Cerca:
Home I sette punti di forza da non sprecare: dal green all’export, opportunità targate 2021

I sette punti di forza da non sprecare: dal green all’export, opportunità targate 2021

940x788_fb_legge-bilancio-trasportoTasse posticipate. Fondi di investimento per diventare aziende più green. Incremento di risorse per sostenere l’imprenditoria femminile. Acceso facilitato ai fondi per la liquidità e proroghe delle scadenze. Semplificazione delle modalità per accedere al fondo anti usura. Ulteriori risorse per essere più competitivi all’estero e potenziare il trasporto e la logistica, movimentando merci e persone in sicurezza. Fino ad arrivare alle agevolazioni per la Transizione 4.0, che è il primo mattone su cui si fonda il Recovery Fund Italiano.

Sono sette i temi della legge di bilancio 2021 che Confartigianato Imprese considera interessanti per le opportunità offerte alle Pmi. Cosa cambia rispetto all’anno passato? In primo luogo le scadenze e l’entità dei fondi messi a disposizione. La plastic tax, ad esempio, slitta al primo luglio 2021, con sanzioni ridotte per il mancato pagamento e soglie di esenzione più alte.

Il fondo di investimento per la transizione ecologica delle Pmi stanzia 100 milioni di euro nel 2021 (diventeranno 250 milioni nel 2026) per le certificazioni ambientali, aree protette ed interventi di educazione ambientale.

E’ stato istituito il fondo a sostegno dell’impresa femminile (20 mln di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022) per promuovere e sostenere l’avvio di nuove imprese rosa e rafforzare la struttura patrimoniale di quelle esistenti.

Positive tutte le misure che favoriscono l’accesso alla liquidità, come il fondo centrale di garanzia che è stato rifinanziato con un incremento di 500 mln (allungate a 15 anni le operazioni ammissibili). Prorogate al 30 giugno le misure previste dal decreto liquidità.

Recepite le esigenze espresse da Confartigianato che ha chiesto un intervento per aiutare le aziende italiane ad aprirsi ai mercati esteri. La legge di bilancio 2021 stanzia oltre un milione di euro per l’internazionalizzazione, finanziando studi di fattibilità sull’export, partecipazione a fiere, realizzazione di show room, etc.

Arriva un segnale concreto anche contro l’usura grazie alla semplificazione delle modalità di utilizzo delle risorse disponibili (Confidi potrà erogare credito fino a 40 mila euro).

Vasto il capitolo sui trasporti che punta ad agevolare la movimentazione di merci con un’attenzione speciale alla sostenibilità ambientale. Si spazia dalla possibilità di scaricare il 30 per cento delle spese sostenute per l’acquisto di cargo bike (anche a pedalata assistita), fino all’aumento delle tariffe per la revisione periodica dei veicoli a motore, cosa che recepisce le richieste dei revisori auto di Confartigianato e che va nella direzione di garantire maggiore sicurezza agli automobilisti. Aumentate anche le risorse per potenziare il trasporto scolastico (150 mln per il 2021).

Stanziati 240 mln per sostenere misure per l’autotrasporto e la logistica, per favorire il rinnovo del parco veicolare (per il quale sono stati stanziati ulteriori 30 mln), la formazione, l’innovazione, la gestione dell’intermobilità con incentivi per il trasferimento dei trasporti su mare e rotaia. Scongiurato l’aumento delle accise sui carburanti e cancellato l’adeguamento dei pedaggi autostradali.

La legge di bilancio ha finanziato con 24 miliardi il nuovo piano nazionale Transizione 4.0, una misura che diventa strutturale e che si pone l’obiettivo di stimolare gli investimenti privati e di dare stabilità e certezze alle imprese. Il sostegno è stato prorogato al 30 giugno 2023.

CONSULTA LE SCHEDE SPECIALI DI SINTESI DI CONFARTIGIANATO

TORNA SU