Tari: entro il 31 maggio la scelta tra servizio pubblico o ricorso al mercato

 

Lo stabilisce il Decreto Sostegni pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 22 marzo

È entrato in vigore il 23 marzo 2021, il Decreto Sostegni (Dl 41/21, pubblicato su Gazzetta Ufficiale il 22 marzo 2021) recante “Misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da COVID-19”.

Il provvedimento, oltre a misure di sostegno economico, prevede anche importanti disposizioni relative alla Tari e al termine entro cui dovrà essere effettuata la scelta, da parte delle utenze non domestiche che producono rifiuti urbani, di avvalersi del servizio pubblico o del ricorso al mercato, prevista dall’art. 3 comma 12 del D.lgs. n. 116/2020.

Al comma 5 dell’art. 30 il Decreto Sostegni ha stabilito che la scelta tra servizio pubblico o privato deve essere comunicata al Comune, o al gestore del servizio rifiuti in caso di tariffa corrispettiva, entro il 31 maggio

Il Decreto ha inoltre fissato al 30 giugno 2021 il termine che i Comuni devono rispettare per l’approvazione delle tariffe e dei regolamenti della Tari e della tariffa corrispettiva, sulla base del piano economico finanziario del servizio di gestione dei rifiuti.

Sugli aspetti relativi alla comunicazione e alla scadenza da parte delle imprese, Confartigianato chiederà lo stralcio in fase di conversione in legge del DL 41/20, in forza del Testo Unico Ambientale, così come modificato dal Decreto Legislativo 116/2020, che non prevede comunicazioni né scadenze e non riporta vincoli annuali per la decisione. Una scelta che, oltretutto, risulterebbe troppo complessa per le imprese in piena emergenza Covid e con l’incertezza sul futuro e sulla produzione.

La questione della Tari si inserisce in un confronto più ampio e aperto che riguarda il principio di equità della tassa rifiuti, ovvero che la tariffa corrisponda al servizio erogato, un principio che tuttavia non è ancora correttamente applicato. Ad oggi infatti le imprese che intenderanno avvalersi del servizio pubblico per la gestione dei loro rifiuti verseranno la Tari (quota fissa e variabile), ma le imprese che intenderanno rivolgersi a privati dovrebbero vedersi esonerati dal pagamento al servizio pubblico.

In tal senso sarà presentato, sempre da parte di Confartigianato, un emendamento al DL "Rigenerazione Urbana", in esame ora presso le Commissioni parlamentari.

Tags:

Servizi correlati

TARI: detassazione aree produttive e magazzini

Le superfici su cui si svolgono lavorazioni industriali o artigianali   e i magazzini...
Scopri di più

RAEE - Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche

Sono RAEE le apparecchiature elettriche ed elettroniche di cui il possessore intenda disfarsi...
Scopri di più

DVR - Documento di Valutazione dei Rischi

Il DVR , Documento di Valutazione dei Rischi  contiene i rischi e le misure preventive per...
Scopri di più

Gestione Rifiuti

La gestione dei rifiuti in Italia è disciplinata dalla Parte quarta del Testo Unico...
Scopri di più

Tenuta Registro di carico e scarico rifiuti online

Il Servizio di tenuta del Registro di carico e scarico rifiuti consiste nella...
Scopri di più

Consulenza ambientale

Consulenza ambientale per le aziende - AIA, AUA, SCIA, Gestione rifiuti, Emissioni in...
Scopri di più

MUD - Modello Unico di Dichiarazione Ambientale

Il MUD (Modello Unico di Dichiarazione Ambientale) è la comunicazione che le imprese...
Scopri di più

Emissioni in atmosfera

Ogni azienda per essere operativa è tenuta ad ottenere una preventiva autorizzazione per...
Scopri di più

CAIT - Centro Assistenza Impianti Termici

Il Servizio CAIT (Centro Assistenza Impianti Tecnici) offre alle imprese del settore Impianti...
Scopri di più

Bando Fai Credito Rilancio 2022

Per prevenire le crisi di liquidità e migliorare le condizioni di accesso al credito...
Scopri di più

Bonus Export digitale 2022

I "bonus export digitale" sono contributi finalizzati a sviluppare...
Scopri di più

Fondo Impresa femminile 2022

Il bando disciplina le modalità di azione del Fondo impresa femminile, al fine di...
Scopri di più

Bando Impianti innovativi a biomassa

Il bando di Regione Lombardia è destinato a  incentivare la sostituzione degli...
Scopri di più

Bando Digital Export 2022

Il sistema camerale lombardo e Regione Lombardia sostengono le piccole e medie imprese che...
Scopri di più

Bando Economia Circolare Lombardia 2022

Favorire la transizione delle piccole e medie imprese lombarde verso un modello di economia...
Scopri di più