • Zone rosse. Con lo stato d’emergenza è possibile istituire delle “zone rosse” con divieti rigidi e controlli rafforzati.
  • Stop agli ingressi da altri Paesi. Si possono bloccare i voli da e per gli Stati ritenuti a rischio, oppure limitare gli ingressi in e da alcuni Paesi. In questo momento, non può entrare in Italia chi proviene (o è transitato) da 16 Paesi.
  • Presidenti di Regione e Protezione Civile. Non cessa il coordinamento attribuito alla Protezione Civile, così come non decadono i poteri straordinari assegnati ai soggetti attuatori, che nella maggior parte dei casi sono i presidenti di Regione. Resta attiva anche la funzione del Comitato tecnico scientifico.

INTESA SANPAOLO CONQUISTA UBI BANCA: NEL 2022, UTILE SOPRA I 5 MILIARDI
Lo scrive il Messaggero: «Intesa Sanpaolo conquista Ubi Banca con due giorni di anticipo rispetto alla chiusura dell’offerta pubblica di acquisto e scambio lanciata da Cà de Sass nel febbraio scorso. Le adesioni all’offerta hanno raggiunto il 71,91%, ben oltre la quota del 66,67% che serviva a Intesa per controllare l’assemblea straordinaria e quindi procedere alla fusione di Ubi». La nuova banca sarà il settimo gruppo bancario europeo per proventi operativi e il terzo per capitalizzazione dopo Bnp Paribas e Santander. Capace di numeri molto significativi: l’ammontare degli impieghi sarà di circa 460 miliardi di euro; il risparmio che gli italiani affideranno alla nuova banca supererà il valore di 1,1 trilioni di euro, i ricavi saranno pari a 21 miliardi di euro.

SAFE WORKING – IO RIAPRO SICURO: ECCO COME CAMBIA IL BANDO
Il bando “Safe Working – Io riapro sicuro” sostiene gli imprenditori nell’adozione di tutte quelle misure adeguate sia per la ripresa in sicurezza dell’attività che per i lavoratori, i clienti/utenti e i fornitori. Le domande di contributo possono essere presentate fino al 10 novembre, in modalità telematica e con firma digitale, salvo esaurimento fondi, in modalità telematica (seguiranno approfondimenti).
Per meglio rispondere alle esigenze delle aziende, la Camera di Commercio di Varese ha adottato nuovi criteri per l’assegnazione del contributo:

  • Si amplia la platea. Ora rientrano nella misura anche le strutture alberghiere, ricettive, le attività d’intrattenimento, artistiche, sale da concerto, attività della distribuzione automatica
  • Diminuisce l’investimento minimo. Passa da 2mila a 1.300 euro. L’aiuto consiste nella concessione di risorse a fondo perduto fino al 60% delle spese ammesse per le piccole imprese e fino al 70% delle spese per le microimprese. E’ di 25.000 euro il limite massimo di concessione
  • La domanda si può integrare. Le imprese che hanno già presentato la domanda sul bando, possono integrare la richiesta con la presentazione di una ulteriore domanda di contributo per le spese sostenute su altre sedi operative, o unità locali, nei limiti dei massimali già previsti.

LE IMPRESE IN ROSA CONTRO IL COVID 19
Lo dicono i dati di Unioncamere: in provincia di Varese, l’esercito delle imprenditrici ha superato la quota del 20% arrivando a 12.087. Scrive, la Prealpina: «Una impresa su 5 si colora di rosa. Guardando ai settori, il primo posto spetta ai servizi alla persona (48,5%) seguito a ruota dal turismo (28%). Spiccano anche i servizi alle imprese (22,9%), dove è soprattutto la tecnologia a fare da padrone, ma anche l’agricoltura (22,7%) e il commercio (21,6%)». Le ragioni di questa buona riuscita delle donne nel mondo imprenditoriale? Lo dice Eliana Minelli, professoressa della Scuola di Economia e Management dell’Università Liuc di Castellanza: «Le donne studiano molto di più rispetto ai loro colleghi maschi, quindi hanno conoscenze e competenze maggiori. Le vogliono fare fruttare, trovando un loro spazio anche nel mondo dell’impresa». Di famiglia, ma non solo. Insomma, «sta cambiando la visione delle organizzazioni familiari – conclude la docente -. Sempre più uomini e donne, in famiglia si scambiano i ruoli sia con i figli che con i genitori anziani. Ecco una delle chiavi che consente alle donne di diventare imprenditrici».

TORNA SU