Cerca:
Home Varese sconta la Tari alle Pmi e riceve da Regione Lombardia più di 38 milioni. L’Irpef? Si paga oggi…

Varese sconta la Tari alle Pmi e riceve da Regione Lombardia più di 38 milioni. L’Irpef? Si paga oggi…

foto_sconto_tari
#Rassegnastampa

ARRIVA IL “PIANO LOMBARDIA”. A VARESE UNA PRIMA TRANCHE DI 38 MILIONI DI EURO
E’ stato presentato il “Piano Lombardia”: 3,5 miliardi di euro messi a disposizione dalla Regione per realizzare opere dal valore complessivo di 5,5 miliardi, con interventi previsti dal 2020 al 2023. Al territorio di Varese andranno 38,3 milioni di euro, di cui 34,1 ai Comuni e 4,2 alla Provincia. Si legge su Varesenews che «il primo blocco di risorse da 400 milioni di euro, destinato ai Comuni e alle Province, ha avuto successo: tutti i 1506 comuni lombardi, in forma singola o associata, le 11 province e la Città metropolitana di Milano hanno presentato progetti, per un totale complessivo di 3021 interventi comunali e 97 provinciali. Dal prossimo 31 ottobre partiranno in Lombardia oltre tremila cantieri. I 3118 progetti presentati sono tutti validati. Nel momento in cui partiranno le opere, con la dichiarazione di avvenuto avvio dell’esecuzione dei lavori, Regione Lombardia liquiderà il 20% del contributo assegnato ad ogni progetto». Numerosi gli interventi che rientrano nel primo blocco da 400 milioni: si va dall’abbattimento delle barriere architettoniche all’adeguamento e messa in sicurezza del patrimonio comunale, delle strade, degli edifici pubblici e delle scuole. Numerosi, inoltre, gli interventi di riqualificazione urbana, per fronteggiare il dissesto idrogeologico, per il risparmio energetico degli edifici di proprietà pubblica e per l’edilizia residenziale pubblica. I 400 milioni saranno utilizzati anche per la mobilità sostenibile, il rafforzamento della fibra ottica, la realizzazione e l’ampliamento di aree “Free Wi-Fi”.

TASSA RIFIUTI: A VARESE ARRIVANO GLI SCONTI
Lo scrive la Prealpina: «Il Comune taglia la Tari alle attività costrette a chiudere durante il lockdown». La riduzione andrà dal 42 al 45% sulla parte variabile dei rifiuti. Il provvedimento, che deve essere adottato dal Consiglio comunale, interessa «attività artigiane, imprese, negozi, bar, ristoranti, alberghi, cinema e teatri. Il documento prevede un taglio che rimarrà stabile anche oltre il 2020 per tutte le utenze non domestiche, anche quelle che sono rimaste aperte durante il lockdown: in questi casi la riduzione sulla parte variabile potrà arrivare fino al 20% in base alla tipologia di attività, portando gli sconti complessivi anche fino al 9% della bolletta». Inoltre, si allungano i tempi per il pagamento della tassa rifiuti: le due rate saranno fissate al 16 novembre e 16 dicembre. Infine, verrà esteso anche l’azzeramento del Canone di occupazione spazi e aree pubbliche (Cosap) fino al 31 dicembre. Ne sono interessati i bar, i ristoranti, le attività paracommerciali e i negozi di vicinato.

IRPEF: OGGI SI VERSA SOLO IL 50%
Oggi è l’ultimo giorno per fare fronte a ben 187 pagamenti
: Iva, contributi previdenziali, Ires, Irap, saldo/acconto Irpef. Si sale a 192 se si contano due comunicazioni e tre adempimenti. Si legge sul Messaggero che «tredici di queste scadenze sono posticipi di pagamento stabiliti con i vari decreti emergenziali causa Covid». E’ il caso dell’Irpef: fatta slittare la scadenza dal decreto Rilancio, oggi l’imposta la si può pagare in un’unica soluzione oppure a rate. Il decreto Agosto ha concesso la possibilità, infatti, «di pagare entro oggi, senza sanzioni e senza interessi, solo il 50% dovuto. I contribuenti potranno versare solo il 12,50% delle somme dovute; le altre tre rate scadranno a ottobre, novembre e dicembre. La scadenza dell’altro 50% è stata rinviata al 18 gennaio 2021, senza sanzioni e senza interessi». Nuova proroga per le cartelle esattoriali: non arriveranno fino al 15 ottobre 2020 e per i pagamenti ci sarà tempo fino al 30 novembre 2020. Scrive il quotidiano: «La sospensione non riguarda però le somme richieste dall’Agenzia delle Entrate in seguito al controllo automatizzato e formale delle dichiarazioni: in questo caso il termine ultimo per il pagamento è oggi. Però, si può optare per la rateizzazione (4 rate)». Tra le nuove proroghe del Governo troviamo anche quella che fa slittare i pignoramenti di pensioni e stipendi.

CONDOMINI E PMI: PARTE IL BONUS ENERGETICO
Lo scrive il Messaggero: «Da oggi, condomini e Pmi potranno unirsi, produrre energia con fonti rinnovabili e consumarla direttamente, senza doverla immettere in rete. E potranno farlo sfruttando un incentivo ad hoc previsto dal Ministero dello Sviluppo economico a favore dell’autoconsumo e delle comunità energetiche». Se fino ad oggi non è stato possibile usufruire dell’energia prodotta con i pannelli fotovoltaici installati nei condomini se non per il vano scala, ora l’elettricità potrà essere utilizzata anche nei singoli appartamenti. Si legge, ancora, che «la tariffa incentivante è di 100 euro a MWh per le configurazioni di autoconsumo collettivo e di 110 euro a MWh per le comunità rinnovabili e varrà su un arco temporale di 20 anni dalla stipula del contratto con l’Autorità per l’energia».

TORNA SU