Il contributo a fondo perduto "perequativo": modalità e termini di presentazione delle istanze

 

Il modello telematico dovrà essere presentato entro il 28 dicembre 2021

Il Decreto n. 73/2021 (c.d. “Sostegni-bis”) ha previsto, fra l’altro, il riconoscimento di un contributo a fondo perduto “con finalità perequative”, calcolato sul risultato economico d’esercizio. Con il recente provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 29 novembre scorso, n. 336196, sono stati definiti il contenuto, le modalità e i termini di presentazione dell’istanza per l’ac­ces­so al contributo.

Soggetti beneficiari

Possono beneficiare del contributo i soggetti:

  • esercenti attività d’impresa, arte e professione o che producono reddito agrario;
  • titolari di partita IVA attiva al 26.5.2021, residenti o stabiliti nel territorio dello Stato.

Il contributo non spetta:

  • ai soggetti che hanno attivato la partita IVA successivamente al 26.5.2021;
  • ai soggetti la cui attività è cessata e, quindi, la partita IVA è stata chiusa alla data del 26.5.2021;
  • agli enti pubblici di cui all’art. 74 del TUIR;
  • agli intermediari finanziari e alle società di partecipazione di cui all’art. 162-bis del TUIR.
Condizioni

Il contributo spetta a condizione che:

  • i ricavi/compensi 2019 (per i soggetti “solari”) non siano superiori a 10 milioni di euro;
  • vi sia un peggioramento del risultato economico d’esercizio relativo al periodo d’imposta in corso al 31.12.2020 almeno pari al 30% rispetto a quello del periodo d’imposta in corso al 31.12.2019.
Misura del contributo

L’ammontare del contributo è calcolato applicando una percentuale (variabile in relazione ai ricavi del soggetto) alla differenza tra il risultato economico d’esercizio relativo al periodo d’imposta in corso al 31.12.2020 rispetto a quello relativo al periodo d’imposta in corso al 31.12.2019, diminuita dei contributi a fondo perduto eventualmente riconosciuti dall’Agenzia delle Entrate.

Le percentuali applicabili a tale differenza sono, in dettaglio:

  • 30%, per i soggetti con ricavi/compensi 2019 non superiori a 100.000 euro;
  • 20%, per i soggetti con ricavi/compensi 2019 compresi tra 100.000 e 400.000 euro;
  • 15%, per i soggetti con ricavi/compensi 2019 compresi tra 400.000 e 1 milione di euro;
  • 10%, per i soggetti con ricavi/compensi 2019 compresi tra 1 e 5 milioni di euro;
  • 5%, per i soggetti con ricavi/compensi 2019 compresi tra 5 e 10 milioni.

L’importo del contributo non può essere comunque superiore a 150.000 euro.

Il contributo a fondo perduto è erogato nel rispetto dei limiti e delle condizioni previsti dalla Comu­nicazione della Commissione europea 19.3.2020 C(2020) 1863 final “Quadro temporaneo per le mi­­sure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19”, e suc­ces­sive modifiche.

Adempimenti

I soggetti interessati devono:

  • aver presentato entro il 30.9.2021 la dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta in corso al 31.12.2020 (modello REDDITI 2021);
  • presentare un’apposita istanza telematica all’Agenzia delle Entrate entro il 28 dicembre 2021, indicando – tra l’altro – l’IBAN del conto corrente sul quale desiderano ricevere l’accredito ed attestando il possesso dei requisiti previsti.

Se del caso, è possibile entro il 28 dicembre prossimo:

  • presentare una nuova istanza, in sostituzione di quella precedentemente trasmessa;
  • rinunciare al contributo precedentemente richiesto.
Aspetti fiscali e controlli

Il contributo a fondo perduto non concorre alla formazione della base imponibile ai fini delle impo­ste sui redditi e del valore della produzione netta ai fini IRAP.
Successivamente all’erogazione del contributo, l’Agenzia delle Entrate effettuerà:

  • il controllo dei dati dichiarati;
  • controlli specifici per la prevenzione dei tentativi di infiltrazioni criminali.
  • Qualora dai controlli emerga che il contributo sia in tutto o in parte non spettante, l’Agen­zia delle Entrate:
  • recupererà il con­tributo non spettante, con i relativi interessi;
  • irrogherà sanzioni dal 100% al 200% del contributo indebitamente percepito, con possibilità di applicare il ravve­di­mento operoso.

L’indebita percezione del contributo è inoltre soggetta alla pena della reclusione da 3 mesi a 6 anni ai sensi dell’art. 316-ter c.p. (o sanzione ammi­ni­strativa in determinate circostanze).

È comunque consentita la regolarizzazione spontanea da parte del contribuente, mediante re­sti­tuzione del contributo indebitamente percepito e dei relativi interessi, nonché mediante ver­sa­men­to delle sanzioni.

Servizi correlati

Bando Formare per Assumere

Con decreto n. 9190 del 6 luglio 2021, Regione Lombardia ha approvato il...
Scopri di più

Taglia i costi della contabilità - OFFERTA LIMITATA

Se scegli di aderire a questa offerta limitata entro il 30 luglio 2021 potrai tagliare i...
Scopri di più

Consulenza gestionale

Seguiamo l’azienda in ogni suo passo per definire le aree di forza, consigliarla su...
Scopri di più

Consulenza fiscale

Commercialisti, consulenti e professionisti nella gestione tributaria e fiscale, a disposizione...
Scopri di più

Regimi contabili

Il regime contabile di un’impresa, lavoratore autonomo o professionista, può...
Scopri di più

Redazione di bilancio

I nostri commercialisti accompagnano le aziende, di qualsiasi dimensioni esse siano, in una...
Scopri di più

Rimborso accise sul gasolio per autotrazione

Le imprese che esercitano attività di trasporto merci in conto proprio e/o in conto...
Scopri di più

Help Superbonus 110%

Il Superbonus 110% rappresenta una grande opportunità per il rilancio delle imprese...
Scopri di più

Analisi finanziaria

Consulenti esperti visitano le imprese e ne analizzano: redditività, liquidità,...
Scopri di più

Bando internazionalizzazione - Camera di Commercio di Pavia

Per rafforzare la capacità delle MPMI della provincia di Pavia di operare sui mercati...
Scopri di più

Opportunità dal mondo: selezione delle richieste di prodotti italiani
Ottobre 2022

Una selezione delle richieste di prodotti italiani pervenute dai partner commerciali ed...
Scopri di più

Contributi a fondo perduto per la formazione 2022 - 2023

Con i contributi a fondo perduto messi a disposizione da Camera di Commercio di Varese per...
Scopri di più

Opportunità dal mondo: selezione delle richieste di prodotti italiani
Settembre 2022

Una selezione delle richieste di prodotti italiani pervenute dai partner commerciali ed...
Scopri di più

Contributi Formazione 2022/2023: scegli i corsi finanziati per te e i tuoi dipendenti

Scegli di aggiornarti e di ridurre i costi con i contributi messi a disposizione dalla...
Scopri di più

Bando Disegni + 2022

Il Bando Disegni + 2022 supporta le imprese di micro, piccola e media dimensione nella...
Scopri di più