Cerca:
Home Giustizia lenta, un nodo per la competitività: «Uniamoci per migliorare il sistema»

Giustizia lenta, un nodo per la competitività: «Uniamoci per migliorare il sistema»

giustiziaUna giustizia più efficiente è un fattore di competitività per le imprese. Ed è uno degli ambiti su cui lavorare per la ripartenza post-Covid. Lo si è discusso nella diretta sul tema “Imprese e tempi della giustizia: un nodo da sciogliere”, che ha animato una nuova puntata del ciclo “Item d’impresa” di Confartigianato Imprese Varese. Partendo dai numeri choc della giustizia italiana. Quelli della durata media del processo civile in Italia, 8 anni e 1 mese, vale a dire più del doppio della Francia e il triplo della Germania. Oppure quelli delle cause civile pendenti, qualcosa come 3,8 milioni. Anche se diminuite dell’11,3% tra il 2016 e il 2019.

«Scontiamo un decennio di recupero del “debito” della giustizia – sottolinea Giuseppe Battarino, magistrato, scrittore e saggista – la macchina funziona meglio ma ha ancora dei limiti, e l’impressione comune rimane negativa». Sono diversi i fattori che hanno contribuito all’ingigantirsi dell’arretrato: dal fatto che «fino al 2017, per ben 18 anni non si è svolto nessun concorso per l’accesso all’amministrazione della giustizia» ad una giustizia di prossimità «devoluta ai magistrati onorari, sulla cui efficacia qualche dubbio è lecito», fino all’iniqua distribuzione delle risorse destinate al settore, che «in generale non sono inferiori a quelle degli altri Paesi europei, ma sul personale amministrativo in Italia ne abbiamo quasi la metà della media europea. E il triplo degli avvocati.

Un’inefficienza cronica che si riflette sulla quotidianità della vita di chi ha bisogno di rivolgersi alla giustizia. Spesso prevale «la sfiducia, soprattutto nelle aziende piccole», come fa notare Walter Picco Bellazzi, avvocato del Foro di Busto Arsizio e già presidente della locale sezione dell’Ordine. E il problema non è tanto e solo la durata dei giudizi, ma soprattutto delle esecuzioni, che «è un collo di bottiglia». Il rischio è che «l’impresa e il cittadino non si rivolgano più alla giustizia, fino a rinunciare ai crediti da riscuotere». Tanto che negli ultimi anni, e non solo per il ricorso ai sistemi alternativi (come la mediazione), si sta assistendo ad una «riduzione drastica» del contenzioso sul nostro territorio. Dove la situazione va da un Tribunale di Busto Arsizio che «forse è un’isola felice, con la durata dei processi tra le più basse d’Italia», come testimonia Picco Bellazzi, e quello di Varese che invece «è agli ultimi posti nel distretto della Corte d’appello di Milano», come constata amaramente Domenico Marasciulo, avvocato del Foro varesino.

Così, quello dei tempi e dell’efficienza della giustizia è un tema «da approfondire», per l’avvocato Marasciulo, che lancia una proposta: «A Varese è necessario creare tavolo tecnico tra associazioni imprenditoriali e operatori della giustizia (magistrati e personale amministrativo, ma anche avvocati, che con l’Ordine devono vigilare sulla corretta applicazione delle norme), un’interlocuzione che porti a migliorare l’efficienza della giustizia e dunque anche l’economia». Perché, ricorda Marasciulo, «la giustizia è un sistema aperto. Se è efficiente, aumenta la competitività delle imprese, mentre invece la lentezza del processo civile distorce i mercati, scoraggia gli investimenti, incentiva a disattendere gli impegni contrattuali».

Ma le norme e le riforme non bastano. «La ipercomplessità della realtà non richiede una ipercomplessità delle norme ma l’intelligenza da parte di tutti gli attori» l’invito di Giuseppe Battarino. E c’è anche un problema culturale e di comportamenti da affrontare. «Il cliente – fa notare l’avvocato Picco Bellazzi – dovrebbe considerare l’avvocato più come il medico di famiglia che non come il chirurgo, e interpellarlo preventivamente, prima che la situazione precipiti. Così facendo, si ridurrebbero anche i tempi della giustizia». Un approccio che sarebbe essenziale soprattutto per le aziende. Le quali, fa notare il giudice Battarino, «non investono abbastanza in cultura giuridica di base, che da noi non esiste». Su questo fronte, «le associazioni imprenditoriali possono giocare un ruolo», ma per Battarino occorrerebbe anche «un investimento rivoluzionario sulla fiducia reciproca» tra le parti coinvolte.

GUARDA LA PUNTATA

TORNA SU