Codice delle pari opportunità: il rapporto biennale sulla situazione lavorativa maschile e femminile

 

Le aziende che occupano più di 50 dipendenti, hanno l'obbligo di redigere e trasmettere il documento

Le aziende che occupano più di 50 dipendenti, hanno l'obbligo di redigere un rapporto sulla situazione lavorativa maschile e femminile nell’azienda. Lo prevede l'art. 46 del D.lgs 198/2006, cosiddetto “Codice delle pari opportunità”.

Il documento, da compilare esclusivamente in modalità telematica, deve essere trasmesso ogni due anni, entro il 30 aprile dell’anno successivo alla scadenza di ciascun biennio.

Rapporto sulle pari opportunità: le aziende interessate 

L’obbligo di compilare e trasmettere il rapporto biennale sulla situazione lavorativa degli uomini e delle donne in azienda riguardava, fino allo scorso anno, solo le aziende che occupavano più di 100 dipendenti.

La Legge n. 162 del 5 novembre 2021, entrata in vigore lo scorso 3 dicembre 2021, ha modificato il Codice delle pari opportunità (D.lgs 198/2006) prevedendo, al fine di realizzare una più incisiva parità di genere all’interno delle aziende, che l’obbligo di redigere il rapporto si estendesse anche ai datori di lavoro che occupano più di 50 dipendenti. 

Per tali aziende, in precedenza non tenute all’elaborazione del rapporto biennale, la compilazione del modello dovrà fare riferimento ai dati sulla situazione del personale al 31 dicembre 2019.

Ai fini della determinazione del numero di dipendenti, deve essere considerata tutta la forza lavoro a qualunque titolo occupata in azienda, inclusi gli apprendisti.

Resta la facoltà, su base volontaria, per le aziende che non raggiungono i requisiti occupazionali previsti dalla norma, di redigere comunque il rapporto con le stesse modalità delle aziende interessate dall’obbligo.

Un'altra modifica, introdotta dalla Legge n. 162 del 5 novembre 2021, riguarda le tempistiche di redazione del rapporto. Mentre la vecchia formulazione dell’articolo 46, faceva genericamente riferimento ad una periodicità almeno biennale, ora è stata resa fissa e strutturale la compilazione del documento con cadenza fissa biennale.

Si segnala che le imprese coinvolte in bandi pubblici del Piano di Ripresa e Resilienza (“PNRR”) e del Piano Nazionale Complementare (“PNC”) hanno l’obbligo, tra i documenti richiesti di fornire copia del rapporto sulla situazione occupazionale maschile e femminile.

I contenuti del documento e le modalità di trasmissione

Il rapporto sulla situazione del personale maschile e femminile serve a raccogliere un insieme di informazioni indispensabili a valutare il rispetto delle norme previste dal Codice delle pari opportunità, nell’ottica di rendere effettiva l’applicazione della parità di genere e l’assenza di ogni forma di discriminazione.

Quanto ai contenuti, infatti, il documento si concentra sulla situazione del personale maschile e femminile in ciascuna professione, analizzando il numero di assunzioni, la formazione erogata, l’inquadramento, le retribuzioni corrisposte, nonché l’intervento della cassa integrazione guadagni, il numero di licenziamenti e i pensionamenti.

Il rapporto biennale sulla situazione del personale maschile e femminile deve essere trasmesso esclusivamente in modalità telematica, utilizzando un apposito modello disponibile sul sito istituzionale del Ministero del Lavoro e deve essere successivamente inviato alle rappresentanze sindacali aziendali, cosiddette “RSA”.

Le sanzioni

Quanto alle sanzioni, la norma prevede che l’Ispettorato Nazionale del Lavoro, qualora accerti che il rapporto non sia stato trasmesso, diffida l’azienda ad adempiere entro 60 giorni e, qualora questa non provveda applica una sanzione amministrativa da € 103 ad € 516. Invece, qualora il rapporto trasmesso, contenga informazioni mendaci o incomplete, l’INL applica una sanzione amministrativa pecuniaria da € 1.000 ad € 5.000.

Servizi correlati

Sostieni la tua impresa #novitàlavoro

Migliorare la gestione del personale e riorganizzare il lavoro in azienda...
Scopri di più

Consulenza del lavoro

Affianchiamo i datori di lavoro nella scelta del giusto contratto di lavoro, per ridurre i...
Scopri di più

Consulenza per la riorganizzazione aziendale

La riduzione dei costi per la tua azienda passa anche dalla gestione e dalla ...
Scopri di più

Consulenza legale e giuslavoristica

Gestire i cambiamenti e le trasformazioni aziendali comporta risvolti giuridico-legali sempre...
Scopri di più

Ricerca del personale

Riuscire a selezionare i collaboratori che siano in linea con le aspettative...
Scopri di più

Assunzioni agevolate: gli incentivi disponibili

Scegliere la persona giusta al momento giusto, in azienda può fare la differenza. Non...
Scopri di più

Consulenza giuslavoristica e sindacale

Leggi, regolamenti, contratti cambiano in continuazione. Per gestire questa complessità,...
Scopri di più

Apprendistato Professionalizzante Art. 44 D.Lgs. 81/2015

Il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato che si...
Scopri di più

Medicina del Lavoro

La medicina del lavoro per un’azienda è uno strumento determinante, che va...
Scopri di più

Paghe Online - MYeBox

La soluzione smart per l’amministrazione del personale. I cedolini paghe dei tuoi...
Scopri di più

Formazione obbligatoria dipendenti CCNL Metalmeccanica Industria

Il CCNL Metalmeccanica Industria prevede che, per supportare lo sviluppo delle competenze...
Scopri di più

Formazione finanziata con i Fondi interprofessionali

Con i Fondi interprofessionali le imprese possono finanziare la formazione in azienda e creare...
Scopri di più

Licenziamenti e conciliazione

Assistenza alle aziende nei momenti di crisi aziendale tramite consulenza e gestione...
Scopri di più

Consulenza per la sicurezza in azienda

Ti sosteniamo e troviamo le soluzioni più adeguate, con continuità nel...
Scopri di più