Corte di Cassazione: criteri di scelta nei licenziamenti collettivi

 

Riaffermato il principio secondo il quale è legittima l’adozione concordata tra le parti sociali

Con l’ordinanza n. 36451 del 24 novembre 2021, la Corte di Cassazione ha stabilito che, nell’ambito di un licenziamento collettivo, è legittima l’adozione concordata tra le parti sociali di criteri di scelta dei lavoratori da licenziare anche difformi da quelli legali, purché rispondenti a requisiti di obiettività e razionalità. Inoltre, è legittima la scelta di escludere dalla comparazione i lavoratori di equivalente professionalità che siano però addetti ad unità produttive non soppresse dislocate sul territorio nazionale.

Il fatto affrontato

La Corte d’Appello di Roma aveva accolto il reclamo proposto da una società e, di conseguenza, aveva rigettato le domande proposte da alcuni lavoratori intese ad ottenere l’accertamento dell’illegittimità del licenziamento loro intimato nell’ambito di una procedura di licenziamento collettivo.

In sintesi, i giudici di merito avevano escluso la violazione dei criteri di scelta di cui all'art. 5, Legge 223/1991, per avere la società delimitato il bacino di comparazione per individuare i dipendenti da licenziare ai soli lavoratori addetti alle unità produttive destinate alla chiusura. Ciò pur sussistendo fungibilità di mansioni con altri lavoratori addetti ad altre sedi.

Contro la sentenza della Corte d’Appello, i lavoratori proponevano ricorso in Cassazione.

La decisione della Corte di Cassazione

La Corte di Cassazione, rigettando il ricorso dei lavoratori e sostenendo la decisione della Corte di Appello, ha riaffermato il principio secondo il quale nell’ambito di un licenziamento collettivo è legittima l’adozione concordata tra le parti sociali di criteri di scelta dei lavoratori da licenziare anche difformi da quelli legali, purché rispondenti a requisiti di obiettività e razionalità.

La delimitazione della platea dei lavoratori coinvolti nella procedura è ritenuta legittima, ove non sia trascurato, nella scelta dei lavoratori impiegati nel sito soppresso o ridotto, il possesso di professionalità equivalente di addetti ad altre realtà organizzative".

Tuttavia, nel caso in esame, “l'infungibilità delle mansioni è stata individuata nella peculiarità di ogni sito produttivo, in ragione delle commesse trattate, ognuna esigente una diversa e specifica formazione” da realizzare attraverso “l'attuazione di interventi formativi, organizzativi e logistici” (trasferimenti collettivi) “incompatibili con la situazione economica dell'azienda”.

La Suprema Corte ha, pertanto, confermato la legittimità della scelta di escludere dalla comparazione i lavoratori addetti ad unità produttive non soppresse dislocate sul territorio nazionale. Ciò in quanto il mantenimento in servizio dei dipendenti appartenenti all’unità soppressa esigerebbe il loro trasferimento in altra sede, con aggravio di costi per l’azienda e interferenza sull’assetto organizzativo.

Servizi correlati

Consulenza legale e giuslavoristica

Gestire i cambiamenti e le trasformazioni aziendali comporta risvolti giuridico-legali sempre...
Scopri di più

Bando Formare per Assumere

Con decreto n. 9190 del 6 luglio 2021, Regione Lombardia ha approvato il...
Scopri di più

Sostieni la tua impresa #novitàlavoro

Migliorare la gestione del personale e riorganizzare il lavoro in azienda...
Scopri di più

Consulenza del lavoro

Affianchiamo i datori di lavoro nella scelta del giusto contratto di lavoro, per ridurre i...
Scopri di più

Consulenza per la riorganizzazione aziendale

La riduzione dei costi per la tua azienda passa anche dalla gestione e dalla ...
Scopri di più

Consulenza giuslavoristica e sindacale

Leggi, regolamenti, contratti cambiano in continuazione. Per gestire questa complessità,...
Scopri di più

Ricerca del personale

Riuscire a selezionare i collaboratori che siano in linea con le aspettative...
Scopri di più

Assunzioni agevolate: gli incentivi disponibili

Scegliere la persona giusta al momento giusto, in azienda può fare la differenza. Non...
Scopri di più

Formazione obbligatoria dipendenti CCNL Metalmeccanica Industria

Il CCNL Metalmeccanica Industria prevede che, per supportare lo sviluppo delle competenze...
Scopri di più

Licenziamenti e conciliazione

Assistenza alle aziende nei momenti di crisi aziendale tramite consulenza e gestione...
Scopri di più

Apprendistato Professionalizzante Art. 44 D.Lgs. 81/2015

Il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato che si...
Scopri di più

Valutazione rischio gestanti e lavoratrici madri

Rischio, prevenzione e tutela delle lavoratrici. La tutela delle lavoratrici madri e gestanti...
Scopri di più

Consulenza per la sicurezza in azienda

Ti sosteniamo e troviamo le soluzioni più adeguate, con continuità nel...
Scopri di più

Medicina del Lavoro

La medicina del lavoro per un’azienda è uno strumento determinante, che va...
Scopri di più