Corte di Cassazione: pagamento del preavviso a carico della parte che vi rinunci

 

Lo ha stabilito la Suprema Corte con Ordinanza del 13 ottobre 2021

Con l’ordinanza n. 27934 del 13 ottobre 2021, la Corte di Cassazione ha stabilito che, a seguito delle dimissioni del lavoratore, un’eventuale rinuncia del datore di lavoro al periodo di preavviso non comporta alcun diritto del lavoratore al pagamento della corrispondente indennità sostitutiva, posta la natura obbligatoria del preavviso e la libera rinunziabilità alla sua prestazione da parte del datore di lavoro.

I fatti causa

La Corte di Appello di Torino, confermando la sentenza di primo grado, aveva rigettato l’opposizione dell’azienda al decreto ingiuntivo, ottenuto dal lavoratore dimissionario, volto al conseguimento del pagamento dell’indennità sostitutiva del preavviso alla cui prestazione il lavoratore era stato esonerato per espressa rinuncia dell’azienda stessa.

In sintesi, i giudici di merito, avevano stabilito che la rinuncia al periodo di preavviso da parte dell’azienda, a fronte delle dimissioni del lavoratore, non la esonerava dal pagamento della relativa indennità sostitutiva. Il lavoratore, infatti, pur avendo firmato per ricevuta e accettazione quanto comunicatogli dall’azienda, non aveva mai espresso la propria volontà di rinunciare all’indennità sostitutiva del preavviso.

Avverso la decisione della Corte di Appello, l’azienda proponeva ricorso in Cassazione.

La decisione della Corte di Cassazione

La Corte di Cassazione, accogliendo il ricorso dell’azienda datrice di lavoro, definisce il preavviso come un mero obbligo collegato all’esercizio del recesso dal rapporto di lavoro. La parte recedente è, infatti, libera di scegliere tra “la prosecuzione del rapporto di lavoro durante il periodo di preavviso e la corresponsione a controparte dell’indennità, con immediato effetto risolutivo del recesso”.

Nel caso in cui la parte recedente, nell’esercizio delle sue facoltà, decida di proseguire il rapporto lavorativo fino al termine del periodo di preavviso, esercita liberamente, dunque, un proprio interesse.

La parte non recedente - ovverosia l’azienda, nel caso di specie - qualora rinunci al preavviso, nulla deve a controparte, “la quale non può vantare alcun diritto alla prosecuzione del rapporto fino al termine del preavviso”. Allo stesso modo, la parte che recede, non potrà richiedere il pagamento dell’indennità sostitutiva per il preavviso non prestato a seguito di espressa rinuncia di controparte.

La Suprema Corte ha, pertanto, stabilito che in capo alla parte non recedente (nel caso di specie, l’azienda) che rinunci alla prestazione del preavviso della parte recedente (il lavoratore dimissionario), si configuri un diritto di credito dalla stessa azienda liberamente rinunziabile e ad essa non possano ricondursi obblighi di alcun tipo, che risulterebbero “in contrasto con le fonti delle obbligazioni indicate nell’art. 1173 cod. civ”.

Servizi correlati

Bando Formare per Assumere

Con decreto n. 9190 del 6 luglio 2021, Regione Lombardia ha approvato il...
Scopri di più

Apprendistato Professionalizzante Art. 44 D.Lgs. 81/2015

Il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato che si...
Scopri di più

Ricerca del personale

Riuscire a selezionare i collaboratori che siano in linea con le aspettative...
Scopri di più

Consulenza per la sicurezza in azienda

Ti sosteniamo e troviamo le soluzioni più adeguate, con continuità nel...
Scopri di più

Valutazione rischio gestanti e lavoratrici madri

Rischio, prevenzione e tutela delle lavoratrici. La tutela delle lavoratrici madri e gestanti...
Scopri di più

Sanità integrativa MOA - Formula Persona

Moa, protegge la tua salute,  quella dei tuoi famigliari e dei tuoi collaboratori. ...
Scopri di più

Bando internazionalizzazione - Camera di Commercio di Pavia

Per rafforzare la capacità delle MPMI della provincia di Pavia di operare sui mercati...
Scopri di più

Opportunità dal mondo: selezione delle richieste di prodotti italiani
Ottobre 2022

Una selezione delle richieste di prodotti italiani pervenute dai partner commerciali ed...
Scopri di più

Contributi a fondo perduto per la formazione 2022 - 2023

Con i contributi a fondo perduto messi a disposizione da Camera di Commercio di Varese per...
Scopri di più

Opportunità dal mondo: selezione delle richieste di prodotti italiani
Settembre 2022

Una selezione delle richieste di prodotti italiani pervenute dai partner commerciali ed...
Scopri di più

Contributi Formazione 2022/2023: scegli i corsi finanziati per te e i tuoi dipendenti

Scegli di aggiornarti e di ridurre i costi con i contributi messi a disposizione dalla...
Scopri di più

Bando Disegni + 2022

Il Bando Disegni + 2022 supporta le imprese di micro, piccola e media dimensione nella...
Scopri di più

Bando Marchi + 2022

Il bando intende supportare le imprese di micro, piccola e media dimensione nella tutela dei...
Scopri di più