Offende l'azienda su Facebook: legittimo il licenziamento

 

La sentenza della Corte di Cassazione n. 27939 del 13 ottobre 2002

Con sentenza del 13 ottobre 2021, n. 27939, la Corte di Cassazione ha ritenuto legittimo il licenziamento disciplinare per grave insubordinazione nei confronti di un lavoratore che ha pubblicato su Facebook un post con contenuti gravemente offensivi nei confronti dei vertici aziendali.

I fatti causa

Nel novembre 2016 un lavoratore dipendente di una società di comunicazione pubblicitaria veniva licenziato per giusta causa per aver pubblicato sul social network Facebook un post dal contenuto giudicato “altamente e gravemente offensivo” contro il proprio datore di lavoro e alcuni vertici aziendali.

Il lavoratore impugnava il licenziamento ma l’impugnazione non veniva accolta né in primo grado nel giudizio di impugnazione in grado di appello. Il lavoratore decideva così di depositare ricorso innanzi alla Suprema Corte di Cassazione.

La decisione della Corte di Cassazione

Il lavoratore, richiamando il combinato disposto degli artt. 15 Costituzione, 2697 codice civile e 595 codice penale, deduceva preliminarmente l’illegittima acquisizione da parte della società dei post presenti sulla propria pagina Facebook, in quanto destinati alla comunicazione esclusiva con i propri “amici” e pertanto espressamente riservata.

La Corte di Cassazione, chiamata dunque a pronunciarsi circa la possibilità di utilizzare il post pubblicato sul social network quale idoneo fondamento della contestazione disciplinare, ha statuito che l'esigenza di tutela della libertà e segretezza delle comunicazioni può essere riferita soltanto a messaggi scambiati in una chat – che possono essere equiparati alla corrispondenza privata, chiusa e inviolabile – in quanto diretti unicamente agli iscritti ad un determinato gruppo e non ad una moltitudine indistinta di persone. Secondo i Giudici di legittimità, non sussiste, invece, una tale esigenza di protezione nel caso in cui il messaggio sia pubblicato in un profilo Facebook, mezzo da considerarsi idoneo a determinare la circolazione del relativo contenuto tra un gruppo indeterminato di persone.

Ancora secondo quando sostenuto dal lavoratore, la pubblicazione del “post” sul social network risulterebbe incompatibile con qualsiasi condotta denigratoria e diffamatoria, trattandosi invece di mera libertà di espressione.

Anche tale motivo di ricorso per cassazione è stato respinta dalla Suprema Corte che ha invece statuito come “la critica rivolta ai superiori con modalità esorbitanti dall’obbligo di correttezza formale dei toni e dei contenuti, oltre a contravvenire alle esigenze di tutela della persona umana riconosciute dall’art. 2 Cost., può essere di per sé suscettibile di arrecare pregiudizio all’organizzazione aziendale, dal momento che l’efficienza di quest’ultima riposa sull’autorevolezza di cui godono i suoi dirigenti, quadri e intermedi ed essa risente un indubbio pregiudizio allorché il lavoratore, con toni ingiuriosi, attribuisca loro qualità manifestamente disonorevoli”.

Servizi correlati

Consulenza legale e giuslavoristica

Gestire i cambiamenti e le trasformazioni aziendali comporta risvolti giuridico-legali sempre...
Scopri di più

Sostieni la tua impresa #novitàlavoro

Migliorare la gestione del personale e riorganizzare il lavoro in azienda...
Scopri di più

Consulenza del lavoro

Affianchiamo i datori di lavoro nella scelta del giusto contratto di lavoro, per ridurre i...
Scopri di più

Consulenza per la riorganizzazione aziendale

La riduzione dei costi per la tua azienda passa anche dalla gestione e dalla ...
Scopri di più

Licenziamenti e conciliazione

Assistenza alle aziende nei momenti di crisi aziendale tramite consulenza e gestione...
Scopri di più

Consulenza giuslavoristica e sindacale

Leggi, regolamenti, contratti cambiano in continuazione. Per gestire questa complessità,...
Scopri di più

Bando Formare per Assumere 2022-2023

Regione Lombardia ha approvato la seconda edizione del  bando “Formare per...
Scopri di più

Apprendistato Professionalizzante Art. 44 D.Lgs. 81/2015

Il contratto di apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato che si...
Scopri di più

Ricerca del personale

Riuscire a selezionare i collaboratori che siano in linea con le aspettative...
Scopri di più

Consulenza per la sicurezza in azienda

Ti sosteniamo e troviamo le soluzioni più adeguate, con continuità nel...
Scopri di più

Valutazione rischio gestanti e lavoratrici madri

Rischio, prevenzione e tutela delle lavoratrici. La tutela delle lavoratrici madri e gestanti...
Scopri di più

Medicina del Lavoro

La medicina del lavoro per un’azienda è uno strumento determinante, che va...
Scopri di più

Smart working o lavoro agile

Lo  smart working o “lavoro agile”  è una maggiore ...
Scopri di più

Paghe Online - MYeBox

La soluzione smart per l’amministrazione del personale. I cedolini paghe dei tuoi...
Scopri di più