Le fatture con descrizioni generiche sono contestabili

 

Ma se la spesa è documentata, la detrazione dell’IVA è legittima.

Con l’ordinanza 3.11.2022, n. 32369 la Cassazione ha rigettato il ricorso dell’Agenzia, che contestava la deduzione del costo e la detraibilità dell’Iva di fatture per l’estrema genericità delle indicazioni  riportate.

L’art. 21, c. 2, lett. g) D.P.R. 633/1972 dispone che le fatture debbano contenere la natura, la qualità e la quantità dei beni e dei servizi formanti oggetto dell’operazione. Da questo discende che la fattura che riporta indicazione generiche è passibile di recupero da parte dell’Agenzia delle Entrate che ne può contestare la deducibilità del costo e la detraibilità dell’Iva. A trattare questo argomento è intervenuta di recente la Cassazione, con l’ordinanza 3.11.2022, n. 32369, ma sullo stesso tema era l’ordinanza 29.11.2021, n. 37208.

Il punto chiave nelle due sentenze è il medesimo: se il contribuente che si è dedotto il costo di una fattura con un’indicazione generica, riesce a integrare con ulteriore documentazione in suo possesso, è legittimato alla deduzione del costo e alla detrazione dell’Iva, viceversa nel caso opposto.

Nella più recente ordinanza il contribuente, dovendo difendersi dal ricorso presentato dall’Agenzia delle Entrate, era in possesso di documentazione aggiuntiva che poteva dimostrare l’assoluta veridicità dell’operazione, ossia il contratto di collaborazione con la ditta che gli aveva emesso fattura e il registro con i nominativi delle pratiche evase.

Le fatture erano state emesse dalla ditta fornitrice per recuperare il credito in via stragiudiziale, indicando soltanto la dicitura “prestazioni per vostro conto”. Avendo fornito questa evidenza la controparte ha la possibilità di dedursi il costo e anche di detrarsi l’Iva, in quanto, sebbene l’irregolarità della fattura, non redatta secondo i principi di cui all’art. 21 suddetto, faccia venir meno la presunzione di veridicità dell’operazione, ai fini della verifica del diritto alla detrazione dell’Iva, l’Amministrazione Finanziaria deve considerare anche le eventuali altre informazioni fornite, tra cui documenti, messaggi, informazioni complementari forniti dal soggetto passivo. In questo caso il ricorso dell’Agenzia è stato rigettato.

Di opposta conclusione, invece, è l’ordinanza del 29.11.2021 nella quale la tematica e lo scenario sono i medesimi, ma in tal caso il contratto di appalto addotto come documentazione aggiuntiva per giustificare la genericità nella descrizione dell’operazione in fattura, non recava data certa, né il compenso stabilito, né modalità e quantità delle prestazioni pattuite. Tutto ciò generava “gravi irregolarità” legittimanti il ricorso all’accertamento induttivo del reddito imponibile. È, infatti, onere del contribuente fornire ulteriori informazioni complementari per dimostrare l’effettività, l’inerenza, la certezza, la determinatezza e la competenza dei costi che si sono portati in deduzione, non essendo sufficiente che la spesa sia stata contabilizzata.

Da queste due ordinanze è senz’altro opportuno ricordare di conservare la documentazione che attesti il rapporto/contratto intrapreso con il fornitore, per esempio anche scambiandosi PEC e descrivendo e specificando, opportunamente natura, qualità e quantità dei beni e servizi che formano l’oggetto dell’operazione.

Servizi correlati

Taglia i costi della contabilità - OFFERTA LIMITATA

Se scegli di aderire a questa offerta limitata entro il 30 luglio 2021 potrai tagliare i...
Scopri di più

Consulenza gestionale

Seguiamo l’azienda in ogni suo passo per definire le aree di forza, consigliarla su...
Scopri di più

Consulenza fiscale

Commercialisti, consulenti e professionisti nella gestione tributaria e fiscale, a disposizione...
Scopri di più

Regimi contabili

Il regime contabile di un’impresa, lavoratore autonomo o professionista, può...
Scopri di più

Redazione di bilancio

I nostri commercialisti accompagnano le aziende, di qualsiasi dimensioni esse siano, in una...
Scopri di più

Analisi finanziaria

Consulenti esperti visitano le imprese e ne analizzano: redditività, liquidità,...
Scopri di più

Scontrino Elettronico - MYeBox

Memorizzare elettronicamente e trasmettere telematicamente i dati relativi ai corrispettivi...
Scopri di più

Bando Formare per Assumere

Con decreto n. 9190 del 6 luglio 2021, Regione Lombardia ha approvato il...
Scopri di più

Rimborso accise sul gasolio per autotrazione

Le imprese che esercitano attività di trasporto merci in conto proprio e/o in conto...
Scopri di più

Help Superbonus 110%

Il Superbonus 110% rappresenta una grande opportunità per il rilancio delle imprese...
Scopri di più

Credito agevolato e contributi

Assistiamo le imprese ad  accedere alle agevolazioni  al credito e ai bandi previsti...
Scopri di più

Bando internazionalizzazione - Camera di Commercio di Pavia

Per rafforzare la capacità delle MPMI della provincia di Pavia di operare sui mercati...
Scopri di più

Opportunità dal mondo: selezione delle richieste di prodotti italiani
Ottobre 2022

Una selezione delle richieste di prodotti italiani pervenute dai partner commerciali ed...
Scopri di più

Contributi a fondo perduto per la formazione 2022 - 2023

Con i contributi a fondo perduto messi a disposizione da Camera di Commercio di Varese per...
Scopri di più

Opportunità dal mondo: selezione delle richieste di prodotti italiani
Settembre 2022

Una selezione delle richieste di prodotti italiani pervenute dai partner commerciali ed...
Scopri di più