Lavoratore part-time costretto a tempo pieno: è reato di sfruttamento

 

La Cassazione ha statuito che equivale a capolarato pagare come part-time che lavora a tempo pieno

Il reato di sfruttamento del lavoro, ex articolo 603 bis Codice penale, si perfeziona attraverso modalità alternative che riguardano non solo l’assunzione, ma anche l’utilizzazione o l’impiego di manodopera in condizione di sfruttamento o con approfittamento dello stato di bisogno.

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 24388 del 24 giugno 2022, ha pertanto statuito che obbligare i dipendenti a osservare l’orario di lavoro a tempo pieno, pagandoli come part-time, equivale a caporalato.

I fatti di causa

Il legale rappresentante e l’amministratore di fatto di una società di persone venivano condannate in primo grado dal Tribunale di Lamezia Terme, sentenza di condanna confermata anche dalla Corte di Appello di Catanzaro, per il reato di sfruttamento del lavoro previsto e punito dall’articolo 603 bis c.p. per aver costretto i dipendenti ad accettare la trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, con riproporzionamento della retribuzione, pur obbligandoli a lavorare a tempo pieno.

Con ricorso per Cassazione della sentenza emessa dalla Corte di Appello di Catanzaro gli imputati hanno contestato l’applicabilità ai fatti di causa dell’articolo 603 bis c.p. in quanto, al momento dell’assunzione dei dipendenti, la predetta fattispecie incriminatrice non era ancora stata introdotta nel codice penale.

Secondo la difesa degli imputati, infatti, il reato di sfruttamento del lavoro sarebbe un reato istantaneo con effetti permanenti, dunque un reato che trova il proprio perfezionamento al solo momento dell’assunzione e non invece nel corso del rapporto di lavoro (durante il quale era entrato in vigore il reato di cui all’articolo 603 c.p.).

La decisione della Corte di Cassazione

La Corte di Cassazione ha preliminarmente osservato che l’articolo 603 bis c.p., al fine di realizzare un’ampia ed efficace tutela delle concrete situazioni che possano realizzarsi in ambito lavorativo, prevede che il reato di sfruttamento del lavoro si perfezioni attraverso modalità alternative che riguardano non solo l’assunzione, ma anche l’utilizzazione o l’impiego di manodopera.

La Cassazione definisce dunque il reato di sfruttamento del lavoro un reato istantaneo con effetti permanenti il cui perfezionamento si realizza anche attraverso l’impiego o l’utilizzazione di manodopera in condizioni di sfruttamento e con approfittamento dello stato di bisogno.

La lesione del bene giuridico protetto dalla norma permane dunque finché perdura la condizione di sfruttamento ed approfittamento.

Ciò premesso la Corte di Cassazione ha confermato la condanna degli imputati per il reato di sfruttamento del lavoro ex articolo 603 c.p.

Servizi correlati

Consulenza legale e giuslavoristica

Gestire i cambiamenti e le trasformazioni aziendali comporta risvolti giuridico-legali sempre...
Scopri di più

Bando Formare per Assumere

Con decreto n. 9190 del 6 luglio 2021, Regione Lombardia ha approvato il...
Scopri di più

Sostieni la tua impresa #novitàlavoro

Migliorare la gestione del personale e riorganizzare il lavoro in azienda...
Scopri di più

Consulenza del lavoro

Affianchiamo i datori di lavoro nella scelta del giusto contratto di lavoro, per ridurre i...
Scopri di più

Consulenza per la riorganizzazione aziendale

La riduzione dei costi per la tua azienda passa anche dalla gestione e dalla ...
Scopri di più

Licenziamenti e conciliazione

Assistenza alle aziende nei momenti di crisi aziendale tramite consulenza e gestione...
Scopri di più

Consulenza giuslavoristica e sindacale

Leggi, regolamenti, contratti cambiano in continuazione. Per gestire questa complessità,...
Scopri di più

Bando internazionalizzazione - Camera di Commercio di Pavia

Per rafforzare la capacità delle MPMI della provincia di Pavia di operare sui mercati...
Scopri di più

Opportunità dal mondo: selezione delle richieste di prodotti italiani
Ottobre 2022

Una selezione delle richieste di prodotti italiani pervenute dai partner commerciali ed...
Scopri di più

Contributi a fondo perduto per la formazione 2022 - 2023

Con i contributi a fondo perduto messi a disposizione da Camera di Commercio di Varese per...
Scopri di più

Opportunità dal mondo: selezione delle richieste di prodotti italiani
Settembre 2022

Una selezione delle richieste di prodotti italiani pervenute dai partner commerciali ed...
Scopri di più

Contributi Formazione 2022/2023: scegli i corsi finanziati per te e i tuoi dipendenti

Scegli di aggiornarti e di ridurre i costi con i contributi messi a disposizione dalla...
Scopri di più

Bando Disegni + 2022

Il Bando Disegni + 2022 supporta le imprese di micro, piccola e media dimensione nella...
Scopri di più

Bando Marchi + 2022

Il bando intende supportare le imprese di micro, piccola e media dimensione nella tutela dei...
Scopri di più