Addetto al primo soccorso: cosa succede se non si aggiorna entro tre anni

 

Requisiti, obblighi e sanzioni

La sicurezza è d'obbligo: lo sa bene il datore di lavoro che deve avere sott'occhio tutte le scadenze degli obblighi formativi per sè e suoi dipendenti.

Tra i tanti corsi di aggiornamento per la sicurezza in azienda occorre porre particolare attenzione anche a quello dei lavoratori designati come addetti al primo soccorso. L'aggiornamento, infatti, è da fare almeno ogni tre anni.

Se non aggiornato la nomina sarebbe ancora valida? Quali le conseguenze di un mancato aggiornamento? L'addetto al primo soccorso deve eventualmente ripetere di nuovo il corso di prima formazione?

Obbligo formativo e aggiornamento

L'articolo 37 del D.lgs n.81/2008 prevede l'obbligo di una specifica formazione base e dell'aggiornamento periodico dei lavoratori incaricati del primo soccorso. I contenuti e la durata della prima formazione teorica e pratica (secondo quanto previsto dal Decreto ministeriale 388/2003), prevede che "la formazione dei lavoratori designati andrà ripetuta con cadenza triennale almeno per quanto attiene alla capacità di intervento pratico", ma non dice nulla in merito agli effetti derivanti dal mancato aggiornamento nel termine stabilito.

Requisiti dell’addetto al primo soccorso 

La prima formazione base e l'aggiornamento sono requisiti necessari per lo svolgimento dell'incarico di addetto al primo soccorso. Il datore di lavoro è tenuto a vigilare sul possesso del requisito dell'aggiornamento della formazione di tali figure, in quanto è essenziale per assicurare all'azienda un'organizzazione efficace in caso di emergenza come richiesto dal D.lgs n.81/2008.

Il Dm 388/2003 prevede l'obbligo di un percorso formativo in tre moduli di cui solo l'ultimo, finalizzato ad acquisire capacità di intervento pratico, è sottoposto all'obbligo dell'aggiornamento triennale di almeno 6 ore per le aziende del gruppo “A” e di almeno 4 ore per quelle dei gruppi “B” e “C”. Questo provvedimento ha evidenti analogie con quello relativo alla formazione e all'aggiornamento degli Rspp e Aspp previsto nell'Accordo Stato Regioni del 7 luglio 2016. Qui si specifica che anche la funzione di addetto al primo soccorso "deve ritenersi non esercitabile se non viene completato l'aggiornamento riferito al periodo indicato dalle specifiche norme".

Il mancato aggiornamento entro il termine di tre anni dell'addetto al primo soccorso non determina dunque l'obbligo di ripetere l'intero corso di prima formazione, ma la sospensione dal compito fino a quando lo stesso addetto non frequenti e completi il corso di aggiornamento previsto dal Dm 388/2003.

In pratica il lavoratore addetto al primo soccorso non può svolgere le funzioni attribuite fino a che non si aggiorna per la parte pratica. Secondo quanto previsto dall'Accordo Stato Regioni del 2016, l'aggiornamento dovrà essere assolto in aula (e non con modalità e-learning) e tenuto da un medico formatore e personale specializzato.

Sanzioni per il datore di lavoro

Il mancato aggiornamento dalla formazione dell'addetto al primo soccorso comporta per il datore di lavoro la sanzione dell'arresto da due a quattro mesi o dell'ammenda da 1.315,20 a 5.699,20 euro (l'ammenda raddoppia se la violazione si riferisce a più di cinque lavoratori e triplica se si riferisce a più di dieci lavoratori). Resta l'applicazione dei benefici della prescrizione obbligatoria in caso di regolarizzazione dell'illecito.

I corsi di Artser
Artser organizza i corsi di aggiornamento per gli addetti al primo soccorso. Contattaci per conoscere le prossime date.

Servizi correlati

Certificazione F-Gas e gestione Banca Dati

La certificazione F-Gas o "Patentino Frigoristi" è un documento obbligatorio ...
Scopri di più

Scuola di formazione Versione Beta

Mettiamo a tua disposizione  strumenti e metodologie innovative , per garantire i ...
Scopri di più

Consulenza per la sicurezza in azienda

Ti sosteniamo e troviamo le soluzioni più adeguate, con continuità nel...
Scopri di più

DVR - Documento di Valutazione dei Rischi

Il DVR , Documento di Valutazione dei Rischi  contiene i rischi e le misure preventive per...
Scopri di più

OT23 (ex OT24)

L'Inail premia con uno "sconto" denominato " oscillazione per prevenzione...
Scopri di più

RSPP Esterno

Con il servizio di nomina ed incarico come RSPP esterno, Confartigianato Artser garantisce alle...
Scopri di più

DPI - Dispositivi di Protezione Individuale

I DPI, Dispositivi di Protezione Individuale, sono tutte quelle attrezzature o...
Scopri di più

Moca – Materiali e oggetti destinati al contatto con alimenti

I Moca, Materiali o Oggetti a Contatto con gli Alimenti, sono tutti i prodotti destinati a...
Scopri di più

Sicurezza nei luoghi di lavoro: prevenire i rischi

I sistemi di  prevenzione , le  buone prassi  e la  gestione dei potenziali...
Scopri di più

Gestione Rifiuti

La gestione dei rifiuti in Italia è disciplinata dalla Parte quarta del Testo Unico...
Scopri di più

Consulenza ambientale

Consulenza ambientale per le aziende - AIA, AUA, SCIA, Gestione rifiuti, Emissioni in...
Scopri di più

POS - Piano Operativo di Sicurezza

Il POS (Piano Operativo di Sicurezza) è un documento obbligatorio ai sensi del D.Lgs....
Scopri di più

Certificazioni di Qualità ISO

ISO 14001, 45001, 9001. Sosteniamo le imprese nella certificazione per aggiungere valore...
Scopri di più

Certificazione UNI EN ISO 45001

La Certificazione UNI EN ISO 45001:2018 “Sistemi di gestione per la salute e...
Scopri di più

HACCP - Hazard Analysis Critical Control Point

Gli operatori del settore alimentare hanno l’obbligo di predisporre, attuare e...
Scopri di più